×

Nous utilisons des cookies pour rendre LingQ meilleur. En visitant le site vous acceptez nos Politique des cookies.


image

Salvatore racconta, #47 – Lucio Battisti

#47 – Lucio Battisti

Trascrizione dal podcast Salvatore racconta, episodio pubblicato il 22 gennaio 2022.

Distribuito con licenza Creative Commons CC-BY 4.0 non commerciale.

Immaginate di essere a una festa. Una cosa informale, un po' di amici, una bottiglia di vino e una chitarra.

Qualcuno impugna la chitarra e inizia a suonare qualcosa. Non è propriamente un virtuoso, magari suonava in passato ma adesso è un po' arrugginito. Qualche accordo però se lo ricorda ancora.

Inizia a suonare un giro di Sol. Il giro armonico più classico da fare alla chitarra. Sol maggiore, Mi minore, La minore, Re di settima.

Suona il giro un paio di volte e poi all'improvviso tutti cominciano a cantare. Non si sono messi d'accordo. Non serve. A tutti viene naturale cantare questa canzone:

Le bionde trecce, gli occhi azzurri e poi…

La conoscono tutti. Parla di giorni d'estate, ricordi di primi amori, profumi e immagini della giovinezza.

Sembra una canzone molto semplice. Un'armonia elementare, immagini quotidiane, e pure il titolo: La canzone del sole.

In realtà La canzone del sole, dentro la sua semplicità, è una canzone molto profonda, quasi poetica. E la musica alla base, benché sembri una melodia buona per qualsiasi chitarrista della domenica, è più ricercata di quanto sembri.

Proprio questo mix speciale di semplicità e complessità, di elementi quotidiani e altri molto ricercati, è il segreto del successo di questa canzone e di tutte le altre del suo autore.

Un ragazzo riservato, addirittura timido, che però sul palco si trasformava, cantando con un grande trasporto emotivo le canzoni su cui aveva lavorato per tanto tempo, definendo i dettagli a un livello maniacale.

Un ragazzo che incantava con la sua voce. Anche se era una voce strana, un po' sgraziata, apparentemente inadatta al canto.

Quel ragazzo lì, una nuvola di capelli ricci su una faccia innocente, ha rivoltato il mondo della musica leggera come un calzino.

Quel ragazzo era Lucio Battisti, il rivoluzionario timido della canzone italiana.

Più di 25 milioni di dischi venduti per circa 20 album incisi. Sono questi i numeri di Lucio Battisti. Numeri di primissimo piano.

Ma come ci è arrivato?

È nato nel 1943 a Poggio Bustone, una cittadina del Lazio, circa 100 km a nord di Roma. I genitori sono persone semplici, senza tanti grilli per la testa.

Soprattutto il padre, Alfiero. Un dipendente statale, cresciuto con l'idea che la cosa più importante nella vita sia trovare un posto fisso per vivere tranquilli. Con questi ideali cresce anche i suoi figli, e infatti non è contento quando un Lucio quattordicenne gli chiede come regalo una chitarra. Alla fine però, gliela compra, e Lucio inizia a suonare.

Per gioco, imitando le melodie che sente alla radio. Quel gioco però diventa sempre più intrigante, fino a che il ragazzo non comincia a trascurare la scuola perché sta tutto il tempo con la chitarra in mano.

A papà Alfiero questo non piace. Lucio deve diplomarsi e trovarsi un lavoro, mica perdere tempo a strimpellare. Un giorno torna a casa dal lavoro, vede che il figlio anziché studiare prova accordi alla chitarra e così -furioso- gliela toglie dalle mani e gliela rompe in testa.

Preso da compassione, gliene compra un'altra. Però il messaggio è chiaro. La chitarra è bella, e va bene, ma devi studiare.

In quel periodo storico, per tutti i ragazzi italiani che hanno compiuto 18 anni c'è l'obbligo del servizio militare per due anni. Lucio può ottenere l'esenzione, e quindi non partire, in quanto suo padre è un invalido di guerra. Solo che a firmare la richiesta deve essere Alfiero. Che propone al figlio un patto.

Lucio si impegna a finire la scuola e prendere il diploma. In cambio, Alfiero gli firmerà la richiesta di esenzione e gli permetterà di usare quei due anni liberi per provare a guadagnarsi la pagnotta con la musica. Visto che. Affare fatto.

Nel 1962 Lucio Battisti ha 18 anni e prende il diploma di scuola. Non parte per la leva, ma per Napoli in cerca di una band.

Trova però poche occasioni e molte delusioni. Dopo un anno, torna a casa con le pive nel sacco. È pronto anche a rinunciare, ma improvvisamente incontra Roby Matano, all'epoca leader de I campioni, un gruppo che ha all'attivo già qualche disco. Matano ha bisogno di un nuovo chitarrista, sente Lucio e lo vuole con sé. È un'occasione inaspettata, arrivata proprio quando tutto sembrava andare a rotoli.

In men che non si dica, Lucio Battisti si trasferisce a Milano per lavorare a tempo pieno come nuovo chitarrista de I campioni.

È l'inizio di una grandissima storia.

Suonando con la sua nuova band, in Italia e anche all'estero, Lucio Battisti ha il suo vero battesimo musicale.

Accumula esperienza e abilità, e scopre che oltre a suonare la chitarra è bravino anche a comporre canzoni. Ne fa ascoltare alcune a Matano e addirittura ne suonano un paio durante i concerti de I campioni.

Con questa spinta di autostima, Battisti decide di fare un passo avanti. Nel 1965, sempre a Milano, ottiene un provino in una casa discografica. Per fare sentire le sue canzoni e capire se possono funzionare.

Possono, possono sì. I discografici sentono di avere messo le mani su un diamante grezzo. Siccome Battisti scrive la musica, ma non i testi, lo fanno incontrare con il paroliere Giulio Rapetti, meglio conosciuto con il suo nome d'arte Mogol.

Che vuol dire che Mogol è un paroliere? È una specie di scrittore, specializzato nello scrivere canzoni. Un lavoro delicato. Le melodie di Battisti poi sono un po' diverse da quello che si sente di solito. Per unirle alle parole giuste serve un vero maestro. E per fortuna, Mogol lo è.

Battisti-Mogol sarà una coppia di nomi che per i prossimi anni dominerà il panorama musicale italiano, ma ci vuole tempo per oliare il meccanismo tra l'esperto Mogol e il giovane Battisti. Inoltre, Mogol pensa che Lucio dovrebbe cantare le sue canzoni, invece lui all'inizio non ci pensa proprio. È troppo timido Scrivere è un conto, cantare un altro.

Alla fine Mogol lo convince a cantare. È una scelta lungimirante, ma anche rischiosa. La voce di Battisti è particolare. Alta, un po' stridula, non ha la dolcezza né il calore tipici dei cantanti di musica leggera.

Infatti alla casa discografica all'inizio puntano i piedi. Farlo cantare? Non se ne parla! Mogol però insiste, e forte del suo carisma, riesce a fare accettare ai discografici sua scommessa.

Una scommessa vinta alla grande. A partire dal 1968.

Il 1968 è un anno incredibile per tutta l'Europa. In Cecoslovacchia comincia la primavera di Praga. In Francia, e poi anche in Italia, scoppia la rivolta studentesca.

Anche per la musica, è un anno fondamentale: esce White Album dei Beatles. Più in piccolo, in Italia, esce il primo 45 giri di Lucio Battisti. Contiene la sua prima canzone diventata famosa: Balla Linda. Il testo ovviamente è di Mogol.

Sembra una canzone come le altre, parla di una bella ragazza di nome Linda, di cui sappiamo quasi solo che ama ballare. Leggera, come deve essere una canzone italiana in quegli anni. Però è anche l'inizio di una rivoluzione. Negli arrangiamenti, piuttosto beatlesiani, nel ritmo e anche nello stile.

È un successo che fa conoscere Battisti in giro e gli vale anche l'invito a partecipare in prima persona al festival di Sanremo, nell'edizione del 1969.

Lucio si presenta a Sanremo, il tempio un po' conservatore della canzone italiana, e sembra un alieno appena sceso dall'astronave. Vestito con una giacca da studente, con un enorme foulard davanti e la sua nuvola di lunghi capelli ricci in testa, presenta una canzone molto innovativa. L'avventura.

I giornalisti non sono teneri nei giudizi su di lui. Ne criticano la voce, l'aspetto e anche la canzone. Alla fine del festival, si classificherà nono. In realtà però è già lanciato verso il successo.

Per tutti gli anni settanta, i singoli e gli album firmati da Battisti e Mogol sono in cima alle classifiche dei dischi più venduti.

Sono canzoni che in Italia tutti hanno ascoltato almeno una volta, alcune talmente famose che bastano due note per riconoscerle. Cercatele, brani come Acqua azzurra, acqua chiara, La canzone del sole, I giardini di marzo, Il mio canto libero. Dischi da centinaia di migliaia di copie vendute.

Con la sua aria sbarazzina e le sue canzoni leggere, Battisti conquista il pubblico tradizionale della musica leggera, ma anche ascoltatori più raffinati, attratti dai testi semplici ma intriganti e dalle melodie ricche di piccole novità, una continua sorpresa nel repertorio un po' stantio della canzone italiana.

Mogol e Battisti portano avanti una rivoluzione gentile. Non cambiano quasi nulla, ma cambiano quasi tutto.

Come si sente lui in questo ruolo di alfiere della nuova canzone italiana? Non molto bene, per la verità. Almeno, non a livello mediatico.

Quando ha scelto di diventare un musicista, ha fatto una scelta consapevole, sapeva a cosa andava incontro. La notorietà a tutti i costi però non gli piace. Si sforza di tenere lontani i giornalisti e di mantenere una vita riservata e nascosta. Intanto il sodalizio con Mogol si fa sempre più stretto. I due fondano insieme una casa discografica, la Numero Uno, e fanno anche un viaggio a cavallo, un po' improbabile, da Milano a Roma che sarà di grande ispirazione per entrambi.

In tutto quel grande successo, Battisti non piace proprio a tutti. Come dicevamo, in Italia c'è stato il 68 e molti cantautori hanno scelto la strada della musica impegnata. Scrivono canzoni dai testi politici e sociali, si fanno bardi del sentimento popolare. Battisti invece? Continua a scrivere le sue canzonette d'amore, piene di sospiri, capelli biondi e baci sperati. Qualcuno nell'ambiente musicale fa girare la voce che Lucio non si impegni politicamente per le battaglie del 68 perché in realtà è un simpatizzante di estrema destra. Per la verità, sembrano speculazioni senza molto senso, visto che su temi politici lui non si è mai esposto nemmeno minimamente.

Intanto, dopo dieci anni di vita e lavoro gomito a gomito, Battisti e Mogol sentono di dovere prendere strade separate. Senza rancore né rabbia, chiudono la collaborazione. Un'era è appena finita. Un'altra sta per cominciare.

Quando gli chiedono del divorzio artistico da Mogol, Battisti spiega che si tratta di divergenze creative. Il paroliere ama essere originale, ma nel solco della tradizione. Lucio invece ha voglia di continuare a sperimentare.

Lo fa già nel suo primo album pubblicato senza Mogol. Esce nel 1982 e si chiama E già. Rispetto ai vecchi dischi di Battisti, è tutta un'altra storia. Non solo nei testi, scritti dalla moglie, ma anche nella musica. Al posto degli strumenti acustici tradizionali, riempie le nuove canzoni di suoni elettronici e tanto uso del sintetizzatore. Per la musica italiana di allora è veramente roba esotica. Il disco vende bene, perché Battisti è Battisti e la gente lo compra a occhi chiusi, ma i numeri non sono gli stessi di prima.

C'è un altro passo da fare, però. Nel 1982, Lucio incontra il poeta Pasquale Panella e inizia a collaborare con lui come paroliere.

In coppia, i due pubblicano diversi album totalmente sperimentali. I testi di Panella sono ermetici, quasi esoterici, del tutto incomprensibili per la maggior parte delle persone. Anni luce lontani dalla dolce quotidianità dei successi degli anni 70. Il disco più sperimentale della collaborazione esce nel 1994 ha un titolo che è tutto un programma: Hegel.

Sì, Hegel. Proprio come il grande filosofo tedesco. Sono dischi strani, che incuriosiscono e allo stesso tempo insospettiscono. Tuttavia, nel 1998, quattro anni dopo Hegel, tutti aspettano il nuovo album con grande curiosità.

Ricevono invece un'altra notizia. Inaspettata, violenta, dolorosissima. Il più famoso cantante italiano è ricoverato in ospedale a Milano in condizioni gravi. La famiglia non vuole divulgare i dettagli.

Otto giorni dopo il ricovero, il 9 settembre del 1988, viene comunicata la notizia che tutti temevano: Lucio Battisti è deceduto. Nel rispetto della sua discrezione, la vedova e gli amici organizzano un funerale privato per pochissimi ospiti. Tra loro, c'è ovviamente Mogol.

Si può immaginare l'Italia di oggi senza Lucio Battisti. Sinceramente, no. Proprio per la forza magnetica con cui le sue canzoni sono ricordate e cantate da tutti. Canzoni, almeno le più famose, fatte di parole e immagini semplici, che appartengono alla vita di tutti. A prescindere dalla classe sociale, dalla generazione, dalle idee politiche. Possono anche non piacere, ovviamente, ma sono lì, un monumento eterno.

Come un monumento eterno è anche la figura di Lucio Battisti. Con i suoi capelli folti e disordinati, e il sorriso timido di un rivoluzionario gentile.

#47 – Lucio Battisti #Nr. 47 - Lucio Battisti #47 - Lucio Battisti #47 - Lucio Battisti #47 - Lucio Battisti #N° 47 - Lucio Battisti #47位 ルーチョ・バッティスティ #47 - Lucio Battisti #47 - Lucio Battisti #47 - Lucio Battisti

Trascrizione dal podcast Salvatore racconta, episodio pubblicato il 22 gennaio 2022.

Distribuito con licenza Creative Commons CC-BY 4.0 non commerciale.

Immaginate di essere a una festa. Una cosa informale, un po' di amici, una bottiglia di vino e una chitarra.

Qualcuno impugna la chitarra e inizia a suonare qualcosa. Non è propriamente un virtuoso, magari suonava in passato ma adesso è un po' arrugginito. Er ist nicht gerade ein Virtuose, vielleicht hat er in der Vergangenheit gespielt, aber jetzt ist er ein bisschen eingerostet. Qualche accordo però se lo ricorda ancora. He still remembers some chords.

Inizia a suonare un giro di Sol. Beginnen Sie eine Runde G zu spielen. He starts playing a G major chord progression. Il giro armonico più classico da fare alla chitarra. The most classic harmonic progression to play on the guitar. Sol maggiore, Mi minore, La minore, Re di settima. G-Dur, e-Moll, a-Moll, D der Septime. G major, E minor, A minor, D seventh.

Suona il giro un paio di volte e poi all'improvviso tutti cominciano a cantare. Play the progression a couple of times and then suddenly everyone starts singing. Non si sono messi d'accordo. Sie waren nicht einverstanden. They didn't agree on it. Eles não concordaram. Non serve. A tutti viene naturale cantare questa canzone:

__Le bionde trecce, gli occhi azzurri e poi…__ Die blonden Zöpfe, die blauen Augen und dann... Blonde braids, blue eyes and then...

La conoscono tutti. Everyone knows her. Parla di giorni d'estate, ricordi di primi amori, profumi e immagini della giovinezza. She speaks of summer days, memories of first loves, scents and images of youth.

Sembra una canzone molto semplice. Un'armonia elementare, immagini quotidiane, e pure il titolo: La canzone del sole. An elementary harmony, everyday images, and even the title: The song of the sun.

In realtà La canzone del sole, dentro la sua semplicità, è una canzone molto profonda, quasi poetica. In reality The song of the sun, within its simplicity, is a very deep, almost poetic song. E la musica alla base, benché sembri una melodia buona per qualsiasi chitarrista della domenica, è più ricercata di quanto sembri. And the music at its core, although it may seem like a good melody for any Sunday guitarist, is more refined than it seems.

Proprio questo mix speciale di semplicità e complessità, di elementi quotidiani e altri molto ricercati, è il segreto del successo di questa canzone e di tutte le altre del suo autore. This special mix of simplicity and complexity, of everyday elements and others very refined, is the secret of the success of this song and all the others by its author.

Un ragazzo riservato, addirittura timido, che però sul palco si trasformava, cantando con un grande trasporto emotivo le canzoni su cui aveva lavorato per tanto tempo, definendo i dettagli a un livello maniacale. A reserved boy, even shy, who transformed on stage, singing with great emotional intensity the songs he had worked on for a long time, defining the details at a maniacal level.

Un ragazzo che incantava con la sua voce. A boy who enchanted with his voice. Anche se era una voce strana, un po' sgraziata, apparentemente inadatta al canto.

Quel ragazzo lì, una nuvola di capelli ricci su una faccia innocente, ha rivoltato il mondo della musica leggera come un calzino. Dieser Kerl dort, eine Wolke aus lockigem Haar auf einem unschuldigen Gesicht, hat die Welt der Popmusik auf den Kopf gestellt. That boy there, a cloud of curly hair on an innocent face, turned the world of pop music upside down.

Quel ragazzo era Lucio Battisti, il rivoluzionario timido della canzone italiana. That boy was Lucio Battisti, the shy revolutionary of Italian song.

Più di 25 milioni di dischi venduti per circa 20 album incisi. More than 25 million records sold for about 20 albums recorded. Sono questi i numeri di Lucio Battisti. Numeri di primissimo piano. Die besten Zahlen.

Ma come ci è arrivato? Aber wie ist er dorthin gekommen?

È nato nel 1943 a Poggio Bustone, una cittadina del Lazio, circa 100 km a nord di Roma. I genitori sono persone semplici, senza tanti grilli per la testa.

Soprattutto il padre, Alfiero. Un dipendente statale, cresciuto con l'idea che la cosa più importante nella vita sia trovare un posto fisso per vivere tranquilli. Con questi ideali cresce anche i suoi figli, e infatti non è contento quando un Lucio quattordicenne gli chiede come regalo una chitarra. Alla fine però, gliela compra, e Lucio inizia a suonare.

Per gioco, imitando le melodie che sente alla radio. Quel gioco però diventa sempre più intrigante, fino a che il ragazzo non comincia a trascurare la scuola perché sta tutto il tempo con la chitarra in mano. Dieses Spiel wird jedoch immer interessanter, bis der Junge anfängt, die Schule zu vernachlässigen, weil er seine ganze Zeit mit seiner Gitarre in der Hand verbringt.

A papà Alfiero questo non piace. Lucio deve diplomarsi e trovarsi un lavoro, mica perdere tempo a strimpellare. Un giorno torna a casa dal lavoro, vede che il figlio anziché studiare prova accordi alla chitarra e così -furioso- gliela toglie dalle mani e gliela rompe in testa.

Preso da compassione, gliene compra un'altra. Però il messaggio è chiaro. La chitarra è bella, e va bene, ma devi studiare.

In quel periodo storico, per tutti i ragazzi italiani che hanno compiuto 18 anni c'è l'obbligo del servizio militare per due anni. Lucio può ottenere l'esenzione, e quindi non partire, in quanto suo padre è un invalido di guerra. Lucio kann eine Befreiung erhalten und somit nicht ausreisen, weil sein Vater Kriegsinvalide ist. Solo che a firmare la richiesta deve essere Alfiero. Only Alfiero must be the one to sign the request. Che propone al figlio un patto.

Lucio si impegna a finire la scuola e prendere il diploma. In cambio, Alfiero gli firmerà la richiesta di esenzione e gli permetterà di usare quei due anni liberi per provare a guadagnarsi la pagnotta con la musica. Visto che. Angesichts dessen. Affare fatto.

Nel 1962 Lucio Battisti ha 18 anni e prende il diploma di scuola. Non parte per la leva, ma per Napoli in cerca di una band. Er geht nicht zur Einberufung, sondern nach Neapel auf der Suche nach einer Band.

Trova però poche occasioni e molte delusioni. Dopo un anno, torna a casa con le pive nel sacco. Nach einem Jahr kommt er mit Staub in den Haaren nach Hause. È pronto anche a rinunciare, ma improvvisamente incontra Roby Matano, all'epoca leader de I campioni, un gruppo che ha all'attivo già qualche disco. Er ist auch bereit, aufzugeben, aber plötzlich trifft er Roby Matano, den damaligen Anführer von I campioni, einer Gruppe, die bereits einige Rekorde auf dem Buckel hat. Matano ha bisogno di un nuovo chitarrista, sente Lucio e lo vuole con sé. È un'occasione inaspettata, arrivata proprio quando tutto sembrava andare a rotoli.

In men che non si dica, Lucio Battisti si trasferisce a Milano per lavorare a tempo pieno come nuovo chitarrista de I campioni. Em pouco tempo, Lucio Battisti mudou-se para Milão para trabalhar a tempo inteiro como novo guitarrista dos I campioni.

È l'inizio di una grandissima storia.

Suonando con la sua nuova band, in Italia e anche all'estero, Lucio Battisti ha il suo vero battesimo musicale.

Accumula esperienza e abilità, e scopre che oltre a suonare la chitarra è bravino anche a comporre canzoni. Ne fa ascoltare alcune a Matano e addirittura ne suonano un paio durante i concerti de I campioni.

Con questa spinta di autostima, Battisti decide di fare un passo avanti. Mit dieser Stärkung des Selbstbewusstseins beschloss Battisti, einen Schritt nach vorn zu machen. Nel 1965, sempre a Milano, ottiene un provino in una casa discografica. 1965, noch in Mailand, bekam er ein Vorsprechen bei einer Plattenfirma. Per fare sentire le sue canzoni e capire se possono funzionare. Seine Lieder zu spielen und zu sehen, ob sie funktionieren können.

Possono, possono sì. Das können sie, das können sie. I discografici sentono di avere messo le mani su un diamante grezzo. Die Diskographen haben das Gefühl, einen Rohdiamanten in die Hände bekommen zu haben. Siccome Battisti scrive la musica, ma non i testi, lo fanno incontrare con il paroliere Giulio Rapetti, meglio conosciuto con il suo nome d'arte Mogol.

Che vuol dire che Mogol è un paroliere? Was soll das heißen, Mogol ist ein Texter? È una specie di scrittore, specializzato nello scrivere canzoni. Un lavoro delicato. Le melodie di Battisti poi sono un po' diverse da quello che si sente di solito. Per unirle alle parole giuste serve un vero maestro. E per fortuna, Mogol lo è.

Battisti-Mogol sarà una coppia di nomi che per i prossimi anni dominerà il panorama musicale italiano, ma ci vuole tempo per oliare il meccanismo tra l'esperto Mogol e il giovane Battisti. Inoltre, Mogol pensa che Lucio dovrebbe cantare le sue canzoni, invece lui all'inizio non ci pensa proprio. Außerdem ist Mogol der Meinung, dass Lucio seine Lieder singen sollte, aber er denkt zunächst nicht daran. In addition, Mogol thinks that Lucio should sing his songs, but he doesn't even think about it at first. È troppo timido Scrivere è un conto, cantare un altro. Er ist zu schüchtern Schreiben ist eine Sache, Singen eine andere. He is too shy. Writing is one thing, singing is another.

Alla fine Mogol lo convince a cantare. In the end, Mogol convinces him to sing. È una scelta lungimirante, ma anche rischiosa. Es ist eine zukunftsweisende, aber auch eine riskante Entscheidung. La voce di Battisti è particolare. Alta, un po' stridula, non ha la dolcezza né il calore tipici dei cantanti di musica leggera.

Infatti alla casa discografica all'inizio puntano i piedi. In der Tat hat die Plattenfirma zunächst ein Machtwort gesprochen. Farlo cantare? Non se ne parla! Niemals! No way! Mogol però insiste, e forte del suo carisma, riesce a fare accettare ai discografici sua scommessa.

Una scommessa vinta alla grande. A partire dal 1968.

Il 1968 è un anno incredibile per tutta l'Europa. In Cecoslovacchia comincia la primavera di Praga. In Francia, e poi anche in Italia, scoppia la rivolta studentesca.

Anche per la musica, è un anno fondamentale: esce White Album dei Beatles. Più in piccolo, in Italia, esce il primo 45 giri di Lucio Battisti. In Italy, Lucio Battisti's first 45 RPM single is released, but on a smaller scale. Contiene la sua prima canzone diventata famosa: Balla Linda. It contains his first song that became famous: Balla Linda. Il testo ovviamente è di Mogol. The lyrics, of course, are by Mogol.

Sembra una canzone come le altre, parla di una bella ragazza di nome Linda, di cui sappiamo quasi solo che ama ballare. Leggera, come deve essere una canzone italiana in quegli anni. Però è anche l'inizio di una rivoluzione. Negli arrangiamenti, piuttosto beatlesiani, nel ritmo e anche nello stile.

È un successo che fa conoscere Battisti in giro e gli vale anche l'invito a partecipare in prima persona al festival di Sanremo, nell'edizione del 1969.

Lucio si presenta a Sanremo, il tempio un po' conservatore della canzone italiana, e sembra un alieno appena sceso dall'astronave. Lucio taucht in Sanremo auf, dem etwas konservativen Tempel des italienischen Liedes, und sieht aus wie ein Außerirdischer, der frisch vom Schiff kommt. Vestito con una giacca da studente, con un enorme foulard davanti e la sua nuvola di lunghi capelli ricci in testa, presenta una canzone molto innovativa. L'avventura.

I giornalisti non sono teneri nei giudizi su di lui. Ne criticano la voce, l'aspetto e anche la canzone. Alla fine del festival, si classificherà nono. Am Ende des Festivals wird er auf dem neunten Platz liegen. In realtà però è già lanciato verso il successo.

Per tutti gli anni settanta, i singoli e gli album firmati da Battisti e Mogol sono in cima alle classifiche dei dischi più venduti.

Sono canzoni che in Italia tutti hanno ascoltato almeno una volta, alcune talmente famose che bastano due note per riconoscerle. Cercatele, brani come Acqua azzurra, acqua chiara, La canzone del sole, I giardini di marzo, Il mio canto libero. Dischi da centinaia di migliaia di copie vendute.

Con la sua aria sbarazzina e le sue canzoni leggere, Battisti conquista il pubblico tradizionale della musica leggera, ma anche ascoltatori più raffinati, attratti dai testi semplici ma intriganti e dalle melodie ricche di piccole novità, una continua sorpresa nel repertorio un po' stantio della canzone italiana. Mit seiner fröhlichen Art und seinen unbeschwerten Liedern eroberte Battisti nicht nur das traditionelle Pop-Publikum, sondern auch anspruchsvollere Zuhörer, die sich von seinen einfachen, aber interessanten Texten und Melodien voller kleiner Neuheiten angezogen fühlten - eine ständige Überraschung im etwas abgestandenen Repertoire der italienischen Lieder. With his carefree manner and light songs, Battisti wins over the traditional audience of light music, but also more refined listeners, attracted by the simple yet intriguing lyrics and the melodies rich in small novelties, a constant surprise in the slightly stale repertoire of Italian songs.

Mogol e Battisti portano avanti una rivoluzione gentile. Mogol and Battisti carry on a gentle revolution. Non cambiano quasi nulla, ma cambiano quasi tutto. Sie ändern fast nichts, aber sie ändern fast alles. They change almost nothing, but they change almost everything.

Come si sente lui in questo ruolo di alfiere della nuova canzone italiana? Wie fühlt er sich in dieser Rolle als Bannerträger des neuen italienischen Liedes? Non molto bene, per la verità. Almeno, non a livello mediatico. Zumindest nicht auf der Ebene der Medien.

Quando ha scelto di diventare un musicista, ha fatto una scelta consapevole, sapeva a cosa andava incontro. Als er sich entschied, Musiker zu werden, traf er eine bewusste Entscheidung, er wusste, worauf er sich einließ. La notorietà a tutti i costi però non gli piace. Berühmtheit um jeden Preis ist für ihn jedoch nicht attraktiv. Si sforza di tenere lontani i giornalisti e di mantenere una vita riservata e nascosta. Intanto il sodalizio con Mogol si fa sempre più stretto. In der Zwischenzeit wird die Verbindung mit Mogol immer enger. I due fondano insieme una casa discografica, la Numero Uno, e fanno anche un viaggio a cavallo, un po' improbabile, da Milano a Roma che sarà di grande ispirazione per entrambi. Die beiden gründeten zusammen eine Plattenfirma, Numero Uno, und unternahmen einen etwas unwahrscheinlichen Ritt von Mailand nach Rom, der für beide eine große Inspiration sein sollte.

In tutto quel grande successo, Battisti non piace proprio a tutti. Bei all dem großen Erfolg macht Battisti nicht jeden glücklich. Come dicevamo, in Italia c'è stato il 68 e molti cantautori hanno scelto la strada della musica impegnata. Wie gesagt, in Italien gab es die 68er und viele Liedermacher haben den Weg der engagierten Musik gewählt. Scrivono canzoni dai testi politici e sociali, si fanno bardi del sentimento popolare. Battisti invece? Continua a scrivere le sue canzonette d'amore, piene di sospiri, capelli biondi e baci sperati. Qualcuno nell'ambiente musicale fa girare la voce che Lucio non si impegni politicamente per le battaglie del 68 perché in realtà è un simpatizzante di estrema destra. Einige Leute in der Musikbranche verbreiten das Gerücht, dass Lucio sich politisch nicht für die Kämpfe der 68er engagiere, weil er in Wirklichkeit ein Sympathisant der extremen Rechten sei. Per la verità, sembrano speculazioni senza molto senso, visto che su temi politici lui non si è mai esposto nemmeno minimamente.

Intanto, dopo dieci anni di vita e lavoro gomito a gomito, Battisti e Mogol sentono di dovere prendere strade separate. Senza rancore né rabbia, chiudono la collaborazione. Ohne Groll oder Ärger beenden sie die Zusammenarbeit. Un'era è appena finita. Eine Ära ist gerade zu Ende gegangen. Un'altra sta per cominciare.

Quando gli chiedono del divorzio artistico da Mogol, Battisti spiega che si tratta di divergenze creative. Il paroliere ama essere originale, ma nel solco della tradizione. Lucio invece ha voglia di continuare a sperimentare.

Lo fa già nel suo primo album pubblicato senza Mogol. Esce nel 1982 e si chiama E già. Es kam 1982 heraus und hieß And Already. Rispetto ai vecchi dischi di Battisti, è tutta un'altra storia. Non solo nei testi, scritti dalla moglie, ma anche nella musica. Al posto degli strumenti acustici tradizionali, riempie le nuove canzoni di suoni elettronici e tanto uso del sintetizzatore. Per la musica italiana di allora è veramente roba esotica. Il disco vende bene, perché Battisti è Battisti e la gente lo compra a occhi chiusi, ma i numeri non sono gli stessi di prima.

C'è un altro passo da fare, però. Nel 1982, Lucio incontra il poeta Pasquale Panella e inizia a collaborare con lui come paroliere.

In coppia, i due pubblicano diversi album totalmente sperimentali. I testi di Panella sono ermetici, quasi esoterici, del tutto incomprensibili per la maggior parte delle persone. Die Texte von Panella sind hermetisch, fast esoterisch, für die meisten Menschen völlig unverständlich. Anni luce lontani dalla dolce quotidianità dei successi degli anni 70. Lichtjahre entfernt vom süßen Alltag der Hits der 1970er Jahre. Il disco più sperimentale della collaborazione esce nel 1994 ha un titolo che è tutto un programma: Hegel.

Sì, Hegel. Proprio come il grande filosofo tedesco. Genau wie der große deutsche Philosoph. Sono dischi strani, che incuriosiscono e allo stesso tempo insospettiscono. Tuttavia, nel 1998, quattro anni dopo Hegel, tutti aspettano il nuovo album con grande curiosità.

Ricevono invece un'altra notizia. Inaspettata, violenta, dolorosissima. Il più famoso cantante italiano è ricoverato in ospedale a Milano in condizioni gravi. La famiglia non vuole divulgare i dettagli.

Otto giorni dopo il ricovero, il 9 settembre del 1988, viene comunicata la notizia che tutti temevano: Lucio Battisti è deceduto. Nel rispetto della sua discrezione, la vedova e gli amici organizzano un funerale privato per pochissimi ospiti. Tra loro, c'è ovviamente Mogol.

Si può immaginare l'Italia di oggi senza Lucio Battisti. Lucio Battisti ist aus dem heutigen Italien nicht mehr wegzudenken. Sinceramente, no. Proprio per la forza magnetica con cui le sue canzoni sono ricordate e cantate da tutti. Canzoni, almeno le più famose, fatte di parole e immagini semplici, che appartengono alla vita di tutti. A prescindere dalla classe sociale, dalla generazione, dalle idee politiche. Unabhängig von der sozialen Schicht, der Generation, den politischen Vorstellungen. Possono anche non piacere, ovviamente, ma sono lì, un monumento eterno. Sie mögen sie natürlich nicht mögen, aber sie sind da, ein ewiges Denkmal.

Come un monumento eterno è anche la figura di Lucio Battisti. Con i suoi capelli folti e disordinati, e il sorriso timido di un rivoluzionario gentile.