×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

Podcast Italiano subtitled, The weirdest of graduations [Learn Italian, with subs]

The weirdest of graduations [Learn Italian, with subs]

In questi giorni senza poter andare da nessuna parte

i miei capelli stanno avendo diversi problemi e non posso andare a tagliarli.

E io non so tagliarmeli da solo ma potrei risolvere questo problema con un cappello

oppure con un copricapo, qualcosa da mettermi in testa.

Problema risolto.

Ciao a tutti ragazzi e ragazze, benvenuti.

Questo è Podcast Italiano, il podcast e canale YouTube per imparare l'italiano attraverso contenuti autentici.

Io mi chiamo Davide e mi sono laureato per la seconda volta.

Ma che significa 'laurearsi'?

Beh, l'avete letto qua probabilmente.

Comunque significa 'prendere una laurea', cioè concludere un ciclo di studi all'università.

Per chi non mi conoscesse, io avevo già una laurea, un 'bachelor' si chiama in altri paesi,

in italiano 'laurea triennale', cioè di tre anni,

in traduzione e interpretariato.

E adesso ho ottenuto una seconda laurea, la laurea magistrale,

quindi 'masters' in lingue per la comunicazione internazionale.

E tra l'altro non solo io: anche Erika si è laureata

e abbiamo registrato un episodio di Riflessioni senza trascrizioni sull'argomento,

su questi cinque anni di università,

perché abbiamo fatto cinque anni di università insieme.

Uscirà tra qualche giorno.

A proposito, da dove deriva la parola 'laurea'?

Che parola strana!

Beh, questo in latino si chiamava 'laurus'.

In realtà in italiano si chiama 'alloro'.

Ma perché l'alloro, perché questa pianta?

Beh, deriva tutto dalla mitologia greco-romana

in cui l'alloro era una pianta che simboleggiava la vittoria, l'onore e la gloria.

E proprio in Italia nel medioevo è iniziata la tradizione di incoronare i poeti che diventavano poeti laureati,

i poeti più bravi, i poeti più illustri, quindi poeti che avevano una corona d'alloro in testa, laureati.

E la tradizione dei poeti laureati è continuata anche in altri paesi ma mi risulta che solo in Italia

(correggetemi se sbaglio)

si dia l'alloro, si mette una corona d'alloro ai laureati

(adesso intendo come le persone che finiscono l'università).

Che dire, in questo periodo meglio avere una corona che il corona, direi.

Questa battuta l'ho copiata ad Erika, lo ammetto.

Però vi starete chiedendo: "Ok, ma come... come hai fatto a laurearti

se non puoi uscire di casa? Non c'è una sorta di cerimonia?"

Sì, perché l'ultimo passaggio è discutere la tesi.

Noi non diciamo, a proposito, 'difendere la tesi' come in altri paesi, non parliamo di difesa ma di discussione,

discussione seguita poi da proclamazione, ovvero quando ti dicono che sei ufficialmente laureato.

Questo ovviamente in questo periodo è vietato.

Pensate poi che la laurea di solito in Italia è un evento pubblico,

non è chiuso, quindi chiunque può andare, parenti, amici, il gatto...

No, il gatto... gli animali forse no, però chiunque davvero può andare a vedere la laurea

e quindi questo è davvero un classico esempio di assembramenti di persone

che sono vietatissimi in questo momento.

Quindi è avvenuto tutto su internet.

Metterò in questo video anche qualche frammento di video di me che parlo a un computer

che sarebbe la mia presentazione.

La tesi, appunto, verte intorno a un mio progetto che ho iniziato nel settembre 2016

di creazione di contenuti audiovisivi per apprendenti della lingua italiana,

quindi stranieri che imparano la nostra lingua.

Si compone di podcast che poi è il nucleo originario e fondante che ho analizzato

e un canale YouTube che è venuto poi in un secondo momento ma che non ho esaminato

perché la trattazione sarebbe stata eccessivamente vasta.

E posso dire con orgoglio che è diventato uno dei progetti più conosciuti negli ultimi anni

almeno a livello di podcast

tra... almeno tra i cinque più conosciuti per la lingua italiana.

Non nego che è stato un po' strano e anche un po' deprimente

perché manca tutto l'aspetto di cerimonia, di festeggiamento, di...

Poi in Italia è comune fare un pranzo oppure una cena di laurea con tantissimi invitati

dove ti spacchi di cibo, mangi un sacco di cibo.

Questo aspetto di convivialità e di festeggiamento chiaramente è venuto a mancare.

La mia tesi era proprio su questo progetto.

Ho analizzato il podcast come strumento per apprendere, per imparare le lingue.

Vi metto anche il pdf con la mia intera tesi di 160 pagine.

Non penso interessi a nessuno ma magari c'è qualche pazzo tra di voi che vuole leggerla,

quindi... come volete voi.

E un elemento centrale della tesi era un questionario al quale qualcuno di voi qualche mese fa ha preso parte,

561 di voi per la precisione.

E vi ringrazio enormemente per questo, davvero è stato molto molto importante il vostro contributo

sia per la mia tesi ma anche per il progetto

perché sicuramente penso che ne gioverà.

Ho scoperto che ho un pubblico (almeno del podcast) abbastanza anziano.

È interessante perché qui in Italia nessuno ascolta podcast, o meglio poche... poche persone,

probabilmente giovani tra i 20 e i 40 anni.

E invece ho scoperto che nel mio pubblico ci sono tantissime persone che hanno più di 50 anni!

Per esempio, un'informazione interessante che ho scoperto

è che gli ascoltatori del mio podcast non sono così giovani come io mi immaginavo.

Vanno anche oltre i 60, a volte anche i 70 anni

Questo forse anche a riprova del fatto che negli Stati Uniti si tratta di una tecnologia

che è meglio inserita a livello culturale, che è già abbastanza diffusa.

Potete votare nel sondaggio qui in alto per vedere se c'è qualche differenza tra podcast e YouTube.

Poi ho anche scoperto, e questo me lo immaginavo, che il vostro livello è piuttosto buono,

cioè la maggior parte di voi sa l'italiano tra il B1 o il B2, o almeno dite di saperlo.

Forse è anche questo a causa dei materiali che creo che non sono molto per principianti.

E ho anche visto che gli episodi per principianti non vi piacciono molto.

L'ottanta per cento di voi impara l'italiano per interesse verso la cultura, verso il paese,

30 per cento perché ha origini italiane

(la risposta poteva essere multipla, per questo non viene esattamente 100 per cento ma di più).

Solo 10 per cento per lavoro e solo 16 per cento perché si vuole trasferire in Italia

E questo è bellissimo perché mostra una volta di più

che l'italiano viene imparato per interesse verso l'Italia

per la cultura e non per ragioni pragmatiche di lavoro, di studi,

almeno dalla maggior parte delle persone.

Ho scoperto che vi piacciono tantissimo gli episodi di livello avanzato,

che vi piacciono tantissimo le Riflessioni senza trascrizioni e le interviste.

E ho visto che tante persone non leggono le trascrizioni o le leggono solo qualche volta,

quindi anche questo a riprova del fatto che siete piuttosto bravi.

Mi interessa ma su YouTube voi usate i sottotitoli oppure... oppure no?

Cioè nei miei video intendo.

Andate a votare qua.

...didattizzazione del podcast perché il mio podcast è per apprendenti individuali

e questa è la, diciamo, il pubblico principale di ascoltatori,

però chiaramente è un... un progetto che potrebbe essere anche proposto nelle classi,

anzi, di questo non ho parlato nella tesi però io so per certo di classi di lingua italiana in vari paesi del mondo

che utilizzano anche il... il mio podcast.

Nelle domande aperte tante persone hanno detto che apprezzano la mia pronuncia chiara in dizione italiana,

tanti apprezzano la qualità audio,

tanti apprezzano la varietà dei contenuti

che alla fine la cosa per me più importante è che questi contenuti non non siano noiosi ma siano...

non lo so, vi tengano attaccati alle cuffie, al podcast, al video su YouTube che state guardando.

A tanti piace quando c'è interazione tra me ed Erika o tra me e altri ospiti.

E questo è vero, secondo me non tutti i podcast hanno un elemento di interazione

ma secondo me è molto importante sentire come i madrelingua parlano tra di loro.

Però tanti sostanzialmente dicono: "Hanno rotto le p*lle queste interviste con i poliglotti, con persone..."

Ad alcune piacciono, ad alcuni di voi piacciono ma ho letto varie volte

che sarebbe più interessante fare interviste ad altre persone e mi sto muovendo in questo senso, sì.

Inoltre a tanti non piace quando uso l'inglese

e non ho capito bene se intendete negli episodi,

forse nelle Riflessioni senza trascrizioni a volte spiego qualche parola traducendola in inglese

ed è una cosa che sto cercando un po' di cambiare,

però io sono dell'idea, dell'avviso che l'inglese non faccia male,

soprattutto se utilizzo due metodi di spiegazione, sia la spiegazione in italiano, sia la traduzione in inglese.

Penso che in questa maniera si massimizzino le probabilità che voi capiate una parola difficile.

Per la traduzione dei... di queste variazioni di registro

le due macrocategorie sono quella della riproduzione pedissequa originale, per esempio...

Quindi tutto è andato bene e voglio di nuovo ringraziare tutte le 561 persone tra di voi

che mi hanno aiutato in questo.

Senza di voi questo progetto non esisterebbe.

Ascoltate anche l'episodio di Riflessioni senza trascrizioni che uscirà tra qualche giorno.

E io vi ringrazio per aver visto anche questo video.

E io devo anche ringraziare i membri del Podcast Italiano Club

che rendono tutto ciò economicamente sensato.

Continuate ad aumentare in numero e questo mi rende molto felice.

Come ho detto nell'ultimo episodio, tutte queste parole che metto qua in alto

le trovate raccolte in un unico elenco.

Magari qualcuno già lo fa, magari qualcuno di voi le scrive

ma io lo faccio per voi e vi do anche la trascrizione integrale se vi serve.

3 dollari questo.

6 dollari episodio del podcast esclusivo Tre parole per ogni video e episodio normale che faccio.

Quindi se io faccio un video o un episodio del podcast normali voi otterrete altri due episodi bonus

che sono di solito di mezz'ora circa perché parlo, parlo troppo,

non riesco mai a fermarmi come... come vedete, non riesco.

E parlo molto di etimologia. Io amo l'etimologia.

Per esempio, questa storia del lauro, dell'alloro.

Io parlo di cose di questo genere anche sul podcast ma anche di cose...

(sul podcast Tre parole)

ma anche di cose più pragmatiche che vi possono aiutare più concretamente.

Se vi possono interessare queste cose andatevi ad iscrivere

e noi ci vediamo nel prossimo episodio.

Alla prossima!


The weirdest of graduations [Learn Italian, with subs] Der seltsamste aller Abschlüsse [Italienisch lernen, mit Untertiteln]. The weirdest of graduations [Learn Italian, with subs] La más extraña de las graduaciones [Learn Italian, with subs].

In questi giorni senza poter andare da nessuna parte These days without being able to go anywhere

i miei capelli stanno avendo diversi problemi e non posso andare a tagliarli.

E io non so tagliarmeli da solo ma potrei risolvere questo problema con un cappello

oppure con un copricapo, qualcosa da mettermi in testa.

Problema risolto.

Ciao a tutti ragazzi e ragazze, benvenuti.

Questo è Podcast Italiano, il podcast e canale YouTube per imparare l'italiano attraverso contenuti autentici.

Io mi chiamo Davide e mi sono laureato per la seconda volta.

Ma che significa 'laurearsi'? But what does 'graduate' mean?

Beh, l'avete letto qua probabilmente.

Comunque significa 'prendere una laurea', cioè concludere un ciclo di studi all'università.

Per chi non mi conoscesse, io avevo già una laurea, un 'bachelor' si chiama in altri paesi,

in italiano 'laurea triennale', cioè di tre anni,

in traduzione e interpretariato.

E adesso ho ottenuto una seconda laurea, la laurea magistrale,

quindi 'masters' in lingue per la comunicazione internazionale.

E tra l'altro non solo io: anche Erika si è laureata

e abbiamo registrato un episodio di Riflessioni senza trascrizioni sull'argomento,

su questi cinque anni di università,

perché abbiamo fatto cinque anni di università insieme.

Uscirà tra qualche giorno.

A proposito, da dove deriva la parola 'laurea'? By the way, where does the word 'degree' come from?

Che parola strana!

Beh, questo in latino si chiamava 'laurus'.

In realtà in italiano si chiama 'alloro'.

Ma perché l'alloro, perché questa pianta? But why bay leaf, why this plant?

Beh, deriva tutto dalla mitologia greco-romana

in cui l'alloro era una pianta che simboleggiava la vittoria, l'onore e la gloria.

E proprio in Italia nel medioevo è iniziata la tradizione di incoronare i poeti che diventavano poeti laureati,

i poeti più bravi, i poeti più illustri, quindi poeti che avevano una corona d'alloro in testa, laureati.

E la tradizione dei poeti laureati è continuata anche in altri paesi ma mi risulta che solo in Italia And the tradition of poets laureates has continued in other countries as well, but I understand that only in Italy

(correggetemi se sbaglio)

si dia l'alloro, si mette una corona d'alloro ai laureati

(adesso intendo come le persone che finiscono l'università).

Che dire, in questo periodo meglio avere una corona che il corona, direi.

Questa battuta l'ho copiata ad Erika, lo ammetto.

Però vi starete chiedendo: "Ok, ma come... come hai fatto a laurearti

se non puoi uscire di casa? Non c'è una sorta di cerimonia?"

Sì, perché l'ultimo passaggio è discutere la tesi.

Noi non diciamo, a proposito, 'difendere la tesi' come in altri paesi, non parliamo di difesa ma di discussione,

discussione seguita poi da proclamazione, ovvero quando ti dicono che sei ufficialmente laureato.

Questo ovviamente in questo periodo è vietato.

Pensate poi che la laurea di solito in Italia è un evento pubblico,

non è chiuso, quindi chiunque può andare, parenti, amici, il gatto...

No, il gatto... gli animali forse no, però chiunque davvero può andare a vedere la laurea

e quindi questo è davvero un classico esempio di assembramenti di persone

che sono vietatissimi in questo momento.

Quindi è avvenuto tutto su internet.

Metterò in questo video anche qualche frammento di video di me che parlo a un computer I will also put in this video some video snippets of me talking to a computer

che sarebbe la mia presentazione. That would be my introduction.

La tesi, appunto, verte intorno a un mio progetto che ho iniziato nel settembre 2016

di creazione di contenuti audiovisivi per apprendenti della lingua italiana,

quindi stranieri che imparano la nostra lingua.

Si compone di podcast che poi è il nucleo originario e fondante che ho analizzato

e un canale YouTube che è venuto poi in un secondo momento ma che non ho esaminato And a YouTube channel that came later on but which I did not review

perché la trattazione sarebbe stata eccessivamente vasta.

E posso dire con orgoglio che è diventato uno dei progetti più conosciuti negli ultimi anni

almeno a livello di podcast

tra... almeno tra i cinque più conosciuti per la lingua italiana.

Non nego che è stato un po' strano e anche un po' deprimente

perché manca tutto l'aspetto di cerimonia, di festeggiamento, di...

Poi in Italia è comune fare un pranzo oppure una cena di laurea con tantissimi invitati

dove ti spacchi di cibo, mangi un sacco di cibo.

Questo aspetto di convivialità e di festeggiamento chiaramente è venuto a mancare.

La mia tesi era proprio su questo progetto.

Ho analizzato il podcast come strumento per apprendere, per imparare le lingue.

Vi metto anche il pdf con la mia intera tesi di 160 pagine.

Non penso interessi a nessuno ma magari c'è qualche pazzo tra di voi che vuole leggerla,

quindi... come volete voi.

E un elemento centrale della tesi era un questionario al quale qualcuno di voi qualche mese fa ha preso parte,

561 di voi per la precisione.

E vi ringrazio enormemente per questo, davvero è stato molto molto importante il vostro contributo

sia per la mia tesi ma anche per il progetto

perché sicuramente penso che ne gioverà.

Ho scoperto che ho un pubblico (almeno del podcast) abbastanza anziano.

È interessante perché qui in Italia nessuno ascolta podcast, o meglio poche... poche persone,

probabilmente giovani tra i 20 e i 40 anni.

E invece ho scoperto che nel mio pubblico ci sono tantissime persone che hanno più di 50 anni!

Per esempio, un'informazione interessante che ho scoperto

è che gli ascoltatori del mio podcast non sono così giovani come io mi immaginavo.

Vanno anche oltre i 60, a volte anche i 70 anni

Questo forse anche a riprova del fatto che negli Stati Uniti si tratta di una tecnologia

che è meglio inserita a livello culturale, che è già abbastanza diffusa.

Potete votare nel sondaggio qui in alto per vedere se c'è qualche differenza tra podcast e YouTube. You can vote in the poll above to see if there is any difference between podcasts and YouTube.

Poi ho anche scoperto, e questo me lo immaginavo, che il vostro livello è piuttosto buono,

cioè la maggior parte di voi sa l'italiano tra il B1 o il B2, o almeno dite di saperlo. that is, most of you know Italian between B1 or B2, or at least you say you do.

Forse è anche questo a causa dei materiali che creo che non sono molto per principianti.

E ho anche visto che gli episodi per principianti non vi piacciono molto.

L'ottanta per cento di voi impara l'italiano per interesse verso la cultura, verso il paese,

30 per cento perché ha origini italiane

(la risposta poteva essere multipla, per questo non viene esattamente 100 per cento ma di più).

Solo 10 per cento per lavoro e solo 16 per cento perché si vuole trasferire in Italia

E questo è bellissimo perché mostra una volta di più

che l'italiano viene imparato per interesse verso l'Italia

per la cultura e non per ragioni pragmatiche di lavoro, di studi,

almeno dalla maggior parte delle persone.

Ho scoperto che vi piacciono tantissimo gli episodi di livello avanzato,

che vi piacciono tantissimo le Riflessioni senza trascrizioni e le interviste.

E ho visto che tante persone non leggono le trascrizioni o le leggono solo qualche volta,

quindi anche questo a riprova del fatto che siete piuttosto bravi.

Mi interessa ma su YouTube voi usate i sottotitoli oppure... oppure no? I'm interested but on YouTube do you guys use subtitles or-or not?

Cioè nei miei video intendo. I mean in my videos I mean.

Andate a votare qua.

...didattizzazione del podcast perché il mio podcast è per apprendenti individuali ... l'enseignement du podcast parce que mon podcast est destiné aux apprenants individuels

e questa è la, diciamo, il pubblico principale di ascoltatori,

però chiaramente è un... un progetto che potrebbe essere anche proposto nelle classi,

anzi, di questo non ho parlato nella tesi però io so per certo di classi di lingua italiana in vari paesi del mondo

che utilizzano anche il... il mio podcast.

Nelle domande aperte tante persone hanno detto che apprezzano la mia pronuncia chiara in dizione italiana,

tanti apprezzano la qualità audio,

tanti apprezzano la varietà dei contenuti

che alla fine la cosa per me più importante è che questi contenuti non non siano noiosi ma siano...

non lo so, vi tengano attaccati alle cuffie, al podcast, al video su YouTube che state guardando. I don't know, keep you attached to your headphones, to the podcast, to the YouTube video you're watching.

A tanti piace quando c'è interazione tra me ed Erika o tra me e altri ospiti.

E questo è vero, secondo me non tutti i podcast hanno un elemento di interazione

ma secondo me è molto importante sentire come i madrelingua parlano tra di loro.

Però tanti sostanzialmente dicono: "Hanno rotto le p*lle queste interviste con i poliglotti, con persone..."

Ad alcune piacciono, ad alcuni di voi piacciono ma ho letto varie volte

che sarebbe più interessante fare interviste ad altre persone e mi sto muovendo in questo senso, sì.

Inoltre a tanti non piace quando uso l'inglese

e non ho capito bene se intendete negli episodi,

forse nelle Riflessioni senza trascrizioni a volte spiego qualche parola traducendola in inglese

ed è una cosa che sto cercando un po' di cambiare,

però io sono dell'idea, dell'avviso che l'inglese non faccia male,

soprattutto se utilizzo due metodi di spiegazione, sia la spiegazione in italiano, sia la traduzione in inglese.

Penso che in questa maniera si massimizzino le probabilità che voi capiate una parola difficile.

Per la traduzione dei... di queste variazioni di registro

le due macrocategorie sono quella della riproduzione pedissequa originale, per esempio...

Quindi tutto è andato bene e voglio di nuovo ringraziare tutte le 561 persone tra di voi

che mi hanno aiutato in questo.

Senza di voi questo progetto non esisterebbe.

Ascoltate anche l'episodio di Riflessioni senza trascrizioni che uscirà tra qualche giorno.

E io vi ringrazio per aver visto anche questo video.

E io devo anche ringraziare i membri del Podcast Italiano Club

che rendono tutto ciò economicamente sensato.

Continuate ad aumentare in numero e questo mi rende molto felice.

Come ho detto nell'ultimo episodio, tutte queste parole che metto qua in alto

le trovate raccolte in un unico elenco.

Magari qualcuno già lo fa, magari qualcuno di voi le scrive

ma io lo faccio per voi e vi do anche la trascrizione integrale se vi serve.

3 dollari questo.

6 dollari episodio del podcast esclusivo Tre parole per ogni video e episodio normale che faccio.

Quindi se io faccio un video o un episodio del podcast normali voi otterrete altri due episodi bonus

che sono di solito di mezz'ora circa perché parlo, parlo troppo,

non riesco mai a fermarmi come... come vedete, non riesco.

E parlo molto di etimologia. Io amo l'etimologia.

Per esempio, questa storia del lauro, dell'alloro.

Io parlo di cose di questo genere anche sul podcast ma anche di cose...

(sul podcast Tre parole)

ma anche di cose più pragmatiche che vi possono aiutare più concretamente.

Se vi possono interessare queste cose andatevi ad iscrivere

e noi ci vediamo nel prossimo episodio.

Alla prossima!