×

Nous utilisons des cookies pour rendre LingQ meilleur. En visitant le site vous acceptez nos Politique des cookies.


image

Salvatore racconta, #53 – Roberto Baggio, il Divin Codino

#53 – Roberto Baggio, il Divin Codino

Trascrizione dal podcast Salvatore racconta, episodio pubblicato il 12 marzo 2022.

Distribuito con licenza Creative Commons CC-BY 4.0 non commerciale.

Pasadena, California, 17 luglio 1994.

È una calda sera d'estate. Qui, a due passi da Los Angeles, c'è il Rose Bowl. Un enorme stadio di football che può ospitare più di 90.000 persone.

Quella sera però non si gioca a football. Il campo è ridotto. Alle estremità, al posto delle due porte a forma di acca ci sono due reti. Sull'erba non ci sono linee parallele a segnare le yard.

Perché quella sera, al Rose Bowl, si gioca una partita di calcio.

All'epoca il calcio non è molto popolare tra gli americani. Eppure lo stadio è pieno. Perché quella che si sta giocando non è una partita qualsiasi, ma la finale della Coppa del mondo.

Una di fronte all'altra, a lottare per il titolo, ci sono Italia e Brasile.

Nonostante l'importanza, però, non è una partita molto spettacolare. Dopo i 90 minuti regolamentari e i 30 minuti supplementari, il risultato è ancora zero a zero.

Per decidere chi, tra Italia e Brasile, alzerà al cielo la coppa del mondo si andrà ai rigori.

La lotteria dei rigori. Dove vince chi è più bravo, chi è più fortunato, chi ha i nervi più saldi.

Dopo quattro giri di rigori, il Brasile è avanti 3 a 2. Questo significa che se l'Italia sbaglia il prossimo, la partita è finita e la coppa non sarà azzurra ma verdeoro.

Sul dischetto, per quel momento chiave, c'è l'uomo del destino del calcio italiano.

Quello che indossa la maglia numero 10, la maglia dei campioni e della fantasia.

Pronto a tirare il rigore decisivo c'è Roberto Baggio, il Divin Codino.

Tutto il mondo lo sta aspettando. Tutta l'Italia trattiene il fiato per lui.

L'arbitro fischia, Baggio prende la rincorsa. Tira. E cambia per sempre la storia del calcio italiano.

Non si può capire bene quello che è successo quella notte a Pasadena senza sapere cosa è successo prima.

Roberto Baggio è stato il simbolo di una generazione, il calciatore più forte di tutti. Quello con più talento, con più fantasia, con più genialità.

Quello che ogni ragazzino italiano ha sognato di diventare. Giocando per strada o al campetto.

Del resto, lo stesso Roberto Baggio ha cominciato così. Tirando calci a un pallone ogni pomeriggio della sua infanzia, nel suo paesino in provincia di Vicenza. Come tutti i suoi coetanei.

Solo che rispetto ai suoi coetanei, Baggio aveva la stessa passione, ma un talento infinitamente superiore.

E infatti già a 13 anni, quando ancora non deve farsi la barba, è già un calciatore del Vicenza.

A sedici anni esordisce in prima squadra, tra i professionisti. Ha i capelli lunghi, e li tiene legati in un codino. Non immagina ancora quanto diventerà iconico quel codino.

Quello che conta però sono i suoi piedi. Si muove come un ballerino. Con il pallone sempre attaccato. Come se i suoi scarpini fossero di ferro e la palla una calamita.

È chiaramente un predestinato, ma la fortuna gli volta subito le spalle. A 18 anni, durante una partita, si fa male a un ginocchio. Sembra una cosa seria. È una cosa seria. Il chirurgo che lo opera gli dà 220 punti di sutura.

Un ginocchio ridotto così male a un'età così giovane può significare la fine prematura della sua carriera. Le speranze, in effetti, sono ridotte al lumicino.

Baggio però non si butta giù. È ancora un ragazzino, ma ha le idee chiare. Trova la sua strada nella meditazione e si avvicina al buddismo. Una scelta decisamente controcorrente nell'Italia degli anni '80, soprattutto per un giovane calciatore.

Nel frattempo c'è chi crede in lui, nonostante l'infortunio. È la Fiorentina, che decide di comprarlo per la stagione successiva.

Quando Baggio arriva a Firenze, incontra subito l'entusiasmo dei suoi nuovi tifosi. Lui da quell'entusiasmo sembra quasi spaventato, ha bisogno di tempo per tornare in forma e inoltre, con grande sfortuna, si fa male di nuovo. I tifosi viola però sono pazienti, intuiscono il suo talento e aspettano il suo momento. Che arriverà. Esattamente un anno dopo il secondo infortunio.

In quella stagione, la Fiorentina rischia di retrocedere in serie B. Alla fine del campionato ha bisogno di punti per salvarsi. E una delle ultime occasioni per conquistarli è contro il Napoli di Maradona. Una partita che i napoletani pensano di vincere in carrozza. Fino a quando l'arbitro non fischia un calcio di punizione per la Fiorentina. Tira Roberto Baggio. E il ragazzo insicuro, arrivato a Firenze dopo un grave infortunio, davanti a Maradona tira una punizione perfetta. La pennellata di un pittore. È il goal che vale il pareggio. Un punto prezioso. La Fiorentina è salva. I tifosi viola hanno trovato il loro nuovo eroe.

Baggio resta a Firenze per altri tre anni. Gli infortuni ormai sembrano acqua passata. Lui corre, inventa, dribbla, e soprattutto segna. Nel 1990 chiude il campionato al secondo posto nella classifica dei cannonieri. Davanti a lui una leggenda, Marco Van Basten. Dietro di lui, un'altra leggenda, Diego Maradona.

Ormai è chiaro che il posto di Baggio è tra quei giocatori lì, nell'olimpo del calcio. Se ne rendono conto alla Fiorentina, ma anche altrove.

In particolare a Torino, a casa della Juventus. Che in quel periodo è in crisi di risultati e ha bisogno di una nuova identità. Il presidente dei bianconeri, Gianni Agnelli, è pronto a fare carte false per avere Baggio.

Offre molti soldi alla Fiorentina e mostra spavalderia con i giornali. È sicuro che Baggio a breve sarà juventino. I tifosi della Fiorentina reagiscono con preoccupazione e con rabbia. Lo stesso Baggio, ogni volta che può, dichiara ai giornali la sua volontà di restare a Firenze.

Quelli però sono anni in cui l'opinione dei calciatori non conta granché. Gli affari li fanno i presidenti.

E che i presidenti di Fiorentina e Juventus stiano trattando per Roberto Baggio è un segreto di Pulcinella. Ovvero, in teoria è un segreto, in pratica lo sanno tutti.

Baggio soffre molto per questa situazione. Non è tranquillo e gioca al di sotto del suo livello. Come nella partita più importante della stagione. La finale di Coppa Uefa che la Fiorentina giocherà, per ironia della sorte, contro la Juventus.

La Fiorentina è arrivata in finale a sorpresa, ma avrebbe le carte in regola per puntare alla vittoria. Le cose però vanno diversamente, Baggio resta in ombra, gioca male e la coppa prende la strada di Torino.

Poche settimane dopo, la stessa strada la fa anche Roberto Baggio.

È ufficiale. Firma un contratto con la Juventus.

A Firenze i tifosi sono ciechi di rabbia. Organizzano proteste e manifestazioni.

Per fortuna però, quell'estate, l'Italia del calcio ha altro a cui pensare. È il 1990, ci sono i mondiali e sono proprio in Italia. Gli azzurri sono forti e motivati. Ci tengono a fare bella figura davanti al pubblico di casa.

Baggio è uno dei calciatori più attesi e fa esultare l'Italia intera con un goal di bellezza incredibile contro la Cecoslovacchia. Quei mondiali però saranno deludenti alla fine per l'Italia. Che perde in semifinale contro l'Argentina ai calci di rigore.

È una doccia fredda per tutti. Calciatori e tifosi speravano di festeggiare la vittoria della coppa a Roma e invece niente. Baggio, come gli altri calciatori, va in vacanza. Al suo ritorno lo aspetta una nuova avventura. A strisce bianche e nere.

Gli inizi alla Juventus non sono facili per Roberto Baggio. I tifosi si aspettano molto, mentre lui pensa ancora a Firenze. E la cosa si vede benissimo proprio il giorno di Fiorentina-Juventus.

Allo stadio di Firenze, per la Juventus e per Baggio la partita è subito dura. I tifosi viola fanno un tifo infernale e la Fiorentina segna il goal del vantaggio. Uno a zero. Poi la Juventus si conquista un rigore. Un'occasione per pareggiare. Toccherebbe a Baggio tirare. Ma lui si rifiuta. Dice che il portiere viola lo conosce troppo bene. Ma la verità è che non se la sente. Al suo posto tira Deagostini, che sbaglia.

A metà del secondo tempo, Baggio viene sostituito. È chiaro che non è nelle condizioni mentali per dare il meglio. Mentre esce dal campo, alcuni tifosi della Fiorentina lo insultano, altri lo applaudono. Uno di loro tira in campo una sciarpa viola. Baggio la vede, la raccoglie, la porta con sé. È il suo modo per dire ai fiorentini: non vi ho dimenticato.

I suoi nuovi tifosi, quelli juventini, non sono troppo contenti, ma chiudono un occhio. Anche perché da lì in poi Baggio comincia a giocare molto bene e chiude la stagione con 27 goal segnati.

E negli anni successivi, esplode definitivamente. Senza infortuni gravi a bloccarlo, Baggio riporta la Juventus in alto, la rende competitiva per la vittoria del campionato e, nel 1993, gioca una stagione così incredibile da vincere il Pallone d'Oro.

Arriviamo così all'estate del 1994. Quella dei mondiali negli Stati Uniti.

La squadra azzurra è di alto livello e Baggio naturalmente è la sua punta di diamante.

Roby però non parte benissimo. Nelle prime partite gioca poco, gioca male, litiga con il commissario tecnico Arrigo Sacchi. L'Italia si qualifica alla fase successiva per il rotto della cuffia.

Ma lì, qualcosa si sblocca. Roberto Baggio sale in cattedra e trascina gli azzurri con cinque goal in tre partite. Praticamente da solo, porta l'Italia in finale.

Ed eccoci lì, dove eravamo partiti. A Pasadena.

Baggio è in campo quella sera, ma non è al cento per cento. Contro la Spagna in semifinale, si è fatto male e contro il Brasile non è riuscito a brillare.

Ora però ci sono i rigori. Il suo rigore.

Se segna, c'è ancora una speranza. Se sbaglia, il Brasile sarà campione del mondo.

Un peso enorme da sopportare. Ma è sulle spalle del numero 10, del migliore degli azzurri, che in tante occasioni ha salvato i suoi compagni.

In Italia, per il fuso orario, è notte fonda. Baggio va sul dischetto mentre una nazione intera sta passando la notte in bianco sperando di esultare con lui.

L'arbitro fischia, Baggio prende la rincorsa. Tira.

Alto.

Quello che succede dopo sembra un film al rallentatore. Roby che guarda la palla volare. Il portiere brasiliano che esulta. I tifosi del Brasile allo stadio che urlano di gioia.

È finita. Il Brasile è campione del mondo. L'Italia esce dal campo a testa bassa.

Mastica amaro, Roberto Baggio. Ha vinto il pallone d'oro, ma non è riuscito a diventare campione del mondo.

Quell'evento lo segna nel profondo, ma la sua carriera non finisce lì. Ha davanti altri dieci anni di calcio ad alti livelli.

Anni in cui viene fuori il suo carattere poco incline al compromesso. Litiga praticamente con ogni allenatore che incontra. Dopo il mondiale del 94, resta alla Juventus ancora un anno, quanto basta per vincere lo scudetto, e poi cambia squadra in continuazione. Milan, Bologna, Inter, Brescia.

Dopo i mondiali del 90 e del 94, Roby Baggio partecipa anche a quelli del 98. Ai quarti di finale, contro la Francia campione di casa, sono di nuovo i rigori a decidere chi andrà avanti. Baggio deve tirare il primo. E lo segna, questa volta. Può scacciare i suoi fantasmi privati. Anche se è un sollievo relativo. Perché alla fine di quel pomeriggio, la Francia va in semifinale e l'Italia torna a casa.

Baggio però non demorde. Passa i quattro anni successivi con un chiodo fisso. Partecipare al suo quarto mondiale, nel 2002. Il commissario tecnico, Giovanni Trapattoni, decide però di lasciarlo a casa. Baggio ormai sembra sul viale del tramonto, il suo fisico non dà garanzie.

Dopo quel mondiale mancato, Baggio gioca ancora due anni e si ritira nel 2004, da calciatore del Brescia. Eroe di una piccola squadra di provincia. Forse il simbolo giusto per un calciatore che è stato davvero il campione degli italiani.

Che non si è legato mai del tutto a una squadra o a una città, ma si è trovato a essere idolo di un popolo intero.

Il calcio italiano non ha più avuto un calciatore così amato e universale. Come canta Cesare Cremonini in una sua famosa canzone, “da quando Baggio non gioca più, non è più domenica”.

#53 – Roberto Baggio, il Divin Codino #Nr. 53 - Roberto Baggio, der Divin Codino #53 - Ρομπέρτο Μπάτζιο, ο Divin Codino #53 - Roberto Baggio, the Divine Tail. #53 - Roberto Baggio, el Divino Codino #53 - Roberto Baggio, le Divin Codino #53 - Roberto Baggio, de goddelijke Codino #53 - Roberto Baggio, o Divino Codino #53 - Роберто Баджо, божественный кодино #53 - Роберто Баджо, Божественне Кодіно

__Trascrizione dal podcast Salvatore racconta, episodio pubblicato il 12 marzo 2022.__ Transcription du podcast que Salvatore narre, épisode publié le 12 mars 2022.

__Distribuito con licenza Creative Commons CC-BY 4.0 non commerciale.__ Distribué sous une licence non commerciale Creative Commons CC-BY 4.0.

Pasadena, California, 17 luglio 1994.

È una calda sera d'estate. C'est une chaude soirée d'été. Qui, a due passi da Los Angeles, c'è il Rose Bowl. C'est ici, à deux pas de Los Angeles, que se trouve le Rose Bowl. Un enorme stadio di football che può ospitare più di 90.000 persone. Un immense stade de football pouvant accueillir plus de 90 000 personnes.

Quella sera però non si gioca a football. Il n'y a pas de match de football ce soir-là. Il campo è ridotto. Le champ est réduit. Alle estremità, al posto delle due porte a forma di acca ci sono due reti. Aux extrémités, à la place des deux portes en forme d'acca, se trouvent deux filets. Sull'erba non ci sono linee parallele a segnare le yard. Sur le gazon, il n'y a pas de lignes parallèles pour marquer les yards.

Perché quella sera, al Rose Bowl, si gioca una partita di calcio.

All'epoca il calcio non è molto popolare tra gli americani. Eppure lo stadio è pieno. Perché quella che si sta giocando non è una partita qualsiasi, ma la finale della Coppa del mondo.

Una di fronte all'altra, a lottare per il titolo, ci sono Italia e Brasile.

Nonostante l'importanza, però, non è una partita molto spettacolare. Dopo i 90 minuti regolamentari e i 30 minuti supplementari, il risultato è ancora zero a zero.

Per decidere chi, tra Italia e Brasile, **alzerà al cielo la coppa** del mondo si andrà ai rigori.

La lotteria dei rigori. Dove vince chi è più bravo, chi è più fortunato, chi ha i nervi più saldi.

Dopo quattro giri di rigori, il Brasile è avanti 3 a 2. Questo significa che se l'Italia sbaglia il prossimo, la partita è finita e la coppa non sarà azzurra ma verdeoro.

Sul dischetto, per quel momento chiave, c'è l'uomo del destino del calcio italiano. On the penalty spot, for that key moment, there is the man who is the destiny of Italian football.

Quello che indossa la maglia numero 10, la maglia dei campioni e della fantasia. The one wearing the number 10 jersey, the jersey of champions and creativity.

Pronto a tirare il rigore decisivo c'è Roberto Baggio, il Divin Codino. Roberto Baggio, der Divin Codino, ist bereit, den entscheidenden Elfmeter zu schießen. Ready to take the decisive penalty is Roberto Baggio, the Divine Ponytail.

Tutto il mondo lo sta aspettando. Tutta l'Italia **trattiene il fiato** per lui. Ganz Italien hält den Atem für ihn an.

L'arbitro fischia, Baggio prende la rincorsa. Tira. E cambia per sempre la storia del calcio italiano.

Non si può capire bene quello che è successo quella notte a Pasadena senza sapere cosa è successo prima. Man kann nicht wirklich verstehen, was in jener Nacht in Pasadena geschah, wenn man nicht weiß, was vorher geschah.

Roberto Baggio è stato il simbolo di una generazione, il calciatore più forte di tutti. Quello con più talento, con più fantasia, con più genialità. Derjenige mit dem größten Talent, der größten Fantasie, dem größten Genie.

Quello che ogni ragazzino italiano ha sognato di diventare. Giocando per strada o al campetto. Spielen auf der Straße oder auf dem Spielplatz.

Del resto, lo stesso Roberto Baggio ha cominciato così. Schließlich hat Roberto Baggio selbst so angefangen. After all, Roberto Baggio himself started this way. Tirando calci a un pallone ogni pomeriggio della sua infanzia, nel suo paesino in provincia di Vicenza. Come tutti i suoi coetanei.

Solo che rispetto ai suoi coetanei, Baggio aveva la stessa passione, ma un talento infinitamente superiore.

E infatti già a 13 anni, quando ancora non deve farsi la barba, è già un calciatore del Vicenza. Und tatsächlich ist er bereits mit 13 Jahren, als er sich noch nicht rasieren musste, ein Fußballer aus Vicenza.

A sedici anni esordisce in prima squadra, tra i professionisti. Ha i capelli lunghi, e li tiene legati in un codino. Er hat langes Haar, das er zu einem Zopf gebunden hat. Non immagina ancora quanto diventerà iconico quel codino. Sie können sich immer noch nicht vorstellen, wie ikonisch dieser Pferdeschwanz werden wird.

Quello che conta però sono i suoi piedi. Si muove come un ballerino. Con il pallone sempre attaccato. Come se i suoi scarpini fossero di ferro e la palla una calamita.

È chiaramente un predestinato, ma la fortuna gli volta subito le spalle. Er ist eindeutig ein prädestinierter Mann, aber das Glück kehrt ihm bald den Rücken zu. A 18 anni, durante una partita, si fa male a un ginocchio. Im Alter von 18 Jahren verletzte er sich während eines Spiels am Knie. Sembra una cosa seria. È una cosa seria. Il chirurgo che lo opera gli dà 220 punti di sutura.

Un ginocchio ridotto così male a un'età così giovane può significare la fine **prematura** della sua carriera. A knee so damaged at such a young age could mean the premature end of his career. Le speranze, in effetti, **sono ridotte al lumicino**. Die Hoffnungen sind in der Tat gering. Hopes, indeed, are dwindling.

Baggio però non si butta giù. Baggio wirft sich jedoch nicht zu Boden. But Baggio doesn't give up. È ancora un ragazzino, ma ha le idee chiare. Trova la sua strada nella meditazione e si avvicina al buddismo. Una scelta decisamente **controcorrente** nell'Italia degli anni '80, soprattutto per un giovane calciatore.

Nel frattempo c'è chi crede in lui, nonostante l'infortunio. Es gibt aber auch diejenigen, die trotz der Verletzung an ihn glauben. È la Fiorentina, che decide di comprarlo per la stagione successiva.

Quando Baggio arriva a Firenze, incontra subito l'entusiasmo dei suoi nuovi tifosi. Lui da quell'entusiasmo sembra quasi spaventato, ha bisogno di tempo per tornare in forma e inoltre, con grande sfortuna, si fa male di nuovo. Dieser Enthusiasmus scheint ihn fast zu erschrecken, er braucht Zeit, um wieder in Form zu kommen, und außerdem verletzt er sich mit großem Pech wieder. I tifosi **viola** però sono pazienti, intuiscono il suo talento e aspettano il suo momento. Fiorentina fans, however, are patient, they recognize his talent and await his moment. Che arriverà. Das wird kommen. Which will come. Esattamente un anno dopo il secondo infortunio. Exactly one year after the second injury.

In quella stagione, la Fiorentina rischia di retrocedere in serie B. Alla fine del campionato ha bisogno di punti per salvarsi. E una delle ultime occasioni per conquistarli è contro il Napoli di Maradona. Una partita che i napoletani pensano di vincere in carrozza. Ein Spiel, von dem die Neapolitaner glauben, dass sie es im Streitwagen gewinnen werden. A match that the Neapolitans think they will win easily. Fino a quando l'arbitro non fischia un calcio di punizione per la Fiorentina. Bis der Schiedsrichter einen Freistoß für Fiorentina pfeift. Until the referee awards a free kick to Fiorentina. Tira Roberto Baggio. Roberto Baggio schießt. Roberto Baggio takes the shot. E il ragazzo insicuro, arrivato a Firenze dopo un grave infortunio, davanti a Maradona tira una punizione perfetta. Und der unsichere Junge, der nach einer schweren Verletzung in Florenz angekommen ist, schießt einen perfekten Freistoß vor Maradona. La **pennellata** di un pittore. Der Pinselstrich eines Malers. È il goal che vale il pareggio. Es ist das Tor, das den Ausgleichstreffer erzielt. Un punto prezioso. La Fiorentina è salva. I tifosi viola hanno trovato il loro nuovo eroe.

Baggio resta a Firenze per altri tre anni. Gli infortuni ormai sembrano acqua passata. Verletzungen scheinen jetzt Schnee von gestern zu sein. Lui corre, inventa, dribbla, e soprattutto segna. Er rennt, erfindet, dribbelt und schießt vor allem Tore. Nel 1990 chiude il campionato al secondo posto nella **classifica dei cannonieri**. Davanti a lui una leggenda, Marco Van Basten. Vor ihm stand eine Legende: Marco Van Basten. Dietro di lui, un'altra leggenda, Diego Maradona.

Ormai è chiaro che il posto di Baggio è tra quei giocatori lì, nell'olimpo del calcio. Se ne rendono conto alla Fiorentina, ma anche altrove. Das wissen sie bei der Fiorentina, aber auch anderswo.

In particolare a Torino, a casa della Juventus. Che in quel periodo è in crisi di risultati e ha bisogno di una nuova identità. Il presidente dei **bianconeri**, Gianni Agnelli, è pronto a fare carte false per avere Baggio. Der Präsident der Bianconeri, Gianni Agnelli, ist bereit, alle Hebel in Bewegung zu setzen, um Baggio zu holen.

Offre molti soldi alla Fiorentina e mostra spavalderia con i giornali. È sicuro che Baggio a breve sarà juventino. Es ist sicher, dass Baggio bald ein Juventus-Fan sein wird. I tifosi della Fiorentina reagiscono con preoccupazione e con rabbia. Lo stesso Baggio, ogni volta che può, dichiara ai giornali la sua volontà di restare a Firenze.

Quelli però sono anni in cui l'opinione dei calciatori non conta **granché**. Gli affari li fanno i presidenti. Geschäfte werden von Präsidenten gemacht.

E che i presidenti di Fiorentina e Juventus stiano trattando per Roberto Baggio è **un segreto di Pulcinella**. Und dass die Präsidenten von Fiorentina und Juventus um Roberto Baggio verhandeln, ist ein offenes Geheimnis. And the fact that the presidents of Fiorentina and Juventus are negotiating for Roberto Baggio is an open secret. Ovvero, in teoria è un segreto, in pratica lo sanno tutti. That is to say, in theory, it is a secret, but in practice, everyone knows it.

Baggio soffre molto per questa situazione. Baggio is suffering a lot because of this situation. Non è tranquillo e gioca al di sotto del suo livello. Er ist nicht ruhig und spielt unter seinem Niveau. Come nella partita più importante della stagione. La finale di Coppa Uefa che la Fiorentina giocherà, per ironia della sorte, contro la Juventus. Das Finale des Uefa-Pokals, das die Fiorentina ironischerweise gegen Juventus Turin bestreiten wird.

La Fiorentina è arrivata in finale a sorpresa, ma **avrebbe le carte in regola** per puntare alla vittoria. Die Fiorentina hat es überraschend ins Finale geschafft, hätte aber das Zeug dazu, den Sieg zu erringen. Fiorentina made it to the finals by surprise, but would have what it takes to aim for victory. Le cose però vanno diversamente, Baggio resta in ombra, gioca male e la coppa prende la strada di Torino. However, things turn out differently, Baggio remains in the shadows, plays poorly and the cup goes the way of Turin.

Poche settimane dopo, la stessa strada la fa anche Roberto Baggio.

È ufficiale. Firma un contratto con la Juventus.

A Firenze i tifosi sono ciechi di rabbia. Organizzano proteste e manifestazioni. Sie veranstalten Proteste und Demonstrationen.

Per fortuna però, quell'estate, l'Italia del calcio ha altro a cui pensare. È il 1990, ci sono i mondiali e sono proprio in Italia. Gli azzurri sono forti e motivati. Ci tengono a fare bella figura davanti al pubblico di casa. Sie wollen vor dem Heimpublikum einen guten Eindruck hinterlassen.

Baggio è uno dei calciatori più attesi e fa esultare l'Italia intera con un goal di bellezza incredibile contro la Cecoslovacchia. Quei mondiali però saranno deludenti alla fine per l'Italia. Che perde in semifinale contro l'Argentina ai calci di rigore. die im Halbfinale gegen Argentinien durch Elfmeterschießen verloren.

È **una doccia fredda** per tutti. Es ist eine kalte Dusche für alle. Calciatori e tifosi speravano di festeggiare la vittoria della coppa a Roma e invece niente. Baggio, come gli altri calciatori, va in vacanza. Al suo ritorno lo aspetta una nuova avventura. A strisce bianche e nere. Schwarz und weiß gestreift.

Gli inizi alla Juventus non sono facili per Roberto Baggio. I tifosi si aspettano molto, mentre lui pensa ancora a Firenze. E la cosa si vede benissimo proprio il giorno di Fiorentina-Juventus. Und das ist am Tag von Fiorentina-Juventus deutlich zu sehen.

Allo stadio di Firenze, per la Juventus e per Baggio la partita è subito dura. I tifosi viola fanno un tifo infernale e la Fiorentina segna il goal del vantaggio. Die violetten Fans jubelten wie wild und die Fiorentina erzielte den Siegtreffer. Uno a zero. Poi la Juventus si conquista un rigore. Dann bekam Juventus einen Elfmeter. Un'occasione per pareggiare. Toccherebbe a Baggio tirare. Dann wäre Baggio an der Reihe, zu schießen. Ma lui si rifiuta. Dice che il portiere viola lo conosce troppo bene. Ele diz que o guarda-redes violeta o conhece demasiado bem. Ma la verità è che non se la sente. Die Wahrheit ist jedoch, dass er es nicht spürt. Al suo posto tira Deagostini, che sbaglia.

A metà del secondo tempo, Baggio viene sostituito. È chiaro che non è nelle condizioni mentali per dare il meglio. Mentre esce dal campo, alcuni tifosi della Fiorentina lo insultano, altri lo applaudono. Uno di loro tira in campo una sciarpa viola. Einer von ihnen wirft einen lila Schal auf das Spielfeld. Baggio la vede, la raccoglie, la porta con sé. È il suo modo per dire ai fiorentini: non vi ho dimenticato.

I suoi nuovi tifosi, quelli juventini, non sono troppo contenti, ma chiudono un occhio. Anche perché da lì in poi Baggio comincia a giocare molto bene e chiude la stagione con 27 goal segnati.

E negli anni successivi, esplode definitivamente. Und in den folgenden Jahren explodiert sie regelrecht. Senza **infortuni** gravi a bloccarlo, Baggio riporta la Juventus in alto, la rende competitiva per la vittoria del campionato e, nel 1993, gioca una stagione così incredibile da vincere il Pallone d'Oro.

Arriviamo così all'estate del 1994. Quella dei mondiali negli Stati Uniti.

La squadra azzurra è di alto livello e Baggio naturalmente è la sua punta di diamante. Die Mannschaft der Azzurri hat ein hohes Niveau und Baggio ist natürlich ihre Speerspitze.

Roby però non parte benissimo. Roby erwischt allerdings keinen guten Start. Nelle prime partite gioca poco, gioca male, litiga con il commissario tecnico Arrigo Sacchi. In the first games he plays little, plays badly, argues with the coach Arrigo Sacchi. L'Italia si qualifica alla fase successiva per **il rotto della cuffia**. Italien qualifizierte sich mit knapper Not für die nächste Runde. Italy qualifies for the next phase miraculously. A Itália qualificou-se para a fase seguinte por um triz.

Ma lì, qualcosa si sblocca. But there, something unlocks. Roberto Baggio **sale in cattedra** e trascina gli azzurri con cinque goal in tre partite. Roberto Baggio takes the lead and drags the blues with five goals in three matches. Praticamente da solo, porta l'Italia in finale. Practically alone, he takes Italy to the final.

Ed eccoci lì, dove eravamo partiti. Und da sind wir wieder, wo wir angefangen haben. And here we are, where we started. A Pasadena.

Baggio è in campo quella sera, ma non è al cento per cento. Contro la Spagna in semifinale, si è fatto male e contro il Brasile non è riuscito a brillare.

Ora però ci sono i rigori. Il suo rigore.

Se segna, c'è ancora una speranza. Se sbaglia, il Brasile sarà campione del mondo.

Un peso enorme da sopportare. Ma è sulle spalle del numero 10, del migliore degli azzurri, che in tante occasioni ha salvato i suoi compagni.

In Italia, per il fuso orario, è notte fonda. In Italien ist es aufgrund der Zeitverschiebung schon spät in der Nacht. Baggio va sul **dischetto** mentre una nazione intera sta passando la notte in bianco sperando di esultare con lui. Baggio steps on the penalty spot as an entire nation stays up all night hoping to celebrate with him.

L'arbitro fischia, Baggio prende la rincorsa. The referee blows the whistle, Baggio starts his run. Tira. He shoots.

Alto. Hoch.

Quello che succede dopo sembra un film al rallentatore. Was dann passiert, wirkt wie ein Film in Zeitlupe. What happens next looks like a slow-motion movie. Roby che guarda la palla volare. Roby sieht den Ball fliegen. Roby watching the ball fly. Il portiere brasiliano che esulta. Der brasilianische Torhüter jubelt. The Brazilian goalkeeper celebrating. I tifosi del Brasile allo stadio che urlano di gioia. Brazilian fans at the stadium shouting with joy.

È finita. It's over. Il Brasile è campione del mondo. L'Italia esce dal campo a testa bassa.

**Mastica amaro**, Roberto Baggio. Bitter kauen, Roberto Baggio. Ha vinto il pallone d'oro, ma non è riuscito a diventare campione del mondo. Er gewann den Ballon d'Or, konnte aber nicht Weltmeister werden.

Quell'evento lo segna nel profondo, ma la sua carriera non finisce lì. Dieses Ereignis hat ihn tief geprägt, aber seine Karriere war damit nicht beendet. Ha davanti altri dieci anni di calcio ad alti livelli.

Anni in cui viene fuori il suo carattere poco incline al compromesso. Jahre, in denen sein kompromissloser Charakter zum Vorschein kommt. Years in which his uncompromising character emerges. Litiga praticamente con ogni allenatore che incontra. He practically argues with every coach he meets. Dopo il mondiale del 94, resta alla Juventus ancora un anno, quanto basta per vincere lo scudetto, e poi cambia squadra in continuazione. Nach der Weltmeisterschaft 1994 blieb er noch ein Jahr bei Juventus, gerade lange genug, um den Scudetto zu gewinnen, und wechselte dann immer wieder den Verein. After the 1994 World Cup, he stays at Juventus for another year, just long enough to win the league title, and then keeps changing teams constantly. Milan, Bologna, Inter, Brescia.

Dopo i mondiali del 90 e del 94, Roby Baggio partecipa anche a quelli del 98. Ai quarti di finale, contro la Francia campione di casa, sono di nuovo i rigori a decidere chi andrà avanti. Baggio deve tirare il primo. E lo segna, questa volta. Può scacciare i suoi fantasmi privati. Er kann seine privaten Geister verjagen. Anche se è un sollievo relativo. Allerdings ist es eine relative Erleichterung. Perché alla fine di quel pomeriggio, la Francia va in semifinale e l'Italia torna a casa.

Baggio però non demorde. Baggio gibt jedoch nicht auf. Passa i quattro anni successivi con un chiodo fisso. Die nächsten vier Jahre verbrachte er mit einem festen Nagel. Partecipare al suo quarto mondiale, nel 2002. Il commissario tecnico, Giovanni Trapattoni, decide però di lasciarlo a casa. Baggio ormai sembra **sul viale del tramonto**, il suo fisico non dà garanzie. Baggio scheint nun auf dem Weg der Besserung zu sein, sein Körperbau bietet keine Garantien.

Dopo quel mondiale mancato, Baggio gioca ancora due anni e si ritira nel 2004, da calciatore del Brescia. Eroe di una piccola squadra di provincia. Hero of a small provincial team. Forse il simbolo giusto per un calciatore che è stato davvero il campione degli italiani. Perhaps the right symbol for a footballer who truly was the champion of the Italians.

Che non si è legato mai del tutto a una squadra o a una città, ma si è trovato a essere idolo di un popolo intero. Dass er sich nie ganz an eine Mannschaft oder eine Stadt gebunden hat, sondern sich als Idol eines ganzen Volkes empfand. Who never completely tied himself to a team or a city, but found himself being idolized by an entire nation.

Il calcio italiano non ha più avuto un calciatore così amato e universale. Come canta Cesare Cremonini in una sua famosa canzone, “da quando Baggio non gioca più, non è più domenica”. Wie Cesare Cremonini in einem seiner berühmten Lieder singt, "seit Baggio nicht mehr spielt, ist es kein Sonntag mehr". As Cesare Cremonini sings in one of his famous songs, "since Baggio no longer plays, it's no longer Sunday." Como Cesare Cremonini canta numa das suas famosas canções, "desde que Baggio deixou de jogar, deixou de ser domingo".