×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

La storia di Italo by Podcast Italiano, La storia di Italo - Capitolo Quattro

La storia di Italo - Capitolo Quattro

[Introduzione] Ciao a tutti. Benvenuti o bentornati su Podcast Italiano. Questo è il quarto capitolo de “La Storia di Italo”, una storia di livello principiante per chi impara l'italiano. La storia è scritta e narrata da me, Davide Gemello, ed Erika Porreca. La musica è scritta da me. In questo episodio c'è la partecipazione speciale di Elissa del canale itselissanotalyssa. È un ottimo canale, dateci un'occhiata, ve lo consiglio. Se non avete sentito il primo, il secondo ed il terzo episodio, ascoltateli prima di ascoltare questo. Leggete anche la trascrizione e la traduzione di questo episodio in inglese su podcastitaliano.com. Buon ascolto!

Il sole di agosto brucia sulla mia pelle quando arrivo in via Madama Cristina. È una strada molto lunga, vicino al centro della città.

Cammino cinque minuti prima di trovare il negozio: “Sartoria Su Misura” leggo sopra la porta. Faccio un bel respiro, poi entro. I “Buonasera” saluto. “Buonasera signore, come posso aiutarla?” risponde un uomo anziano, con grandi baffi bianchi. Ha gli occhi azzurri, come i miei. I capelli sono bianchi, ma ricci come i miei. Forse sono stato fortunato… ci spero tanto.

“Cerco il signor Carlo Baldini” dico. “Sono io!” sorride l'uomo.

Inizio a raccontare la mia storia: la guerra, l'infanzia in America, gli indizi che ho e il viaggio in Italia per ritrovare i miei genitori.

Quando finisco di parlare, l'uomo inizia a dirmi qualcosa, ma parla troppo veloce e non capisco niente. Lo interrompo: “Mi scusi, non ho capito. Potrebbe parlare più lentamente? Sa, sono straniero…”

“Certo, certo, scusami” sorride ancora, forse è felice di avere ritrovato suo figlio? Ma le sue parole mi deludono: “Dicevo che purtroppo non sono io tuo papà. Mi dispiace tanto. Io ho solo una figlia, Elisa, che ora vive fuori città.”

‘Non importa' penso, ho appena cominciato le ricerche. L'uomo però non ha finito: “Aspetta un momento”.

“Marta!” chiama a voce alta. Da una porta esce una ragazza, alta, magra e dai capelli biondi e lisci. “Italo, ti presento Marta. Lavora qui da qualche settimana”.

“Piacere, Marta Bianchi”. Quel cognome riaccende la mia speranza. Carlo Bianchi è uno dei nomi sulla piccola lista che mi ha dato il signore di Mirafiori, la lista con gli uomini di nome Carlo che lavoravano alla Fiat quando sono nato io .

“Italo, molto piacere. Marta, ti posso dare del tu?”

“Volevo chiederti, qualche tuo parente si chiama per caso Carlo Bianchi? E lavorava magari alla Fiat?” le domando. “Sì, mio padre! Carlo Antonio Bianchi. Ha lavorato in Fiat prima di partire per la guerra” Non ci credo, che fortuna!

“Purtroppo però è morto due anni fa” aggiunge triste. Divento triste anche io. Ripeto anche a lei la mia storia, lei ascolta attentamente.

“I miei genitori non mi hanno mai parlato di figli in America. E poi, siamo nati lo stesso anno, sarebbe impossibile. Molte persone si chiamano Carlo Bianchi, però. Forse mio padre non è quello giusto. Mi dispiace, Italo”.

Dispiace anche a me, tanto. Non ho più molta voglia di parlare. Sono deluso, ma ho ancora una piccola speranza, anche se è solo un nome: Carlo Rastrelli, l'ultimo sulla mia lista.


La storia di Italo - Capitolo Quattro Italo's story - Chapter Four

[Introduzione] Ciao a tutti. [Introduction] Hello everyone. [Introduksjon] Hei alle sammen. [Introdução] Olá a todos. Benvenuti o bentornati su Podcast Italiano. Welcome or welcome back to Italian Podcast. Questo è il quarto capitolo de “La Storia di Italo”, una storia di livello principiante per chi impara l'italiano. This is the fourth chapter of “The Story of Italo”, a beginner level story for those who learn Italian. Dette er det fjerde kapittelet i "Historien om Italo", en nybegynnernivåhistorie for de som lærer italiensk. La storia è scritta e narrata da me, Davide Gemello, ed Erika Porreca. La musica è scritta da me. Music is written by me. A música é escrita por mim. In questo episodio c'è la partecipazione speciale di Elissa del canale itselissanotalyssa. In this episode there is the special participation of Elissa of itselissanotalyssa channel. Neste episódio há a participação especial de Elissa do canal itselissanotalyssa. È un ottimo canale, dateci un'occhiata, ve lo consiglio. Es ist ein großartiger Kanal, probieren Sie es aus, ich empfehle es. It's a great channel, check it out, I recommend it. Det er en flott kanal, sjekk den, jeg anbefaler den. Se non avete sentito il primo, il secondo  ed il terzo episodio, ascoltateli prima di ascoltare questo. If you haven't heard the first, second and third episodes, listen to them before you listen to this one. Hvis du ikke har hørt den første, andre og tredje episoden, kan du lytte til dem før du lytter til denne. Se você ainda não ouviu o primeiro, segundo e terceiro episódios, ouça-os antes de ouvir este. Leggete anche la trascrizione e la traduzione di questo episodio in inglese su podcastitaliano.com. Also read the transcription and translation of this episode in English on podcastitaliano.com. Leia também a transcrição e tradução deste episódio em inglês no podcastitaliano.com. Buon ascolto! Have a good listening!

Il sole di agosto brucia sulla mia pelle quando arrivo in via Madama Cristina. Die Augustsonne brennt auf meiner Haut, als ich über Madama Cristina ankomme. The August sun burns on my skin when I arrive in via Madama Cristina. Le soleil d'août me brûle la peau quand j'arrive via Madama Cristina. August-solen brenner på huden min når jeg kommer inn via Madama Cristina. O sol de agosto queima minha pele quando chego via Madama Cristina. È una strada molto lunga, vicino al centro della città. Es ist eine sehr lange Straße in der Nähe des Stadtzentrums. It is a very long street, close to the city center. Det er en veldig lang gate, nær sentrum.

Cammino cinque minuti prima di trovare il negozio: “Sartoria Su Misura” leggo sopra la porta. Ich gehe fünf Minuten, bevor ich den Laden finde: „Sartoria Su Misura“, las ich über der Tür. I walk five minutes before finding the shop: "Sartoria Su Misura" I read above the door. Jeg går fem minutter før jeg finner butikken: “Sartoria Su Misura” leste jeg over døren. Faccio un bel respiro, poi entro. Ich atme tief ein und gehe dann hinein. I take a deep breath, then go inside. Jeg trekker pusten dypt og går inn. I “Buonasera” saluto. Ich "Guten Abend" Gruß. I "Good evening" greeting. Jeg "God kveld" hilsen. “Buonasera signore, come posso aiutarla?” risponde un uomo anziano, con grandi baffi bianchi. "Guten Abend, Sir, wie kann ich Ihnen helfen?" antwortet ein älterer Mann mit einem großen weißen Schnurrbart. "Good evening sir, how can I help you?" an elderly man with a big white mustache answers. "God kveld sir, hvordan kan jeg hjelpe deg?" svarer en eldre mann med en stor hvit bart. Ha gli occhi azzurri, come i miei. Er hat blaue Augen wie meine. He has blue eyes, like mine. Han har blå øyne, som mine. I capelli sono bianchi, ma ricci come i miei. Das Haar ist weiß, aber lockig wie meins. Hair is white, but curly like mine. Forse sono stato fortunato… ci spero tanto. Vielleicht hatte ich Glück ... ich hoffe so viel. Maybe I was lucky ... I hope so much. J'ai peut-être eu de la chance… J'espère tellement. Kanskje jeg var heldig ... jeg håper så mye.

“Cerco il signor Carlo Baldini” dico. "Ich suche Herrn Carlo Baldini", sage ich. "I'm looking for Mister Carlo Baldini" I say. “Sono io!” sorride l'uomo. "Da ich bin!" Der Mann lächelt. "It's me!" The man smiles.

Inizio a raccontare la mia storia: la guerra, l'infanzia in America, gli indizi che ho e il viaggio in Italia per ritrovare i miei genitori. Ich beginne meine Geschichte zu erzählen: den Krieg, die Kindheit in Amerika, die Hinweise, die ich habe, und die Reise nach Italien, um meine Eltern zu finden. I begin to tell my story: the war, childhood in America, the clues I have and the trip to Italy to find my parents. Jeg begynner å fortelle historien min: krigen, barndommen i Amerika, ledetrådene jeg har og turen til Italia for å finne foreldrene mine.

Quando finisco di parlare, l'uomo inizia a dirmi qualcosa, ma parla troppo veloce e non capisco niente. Wenn ich mit dem Sprechen fertig bin, beginnt der Mann mir etwas zu sagen, aber er spricht zu schnell und ich verstehe nichts. When I finish talking, the man starts telling me something, but he speaks too fast and I don't understand anything. Lo interrompo: “Mi scusi, non ho capito. Ich unterbreche ihn: „Entschuldigung, ich verstehe nicht. I interrupt him: “Excuse me, I don't understand. Potrebbe parlare più lentamente? Could you speak slower? Sa, sono straniero…” You know, I'm a foreigner ... " Du vet, jeg er utlending ... "

“Certo, certo, scusami” sorride ancora, forse è felice di avere ritrovato suo figlio? "Sicher, sicher, sorry", lächelt er wieder, vielleicht ist er froh, seinen Sohn gefunden zu haben? "Sure, sure, sorry" he smiles again, maybe he is happy to have found his son again? « Bien sûr, bien sûr, désolé » sourit-il à nouveau, peut-être est-il heureux d'avoir retrouvé son fils ? "Jada, visst, beklager" smiler han igjen, kanskje han er glad for å ha funnet sønnen sin? Ma le sue parole mi deludono: “Dicevo che purtroppo non sono io tuo papà. Aber seine Worte enttäuschen mich: „Ich sagte, dass ich leider nicht dein Vater bin. But his words disappoint me: “I said that unfortunately I am not your dad. Mais ses propos me déçoivent : « J'ai dit que malheureusement je ne suis pas ton père. Men hans ord skuffer meg: “Jeg sa at jeg dessverre ikke er faren din. Mi dispiace tanto. Es tut mir Leid. I'm so sorry. Io ho solo una figlia, Elisa, che ora vive fuori città.” Ich habe nur eine Tochter, Elisa, die jetzt außerhalb der Stadt lebt. " I have only one daughter, Elisa, who now lives outside the city. " Jeg har bare en datter, Elisa, som nå bor utenfor byen. "

‘Non importa' penso, ho appena cominciato le ricerche. "Es ist egal" Ich denke, ich habe gerade meine Forschung begonnen. 'It doesn't matter' I think, I have just started searching. 'Det spiller ingen rolle', tror jeg, jeg har nettopp startet forskningen. L'uomo però non ha finito: “Aspetta un momento”. Aber der Mann ist noch nicht fertig: "Warte einen Moment". But the man has not finished: "Wait a moment". Mais l'homme n'a pas fini : "Attendez un instant".

“Marta!” chiama a voce alta. "Marta!" laut rufen. "Martha!" call out loud. "Marta!" ring høyt. Da una porta esce una ragazza, alta, magra e dai capelli biondi e lisci. Ein Mädchen kommt aus einer Tür, groß, dünn und mit glattem blondem Haar. A girl comes out of a door, tall, thin and with blond and straight hair. Une fille sort d'une porte, grande, mince et aux cheveux blonds raides. “Italo, ti presento Marta. „Italo, das ist Marta. “Italo, this is Marta. “Italo, dette er Marta. Lavora qui da qualche settimana”. Er arbeitet seit ein paar Wochen hier. “ He has been working here for a few weeks. " Il travaille ici depuis quelques semaines ». Han har jobbet her i noen uker ”.

“Piacere, Marta Bianchi”. "Freut mich, Sie kennenzulernen, Marta Bianchi". "Nice to meet you, Marta Bianchi". "Glad å møte deg, Marta Bianchi". Quel cognome riaccende la mia speranza. Dieser Nachname weckt meine Hoffnung. That surname rekindles my hope. Ce nom de famille ravive mon espoir. Det etternavnet vekker håpet mitt igjen. Carlo Bianchi è uno dei nomi sulla piccola lista che mi ha dato il signore di Mirafiori, la lista con gli uomini di nome Carlo che lavoravano alla Fiat quando sono nato io . Carlo Bianchi ist einer der Namen auf der kleinen Liste, die mir der Herr aus Mirafiori gegeben hat, die Liste mit den Männern namens Carlo, die bei meiner Geburt bei Fiat gearbeitet haben. Carlo Bianchi is one of the names on the small list that the lord of Mirafiori gave me, the list with the men named Carlo who worked at Fiat when I was born. Carlo Bianchi est l'un des noms sur la petite liste que m'a donnée le monsieur de Mirafiori, la liste avec les hommes nommés Carlo qui travaillaient chez Fiat quand je suis né. Carlo Bianchi er et av navnene på den lille listen som mannen fra Mirafiori ga meg, listen med mennene som heter Carlo som jobbet på Fiat da jeg ble født.

“Italo, molto piacere. „Italo, sehr zufrieden. “Italo, a lot of pleasure. Marta, ti posso dare del tu?” Marta, kann ich dich dich nennen? " Marta, can I give you some tu? " Marta, je peux t'appeler ?" Marta, kan jeg kalle deg? "

“Volevo chiederti, qualche tuo parente si chiama per caso Carlo Bianchi? „Ich wollte dich fragen, heißt einer deiner Verwandten zufällig Carlo Bianchi? “I wanted to ask you, is any of your relatives by chance named Carlo Bianchi? “Jeg ville spørre deg, er det noen av dine slektninger som heter Carlo Bianchi? E lavorava magari alla Fiat?” le domando. Und vielleicht hat er für Fiat gearbeitet? " Ich frage Sie. And maybe he worked at Fiat? " I ask. Og kanskje jobbet han for Fiat? " Spør jeg henne. “Sì, mio padre! “Yes, my father! Carlo Antonio Bianchi. Carlo Antonio Bianchi. Ha lavorato in Fiat prima di partire per la guerra” Non ci credo, che fortuna! Er hat in Fiat gearbeitet, bevor er in den Krieg gezogen ist. “Ich glaube es nicht, was für ein Glück! He worked at Fiat before leaving for the war ”I don't believe it, what luck!

“Purtroppo però è morto due anni fa” aggiunge triste. "Leider ist er jedoch vor zwei Jahren gestorben", fügt er traurig hinzu. "Unfortunately he died two years ago," he adds sadly. Divento triste anche io. Ich werde auch traurig. I also get sad. Jeg blir trist også. Ripeto anche a lei la mia storia, lei ascolta attentamente. I repeat my story to you too, you listen carefully. Jeg gjentar historien min for deg også, du lytter nøye.

“I miei genitori non mi hanno mai parlato di figli in America. „Meine Eltern haben mir nie von Kindern in Amerika erzählt. “My parents never told me about children in America. “Foreldrene mine fortalte meg aldri om barn i Amerika. E poi, siamo nati lo stesso anno, sarebbe impossibile. Außerdem wurden wir im selben Jahr geboren, es wäre unmöglich. And then, we were born the same year, it would be impossible. Dessuten ble vi født samme år, det ville være umulig. Molte persone si chiamano Carlo Bianchi, però. Viele Leute heißen jedoch Carlo Bianchi. Many people are called Carlo Bianchi, however. Forse mio padre non è quello giusto. Vielleicht ist mein Vater nicht der richtige. Maybe my dad isn't the right one. Kanskje faren min ikke er den rette. Mi dispiace, Italo”. I'm sorry, Italo ".

Dispiace anche a me, tanto. Es tut mir auch so leid. I'm sorry too, so much. Non ho più molta voglia di parlare. Ich will nicht mehr wirklich reden. I don't really want to talk anymore. Jeg vil egentlig ikke snakke lenger. Sono deluso, ma ho ancora una piccola speranza, anche se è solo un nome: Carlo Rastrelli, l'ultimo sulla mia lista. Ich bin enttäuscht, aber ich habe immer noch ein wenig Hoffnung, auch wenn es nur ein Name ist: Carlo Rastrelli, der letzte auf meiner Liste. I am disappointed, but I still have a little hope, even if it is only a name: Carlo Rastrelli, the last one on my list.