×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

La storia di Italo by Podcast Italiano, La storia di Italo - Capitolo Tre

La storia di Italo - Capitolo Tre

[INTRODUZIONE] Ciao a tutti. Benvenuti o bentornati su Podcast Italiano, questo è il terzo capitolo de “La Storia di Italo”, una storia di livello principiante per chi impara l'italiano. La storia è scritta e narrata da me, Davide Gemello, ed Erika Porreca. La musica è scritta da me. Se non avete sentito il primo ed il secondo episodio, ascoltateli prima di ascoltare questo. Leggete anche la trascrizione e la traduzione di questo episodio in inglese su podcastitaliano.com. Buon ascolto!

Il mio aereo atterra a Milano, una delle città italiane più famose. Non ho tempo di visitarla, però. Un treno per Torino mi sta aspettando.

Mi piace viaggiare in treno, vedere il paesaggio cambiare fuori dal finestrino. Attorno a me tutti parlano italiano. Cerco di ascoltare e capire il più possibile.

Arrivo a Torino alle due del pomeriggio. Il sole splende alto nel cielo, fa caldissimo, sono stanco, ma non sono mai stato così felice.

La stazione di Torino è bellissima, non troppo grande, ma molto elegante. Uscendo, vedo un grande corso e mi sento un po' smarrito. Non so bene dove andare.

“Serve aiuto?” mi chiede una signora, con uno strano accento.

“Deve andare a Fiat Mirafiori” dico, e subito mi accorgo di aver commesso un errore. “Devo andare”, non “deve”.

La signora però ha capito: “Prenda il tram 18 allora. Ferma proprio qui. 6 fermate e poi deve scendere. Le regalo il mio biglietto, non mi serve più.”

“Grazie mille!”

“Arrivederci!”

La signora se ne va e io mi sento molto fortunato.

Prendo il tram. Attraverso la città con i suoi bei palazzi alti e bianchi e i suoi larghi viali alberati. Quando scendo, vedo davanti a me un edificio di cinque piani, largo e bianco. Enorme. È la Fiat: la fabbrica di automobili più grande d'Italia e la più antica d'Europa. Persone da ogni regione d'Italia sono venute a Torino per lavorare qui. Anche mio padre. Entro dall'ingresso principale.

Subito, un uomo dai capelli bianchi mi ferma. “Posso aiutarla?”

“Si, sto cercando informazioni su un uomo che lavorava qui circa 30 anni fa.”

“Allora mi dica, io lavoro qua da molti anni e ho conosciuto molte persone. Forse posso aiutarla. Ha mica una foto?”

“Purtroppo no. So solo che si chiamava Carlo, era sposato con una donna di nome Paola. Io sono suo figlio, ma non l'ho mai davvero conosciuto. Mi hanno mandato a vivere in America quando è scoppiata la guerra. Ora lo sto cercando.”

Ho provato mille volte queste frasi insieme alla mia insegnante Patrizia, le dico senza fare neanche un errore.

“Mmm… Carlo… Paola… trent'anni fa… è passato molto tempo” dice l'anziano.

“Lo so, ma io sono speranzoso” rispondo.

“Ricordo tre uomini di nome Carlo più o meno della mia età: uno ha lavorato qui fino a pochi anni fa, ma ora è in pensione. Un altro, un toscano, si è licenziato negli anni 60 per aprire un negozio di sartoria, che era il suo sogno. Il terzo invece era partito per la guerra, e poi non l'ho mai più visto.”

Vengo preso dalla paura: mio padre potrebbe essere morto, potrei non conoscerlo mai.

L'uomo prende un foglio e inizia a scrivere:

“Carlo Rastrelli – in pensione Carlo Baldini – negozio di Sartoria “Su misura”, via Madama Cristina. Carlo Bianchi – andato in guerra”

“Ecco tutto quello che so, spero di esserle stato utile. Buona fortuna, signor…?” ”

“Italo.

Grazie molte. È stato gentilissimo.” “Italo.

Inizierò le mie ricerche dal negozio di sartoria, visto che ho l'indirizzo. Non sto nella pelle. Ora ho alcuni indizi e soprattutto tanta, tanta speranza.

[EPILOGO]

Anche il terzo capitolo de “La Storia di Italo” è arrivato alla sua conclusione. Speriamo che vi sia piaciuto, a me e ad Erika piace molto fare queste storie e ci divertiamo anche con gli effetti sonori, io con la musica. Pensiamo sia un lavoro simpatico. A proposito, sono in compagnia di Erika in questo momento.

– Ciao.

– Erika che sta dietro alla scrittura dell'episodio, ha scritto la maggior parte di ciò che avete sentito fin'ora, mentre io lavoro sugli altri aspetti. Ma in ogni caso è un lavoro di squadra e penso il risultato sia buono. Vuoi dire qualcosa Erika?

– Sì, spero, come hai detto tutto, che vi piaccia la storia, che la troviate interessante, che vi intrattenga, che sia utile per il vostro italiano e che, appunto, possiate apprezzare il lavoro che facciamo.

– Detto questo, ci vediamo nel prossimo capitolo, nel quarto capitolo de “La Storia di Italo”. Ciao!

– Ciao!


La storia di Italo - Capitolo Tre

[INTRODUZIONE] Ciao a tutti. [ÚVOD] Ahoj všichni. [INTRODUCTION] Hello everyone. [INNLEDNING] Hei alle sammen. Benvenuti o bentornati su Podcast Italiano, questo è il terzo capitolo de “La Storia di Italo”, una storia di livello principiante per chi impara l'italiano. Vítejte nebo vítejte zpět v Podcast Italiano, jedná se o třetí kapitolu „La Storia di Italo“, příběh pro začátečníky pro ty, kteří se učí italsky. Welcome or welcome back to Podcast Italiano, this is the third chapter of "La Storia di Italo", a beginner level story for those who learn Italian. La storia è scritta e narrata da me, Davide Gemello, ed Erika Porreca. Příběh napsal a vyprávěl já, Davide Gemello a Erika Porreca. The story is written and told by me, Davide Gemello, and Erika Porreca. La musica è scritta da me. Hudba je napsána mnou. The music is written by me. Se non avete sentito il primo ed il secondo episodio, ascoltateli prima di ascoltare questo. Pokud jste neslyšeli první a druhou epizodu, poslouchejte je před poslechem. If you haven't heard the first and second episodes, listen to them before listening to this. Leggete anche la trascrizione e la traduzione di questo episodio in inglese su podcastitaliano.com. Přečtěte si také přepis a překlad této epizody v angličtině na podcastitaliano.com. Also read the transcription and translation of this episode in English on podcastitaliano.com. Buon ascolto! Rádi posloucháme! Happy listening!

Il mio aereo atterra a Milano, una delle città italiane più famose. Moje letadlo přistane v Miláně, jednom z nejslavnějších italských měst. My plane lands in Milan, one of the most famous Italian cities. Non ho tempo di visitarla, però. Nemám čas na návštěvu. I don't have time to visit it, though. Un treno per Torino mi sta aspettando. Čeká na mě vlak pro Turín. A train for Turin is waiting for me.

Mi piace viaggiare in treno, vedere il paesaggio cambiare fuori dal finestrino. I like traveling by train, seeing the landscape change outside the window. Attorno a me tutti parlano italiano. Everyone around me speaks Italian. Cerco di ascoltare e capire il più possibile. I try to listen and understand as much as possible.

Arrivo a Torino alle due del pomeriggio. Arrival in Turin at two in the afternoon. Il sole splende alto nel cielo, fa caldissimo, sono stanco, ma non sono mai stato così felice. The sun shines high in the sky, it's very hot, I'm tired, but I've never been so happy. Le soleil brille haut dans le ciel, il fait très chaud, je suis fatigué, mais je n'ai jamais été aussi heureux. Słońce świeci wysoko na niebie, jest bardzo gorąco, jestem zmęczona, ale nigdy nie byłam tak szczęśliwa.

La stazione di Torino è bellissima, non troppo grande, ma molto elegante. Turin station is beautiful, not too big, but very elegant. Uscendo, vedo un grande corso e mi sento un po' smarrito. On leaving, I see a great course and I feel a little lost. En partant, je vois un beau parcours et je me sens un peu perdu. Wyjeżdżając widzę świetny kurs i czuję się trochę zagubiony. Non so bene dove andare. I'm not sure where to go.

“Serve aiuto?” mi chiede una signora, con uno strano accento. "Need help?" Asks a lady, with a strange accent. "Besoin d'aide?" me demande une dame avec un accent étrange.

“Deve andare a Fiat Mirafiori” dico, e subito mi accorgo di aver commesso un errore. "You have to go to Fiat Mirafiori" I say, and immediately I realize that I made a mistake. « Il doit aller chez Fiat Mirafiori » dis-je, et je me rends compte immédiatement que j'ai fait une erreur. „Musi jechać do Fiata Mirafiori” mówię i od razu uświadamiam sobie, że popełniłem błąd. “Devo andare”, non “deve”. "I have to go", not "must".

La signora però ha capito: “Prenda il tram 18 allora. But the lady understood: “Take tram 18 then. Ale pani zrozumiała: „W takim razie jedź tramwajem 18. Ferma proprio qui. Stop right here. Arrêtez-vous ici. 6 fermate e poi deve scendere. 6 stops and then must get off. 6 arrêts puis doit descendre. Le regalo il mio biglietto, non mi serve più.” I'll give you my ticket, I don't need it anymore. " Daję ci mój bilet, już go nie potrzebuję.”

“Grazie mille!”

“Arrivederci!”

La signora se ne va e io mi sento molto fortunato. The lady leaves and I feel very lucky. La dame part et je me sens très chanceux. A senhora sai e eu me sinto muito sortudo.

Prendo il tram. I take the tram. Attraverso la città con i suoi bei palazzi alti e bianchi e i suoi larghi viali alberati. Across the city with its beautiful tall white buildings and wide tree-lined avenues. À travers la ville avec ses beaux grands immeubles blancs et ses larges avenues bordées d'arbres. Quando scendo, vedo davanti a me un edificio di cinque piani, largo e bianco. When I go down, I see a five-story building in front of me, wide and white. Quand je descends, je vois un grand bâtiment blanc de cinq étages devant moi. Enorme. Huge. È la Fiat: la fabbrica di automobili più grande d'Italia e la più antica d'Europa. It is Fiat: the largest car factory in Italy and the oldest in Europe. Persone da ogni regione d'Italia sono venute a Torino per lavorare qui. People from every region of Italy came to Turin to work here. Anche mio padre. Even my father. Entro dall'ingresso principale. I enter from the main entrance.

Subito, un uomo dai capelli bianchi mi ferma. Immediately, a white-haired man stops me. Immédiatement, un homme aux cheveux blancs m'arrête. “Posso aiutarla?” "Can I help you?"

“Si, sto cercando informazioni su un uomo che lavorava qui circa 30 anni fa.” "Yes, I'm looking for information on a man who worked here about 30 years ago."

“Allora mi dica, io lavoro qua da molti anni e ho conosciuto molte persone. “So tell me, I have been working here for many years and I have known many people. « Alors dites-moi, je travaille ici depuis de nombreuses années et j'ai rencontré beaucoup de gens. Forse posso aiutarla. Maybe I can help you. Ha mica una foto?” Do you have a picture? " Avez-vous une photo? " Masz zdjęcie? "

“Purtroppo no. “Unfortunately not. So solo che si chiamava Carlo, era sposato con una donna di nome Paola. I only know that his name was Carlo, he was married to a woman named Paola. Je sais seulement qu'il s'appelait Carlo, qu'il était marié à une femme qui s'appelait Paola. Io sono suo figlio, ma non l'ho mai davvero conosciuto. I am his son, but I never really knew him. Mi hanno mandato a vivere in America quando è scoppiata la guerra. They sent me to live in America when the war broke out. Ora lo sto cercando.” Now I'm looking for him. "

Ho provato mille volte queste frasi insieme alla mia insegnante Patrizia, le dico senza fare neanche un errore. I tried a thousand times these sentences together with my teacher Patrizia, I say them without making a mistake. J'ai essayé mille fois ces phrases avec mon professeur Patrizia, je les dis sans me tromper. 我和我的老师 Patrizia 一起试过这些短语一千次,我说得没错。

“Mmm… Carlo… Paola… trent'anni fa… è passato molto tempo” dice l'anziano. "Mmm ... Carlo ... Paola ... thirty years ago ... it's been a long time" says the old man. „Mmm… Carlo… Paola… trzydzieści lat temu… to było dawno” – mówi starzec.

“Lo so, ma io sono speranzoso” rispondo. "I know, but I'm hopeful," I reply.

“Ricordo tre uomini di nome Carlo più o meno della mia età: uno ha lavorato qui fino a pochi anni fa, ma ora è in pensione. “I remember three men named Carlo more or less my age: one worked here until a few years ago, but is now retired. « Je me souviens de trois hommes qui s'appelaient Carlo à peu près de mon âge : l'un travaillait ici jusqu'à il y a quelques années, mais est maintenant à la retraite. Un altro, un toscano, si è licenziato negli anni 60 per aprire un negozio di sartoria, che era il suo sogno. Another, a Tuscan, fired in the 1960s to open a tailor shop, which was his dream. Un autre, un toscan, a démissionné dans les années 1960 pour ouvrir une boutique de tailleur, ce qui était son rêve. Il terzo invece era partito per la guerra, e poi non l'ho mai più visto.” The third, on the other hand, had left for the war, and I never saw him again. "

Vengo preso dalla paura: mio padre potrebbe essere morto, potrei non conoscerlo mai. I am seized with fear: my father may be dead, I may never know him. Je suis pris de peur : mon père est peut-être mort, je ne le connais peut-être jamais.

L'uomo prende un foglio e inizia a scrivere: The man takes a sheet and starts writing:

“Carlo Rastrelli – in pensione Carlo Baldini – negozio di Sartoria “Su misura”, via Madama Cristina. “Carlo Rastrelli - retired Carlo Baldini -“ Tailor-made ”tailoring shop, via Madama Cristina. "Carlo Rastrelli - retraité Carlo Baldini - boutique de tailleur" Sur mesure ", via Madama Cristina. Carlo Bianchi – andato in guerra” Carlo Bianchi - gone to war "

“Ecco tutto quello che so, spero di esserle stato utile. “That's all I know, I hope I have been useful to you. Buona fortuna, signor…?” ” Good luck, mister ...? ""

“Italo. "Italo.

Grazie molte. Thank you very much. È stato gentilissimo.” “Italo. He was very kind. "" Italo.

Inizierò le mie ricerche dal negozio di sartoria, visto che ho l'indirizzo. I will start my research from the tailor shop, since I have the address. Je vais commencer mes recherches chez le tailleur, puisque j'ai l'adresse. Non sto nella pelle. I'm not in the skin. Je ne suis pas dans la peau. Ora ho alcuni indizi e soprattutto tanta, tanta speranza. Jetzt habe ich einige Hinweise und vor allem viel, viel Hoffnung. Now I have some clues and above all a lot, a lot of hope.

[EPILOGO] [EPILOGUE]

Anche il terzo capitolo de “La Storia di Italo” è arrivato alla sua conclusione. Das dritte Kapitel von „The Story of Italo“ ist ebenfalls zu Ende gegangen. The third chapter of "La Storia di Italo" has also come to its conclusion. Le troisième chapitre de « L'histoire d'Italo » a également atteint sa conclusion. Speriamo che vi sia piaciuto, a me e ad Erika piace molto fare queste storie e ci divertiamo anche con gli effetti sonori, io con la musica. Wir hoffen, es hat euch gefallen, ich und Erika haben es wirklich genossen, diese Geschichten zu machen, und wir genießen auch die Soundeffekte, ich mit der Musik. We hope you enjoyed it, Erika and I really like doing these stories and we also have fun with the sound effects, I with the music. Nous espérons que cela vous a plu, Erika et moi aimons vraiment faire ces histoires et nous apprécions également les effets sonores, moi avec la musique. Pensiamo sia un lavoro simpatico. Wir finden es ein guter Job. We think it's a nice job. A proposito, sono in compagnia di Erika in questo momento. Übrigens bin ich gerade in Erikas Gesellschaft. By the way, I'm in the company of Erika right now.

– Ciao. - Hello.

– Erika che sta dietro alla scrittura dell'episodio, ha scritto la maggior parte di ciò che avete sentito fin'ora, mentre io lavoro sugli altri aspetti. - Erika, die hinter dem Schreiben der Episode steht, hat das meiste geschrieben, was Sie bisher gehört haben, während ich an den anderen Aspekten arbeite. - Erika behind the writing of the episode wrote most of what you have heard so far, while I work on the other aspects. - Erika qui est derrière l'écriture de l'épisode, a écrit la plupart de ce que vous avez entendu jusqu'à présent, pendant que je travaille sur les autres aspects. Ma in ogni caso è un lavoro di squadra e penso il risultato sia buono. Aber auf jeden Fall ist es eine Teamleistung und ich denke, das Ergebnis ist gut. But in any case it is a team effort and I think the result is good. Mais en tout cas c'est un travail d'équipe et je pense que le résultat est bon. Vuoi dire qualcosa Erika? Willst du etwas sagen, Erika? Do you mean something Erika?

– Sì, spero, come hai detto tutto, che vi piaccia la storia, che la troviate interessante, che vi intrattenga, che sia utile per il vostro italiano e che, appunto, possiate apprezzare il lavoro che facciamo. - Ja, ich hoffe, wie Sie alles gesagt haben, dass Ihnen die Geschichte gefällt, dass Sie sie interessant finden, dass sie Sie unterhält, dass sie für Ihr Italienisch nützlich ist und dass Sie die Arbeit, die wir leisten, tatsächlich schätzen können. - Yes, I hope, as you said everything, that you like history, that you find it interesting, that it entertains you, that it is useful for your Italian and that, in fact, you can appreciate the work we do. - Oui, j'espère, comme vous l'avez tout dit, que vous aimez l'histoire, que vous la trouvez intéressante, qu'elle vous divertit, qu'elle est utile pour votre italien et qu'en fait, vous pouvez apprécier le travail que nous faisons.

– Detto questo, ci vediamo nel prossimo capitolo, nel quarto capitolo de “La Storia di Italo”. - Wir sehen uns im nächsten Kapitel, im vierten Kapitel von „The Story of Italo“. - That said, see you in the next chapter, in the fourth chapter of "The History of Italo". Ciao!

– Ciao!