×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

Salvatore racconta, #48 – Udine, il cuore pulsante del Friuli

#48 – Udine, il cuore pulsante del Friuli

Trascrizione dal podcast Salvatore racconta, episodio pubblicato il 5 febbraio 2022.

Distribuito con licenza Creative Commons CC-BY 4.0 non commerciale.

Gli studenti di italiano arrivati a un livello avanzato potrebbero pensare che alcune cose di base non abbiano più sorprese per loro.

I colori, per esempio. Cosa c'è di più immediato e autoevidente dei colori? Una volta che li hai imparati, è finita lì, no?

Di solito, sì. Per questo l'erba di un prato è verde, il cielo può essere grigio o azzurro a seconda del tempo, il mare è blu e i pomodori quasi sempre rossi. Il vino, poi. Beh, sul vino siamo tutti più che sicuri.

Vino bianco, vino rosso, vino rosato. Fine. Al limite, possiamo aggiungere qualche aggettivo a precisare. Rubino, paglierino, ambrato, verdolino, vermiglio.

Ora però andiamo un attimo in un'osteria della città che visitiamo oggi. Entriamo e c'è quell'odore così caratteristico di legno vecchio e di mosto, il rumore è quello di gente che parlotta e magari gioca a carte o a freccette. Davanti a noi al bancone c'è un'altra persona che sta ordinando, quindi aspettiamo. Magari un po' distratti, concentrati sui fatti nostri, non ascoltiamo quello che dice all'oste. Non lo ascoltiamo, ma comunque lo sentiamo.

L'uomo dice: “un nero”. E l'oste, impassibile, gli versa un bicchiere di vino. Ma è rosso. Perché nero?

Ordiniamo da bere anche noi. “Un nero” per non rischiare, e non fare la figura dei forestieri. Poi torniamo al tavolo a farci qualche domanda.

Ma che città è questa dove il vino rosso si chiama nero? Una città dove si parla un dialetto strano, profondo, quasi incomprensibile tranne poche parole. Una città dove la gente sembra sempre un po' per i fatti suoi, ma quando due persone si incontrano si salutano sempre con grande affetto.

Una città dove si mangia tanto prosciutto, e una specie di strana pizza fatta di patate e formaggio. Dove vicino allo stadio trovi tante persone con sciarpe e magliette a righe bianconere. Ma non vi azzardate a chiedergli se sono tifosi della Juventus, si arrabbierebbero moltissimo!

Sono tifosi della squadra locale, antichissima, orgoglio della loro città. Che è una città tranquilla oggi, ma con una storia travagliata. A causa della sua posizione, in mezzo a due grandi poteri della storia. E a causa della natura, che qui ha reso la vita difficile a molte generazioni e ha forgiato per sempre l'anima della città e di tutta la regione.

Oggi parliamo di Udine, il cuore pulsante del Friuli.

Gli ascoltatori di lungo corso di Salvatore racconta forse si ricorderanno di Udine perché abbiamo accennato alla sua esistenza nell'episodio 4 di Salvatore racconta, quello dedicato a Trieste. Udine e Trieste si trovano a un'ottantina di chilometri di distanza l'una dall'altra, e fanno parte della stessa regione amministrativa, il Friuli – Venezia Giulia.

Se state leggendo la trascrizione del podcast, che potete ricevere con la newsletter ogni domenica, vedrete che il Friuli – Venezia Giulia è una regione con il trattino. Un po' come l'Emilia Romagna. Perché riunisce amministrativamente due regioni storiche separate e abbastanza diverse tra loro.

Trieste si trova nella Venezia Giulia, la zona costiera che ha molti collegamenti -come è facile intuire- con Venezia e la sua storia. Lo stesso dialetto triestino ha molto in comune con il veneziano, è quasi una sua variante.

Udine invece si trova in Friuli, la zona più interna della regione, ha una storia e una tradizione tutte sue. E anche un dialetto tutto suo. Anzi, una lingua. Il friulano, o furlan come lo chiamano qui.

Friuli e Venezia Giulia, come in Italia succede sempre tra vicini, non si amano troppo. Per via di una storia molto diversa dove il potere dei grandi vicini ha avuto un ruolo molto importante. Forse troppo.

La presenza di Udine nella storia si fa interessante a partire dal medioevo. La città esisteva in età romana, e anche prima, ma per tanto tempo è stata oscurata dall'importanza di due centri vicini, poi decaduti, Aquileia e Cividale del Friuli.

Aquileia e Cividale, che in epoca romana erano importanti fulcri di potere civile e religioso, erano cadute a causa della nascita di uno Stato potente un po' più a sud. La Repubblica di Venezia.

Udine ne ha approfittato per un po', prima di cadere a sua volta sotto il controllo della Serenissima. Venezia decide di governare Udine attraverso una famiglia di nobili friulani locali, ma fedeli alla Repubblica. È la casata dei Savorgnan. Ancora oggi il simbolo della loro famiglia è quello della città di Udine.

Nel periodo del Rinascimento, la repubblica di Venezia è proprietaria di un piccolo impero nel mediterraneo. Controlla città in Croazia, in Grecia, in tutto l'adriatico. I possedimenti di terra non sono interessanti da un punto di vista economico, ma lo sono dal punto di vista strategico. Servono a mettere un cuscinetto tra Venezia e un potente nemico al di là delle Alpi: l'Austria.

Proprio a causa dello scontro tra Austria e Venezia, nel 1511 Udine vive una delle pagine più nere della sua storia, quella del Crudele Giovedì Grasso.

Da un paio d'anni, Udine era in preda all'anarchia, messa a ferro e fuoco da proteste di contadini e piccoli commercianti stanchi del governo veneziano che li faceva vivere nella fame. Stanchi soprattutto della famiglia Savorgnan, filoveneziani, ma in fondo anche degli altri nobili locali, come i Della Torre, una famiglia fedele all'Austria.

Solo che Savorgnan aveva un piano diabolico per spegnere la protesta e farla finita anche con i Della Torre, suoi rivali dentro la città. Il giorno di giovedì grasso del 1511, dalle mura di Udine si vede avvicinarsi un piccolo esercito. Sono tutti convinti che siano truppe austriache, pronte a conquistare la città approfittando del caos. La popolazione, già arrabbiata e armata, reagisce entrando nel panico. Antonio Savorgnan ne approfitta per riprendere il controllo. Convince la popolazione che gli austriaci sono pronti ad attaccare perché sono in combutta con la famiglia Della Torre e così aizza gli udinesi contro i suoi nemici. Per le strade della città inizia un massacro che dura per giorni.

Savorgnan dal suo palazzo se la ride. Ha ottenuto due piccioni con una fava. I contadini hanno scaricato la loro rabbia e furia omicida e lui si è liberato dei suoi più grandi nemici in città. Sarà la sua famiglia a governare Udine ancora e ancora, per conto di Venezia dove resta fino alla Restaurazione.

È noto infatti che dopo le guerre napoleoniche e il congresso di Vienna, il Veneto e il Friuli entrano a fare parte dell'Impero austriaco. Udine così ci entra per la prima volta nel 1815 e ci resta per mezzo secolo, fino alle guerre d'indipendenza e all'unità d'Italia.

Nel nuovo regno italiano, Udine si trova a un passo dal confine. Al di là, il nemico storico dell'Italia, l'impero austriaco. Quando scoppia la prima guerra mondiale e l'Italia entra nel conflitto proprio contro l'Austria, Udine è l'avamposto d'eccellenza. Lì si trova il comando generale dell'esercito, almeno fino al 1917 e alla tragica battaglia di Caporetto. Ma questa è un'altra storia.

Quella di Udine continua nel ventesimo secolo con le fatiche e i dolori delle due guerre mondiali e del tragico terremoto del Friuli del 1976 che ha fatto quasi mille vittime in tutta la regione.

Da quei giorni tragici a oggi, Udine è cambiata diventando una città al contempo tranquilla e vivace, un importante centro universitario e custode dell'eredità storica sua e di tutto il Friuli.

Di quell'eredità storica in città si vedono ancora molto bene le tracce, a partire dal maestoso castello di Udine, risalente al sedicesimo secolo e che sorge su una collinetta nel cuore della città. È un palazzo che vale la pena visitare anche perché ospita ben tre musei.

Sempre in centro potete passeggiare per le vie e le piazze che ricordano molto lo stile veneziano, ma su terraferma. Se vi incuriosiscono le personalità particolari, fermatevi a visitare la casa di Tina Modotti, geniale fotografa udinese e importante teorica e militante comunista.

Nel vecchio mercato del pesce, che oggi ospita un elegante palazzo in stile liberty, c'è una galleria proprio dedicata alle foto di Modotti. Ne vale la pena, credetemi.

Se siete stanchi del giro, potete fermarvi infine nell'elegante piazza Matteotti, che i locali chiamano piazza delle erbe ricordando il suo antico ruolo di sede del mercato cittadino. Qui e nei dintorni si possono gustare le prelibatezze della cucina udinese e friulana.

Il re della cucina locale è il frico, un piatto che somiglia a una pizza o a una frittata, ed è preparato a base di formaggio fuso, patate e cipolle. Contenuto calorico altissimo, quindi andateci piano se volete continuare a visitare la città. In alternativa potete provare i blecs, un tipo di pasta dal formato irregolare solitamente servita con un ragù di selvaggina, o magari semplicemente un piatto misto di formaggi e salumi. In particolare, il prodotto culinario più famoso del Friuli, il prosciutto crudo San Daniele, famoso per la sua dolcezza.

A proposito di dolci veri invece, nulla di più tipico a Udine della gubana, un ciambellone morbido ripieno di uvetta.

Cosa bere? Il Friuli è una terra di vini, soprattutto vini forti. La cosa migliore è andare in osteria e farsi consigliare. Oppure ordinare ‘un nero', come dicevamo all'inizio, e fidarsi dell'oste. Se invece siete più attenti, potete provare il Refosco, un vino rosso molto tipico della zona, o il Friulano, un vino bianco che una volta si chiamava Tocai come quello ungherese, fresco e profumato, ottimo da bere freddo in estate.

Se al vino preferite la birra, in questa città è nata una delle birre in bottiglia più famose d'Italia: la birra Moretti, rappresentata dal suo eterno uomo baffuto sull'etichetta.

Oltre all'arte e al cibo, l'orgoglio della città passa dal calcio. L'Udinese è una delle squadre più antiche del calcio italiano, da molti anni gioca stabilmente in serie A e ha anche fatto delle apparizioni più che dignitose nelle coppe europee. I suoi colori sociali sono il bianco e nero e lo stadio delle sue partite di casa è lo stadio Friuli, oggi noto come Dacia Arena per ragioni di sponsor. Se passate da lì il giorno della partita potrete sentire il tipico inno dei tifosi, rigorosamente in friulano. Alé Udin!

Come forse avrete capito, Udine è una città un po' speciale, anche se forse non ne avete sentito molto parlare in passato. Come molti dei luoghi di cui parliamo qui a Salvatore racconta, è una città dove non si arriva per caso ma per scelta. Dovete arrivarci consapevoli, in cerca della storia speciale di questi luoghi e della sua identità così peculiare. A pochi chilometri dalla città poi ci sono splendidi altipiani, una natura fatta di panorami difficili ma bellissimi, e una cultura che sfuma e si mischia tra Italia, Slovenia e identità regionale friulana.

Non resterete delusi da questa terra e dalla sua gente. Capita che i friulani, a una prima impressione, si mostrino diffidenti e distaccati. È la diffidenza naturale di generazioni cresciute su una terra difficile e non molto ricca, sulla quale si deve lavorare molto per ottenere qualcosa. Ma basta conoscerli meglio e dimostrargli affetto e rispetto per trovare gli amici più leali e cari che potete immaginare.

Persone di cui fidarsi, con cui chiacchierare, per scoprire il passato e il presente di questa città così discreta. Magari mischiando due o tre parole di furlan. Magari bevendo qualche bicchiere di vino. Nero, mi raccomando.

#48 – Udine, il cuore pulsante del Friuli #Nr. 48 - Udine, das pulsierende Herz des Friauls #48 - Ούντινε, η καρδιά του Φρίουλι που χτυπάει δυνατά #48 - Udine, the beating heart of Friuli. #48 - Udine, el corazón palpitante de Friuli #48 - Udine, o coração pulsante do Friuli

__Trascrizione dal podcast Salvatore racconta, episodio pubblicato il 5 febbraio 2022.__

__Distribuito con licenza Creative Commons CC-BY 4.0 non commerciale.__

Gli studenti di italiano arrivati a un livello avanzato potrebbero pensare che alcune cose di base non abbiano più sorprese per loro. Italienischlernende, die ein fortgeschrittenes Niveau erreicht haben, denken vielleicht, dass einige grundlegende Dinge für sie nicht mehr überraschend sind. Students of Italian who have arrived at an advanced level may think that some basic things have no more surprises for them.

I colori, per esempio. Farben, zum Beispiel. Cosa c'è di più immediato e autoevidente dei colori? Was ist unmittelbarer und selbstverständlicher als Farben? What is more immediate and self-evident than colors? Una volta che li hai imparati, è finita lì, no? Once you learn them, that's it, right?

Di solito, sì. Normalerweise ja. Usually, yes. Per questo l'erba di un prato è verde, il cielo può essere grigio o azzurro a seconda del tempo, il mare è blu e i pomodori quasi sempre rossi. Deshalb ist das Gras auf einer Wiese grün, der Himmel kann je nach Wetterlage grau oder blau sein, das Meer ist blau und Tomaten sind fast immer rot. That is why grass in a meadow is green, the sky can be gray or blue depending on the weather, the sea is blue, and tomatoes are almost always red. Il vino, poi. Der Wein also. The wine, then. Beh, sul vino siamo tutti più che sicuri. Nun, beim Wein sind wir uns alle mehr als sicher. Well, on wine we are all more than sure.

Vino bianco, vino rosso, vino rosato. White wine, red wine, rosé wine. Fine. End. Al limite, possiamo aggiungere qualche aggettivo a precisare. An der Grenze können wir einige Adjektive zur Verdeutlichung hinzufügen. At the limit, we can add a few adjectives to clarify. Rubino, paglierino, ambrato, verdolino, vermiglio. Rubinrot, strohgelb, bernsteinfarben, grünlich, zinnoberrot. Ruby, straw, amber, greenish, vermilion.

Ora però andiamo un attimo in un'osteria della città che visitiamo oggi. Doch nun wollen wir kurz in eine Taverne in der Stadt gehen, die wir heute besuchen. Now, however, let's go for a moment to a tavern in the town we are visiting today. Entriamo e c'è quell'odore così caratteristico di legno vecchio e di mosto, il rumore è quello di gente che parlotta e magari gioca a carte o a freccette. Als wir eintreten, riecht es typisch nach altem Holz und Most, es ist laut, die Leute unterhalten sich und spielen vielleicht Karten oder Darts. We walk in and there is that oh-so-characteristic smell of old wood and must, the noise is that of people talking and maybe playing cards or darts. Davanti a noi al bancone c'è un'altra persona che sta ordinando, quindi aspettiamo. Vor uns an der Theke steht eine andere Person, die gerade bestellt, also warten wir. In front of us at the counter is another person who is ordering, so we wait. Magari un po' distratti, concentrati sui fatti nostri, non ascoltiamo quello che dice all'oste. Vielleicht sind wir ein wenig abgelenkt, konzentrieren uns auf unsere eigenen Angelegenheiten und hören nicht auf das, was der Gastwirt sagt. Maybe a little distracted, focused on our own business, we don't listen to what he tells the innkeeper. Non lo ascoltiamo, ma comunque lo sentiamo. Wir hören nicht auf ihn, aber wir hören ihn trotzdem. We don't hear it, but still we hear it.

L'uomo dice: “un nero”. The man says, "a black man." E l'oste, impassibile, gli versa un bicchiere di vino. Und der Gastgeber schenkt ihm teilnahmslos ein Glas Wein ein. And the innkeeper, impassively, pours him a glass of wine. Ma è rosso. But it is red. Perché nero? Why black?

Ordiniamo da bere anche noi. Wir bestellen auch Getränke. We also order drinks. “Un nero” per non rischiare, e non fare la figura dei forestieri. Ein Schwarzer', um es nicht zu riskieren und um nicht als Außenseiter dazustehen. "A black man" so as not to risk it and not to look like an outsider. Poi torniamo al tavolo a farci qualche domanda. Dann gehen wir zurück an den Tisch und stellen ein paar Fragen. Then we go back to the table to ask some questions.

Ma che città è questa dove il vino rosso si chiama nero? Welche Stadt ist das, in der Rotwein schwarz genannt wird? But what city is this where red wine is called black? Una città dove si parla un dialetto strano, profondo, quasi incomprensibile tranne poche parole. A city where a strange, deep dialect is spoken, almost incomprehensible except for a few words. Una città dove la gente sembra sempre un po' per i fatti suoi, ma quando due persone si incontrano si salutano sempre con grande affetto. Eine Stadt, in der die Menschen immer ein bisschen für sich zu sein scheinen, aber wenn sich zwei Menschen treffen, begrüßen sie sich immer mit großer Zuneigung. A city where people always seem to be a bit on their own, but when two people meet they always greet each other with great affection.

Una città dove si mangia tanto prosciutto, e una specie di strana pizza fatta di patate e formaggio. A town where they eat a lot of ham, and a kind of strange pizza made of potatoes and cheese. Dove vicino allo stadio trovi tante persone con sciarpe e magliette a righe bianconere. In der Nähe des Stadions werden Sie viele Menschen mit schwarz-weiß gestreiften Schals und T-Shirts sehen. Where near the stadium you find many people with HCL striped scarves and T-shirts. Ma non vi azzardate a chiedergli se sono tifosi della Juventus, si arrabbierebbero moltissimo! Aber wagen Sie es nicht, sie zu fragen, ob sie Juventus-Fans sind, sie würden sehr wütend werden! But don't you dare ask them if they are Juventus fans, they would be very angry!

Sono tifosi della squadra locale, antichissima, orgoglio della loro città. They are fans of the local, ancient team, the pride of their city. Che è una città tranquilla oggi, ma con una storia travagliata. Heute ist sie eine ruhige Stadt, aber mit einer bewegten Geschichte. Which is a quiet city today, but with a troubled history. A causa della sua posizione, in mezzo a due grandi poteri della storia. Wegen seiner Lage zwischen zwei Großmächten in der Geschichte. Because of its position between two great powers in history. E a causa della natura, che qui ha reso la vita difficile a molte generazioni e ha forgiato per sempre l'anima della città e di tutta la regione. Und wegen der Natur, die vielen Generationen das Leben hier schwer gemacht hat und die Seele der Stadt und der ganzen Region für immer geprägt hat. And because of nature, which has made life here difficult for many generations and forever forged the soul of the city and the entire region.

Oggi parliamo di Udine, il cuore pulsante del Friuli. Today we are talking about Udine, the beating heart of Friuli.

Gli ascoltatori di lungo corso di Salvatore racconta forse si ricorderanno di Udine perché abbiamo accennato alla sua esistenza nell'episodio 4 di Salvatore racconta, quello dedicato a Trieste. Longtime listeners of Salvatore racconta may remember Udine because we mentioned its existence in episode 4 of Salvatore racconta, the one devoted to Trieste. Udine e Trieste si trovano a un'ottantina di chilometri di distanza l'una dall'altra, e fanno parte della stessa regione amministrativa, il Friuli – Venezia Giulia. Udine and Trieste are about eighty kilometers apart, and are part of the same administrative region, Friuli - Venezia Giulia.

Se state leggendo la trascrizione del podcast, che potete ricevere con la newsletter ogni domenica, vedrete che il Friuli – Venezia Giulia è una regione con il trattino. Wenn Sie das Transkript des Podcasts lesen, das Sie jeden Sonntag mit dem Newsletter erhalten, werden Sie sehen, dass Friaul-Julisch-Venetien eine Region mit Bindestrich ist. If you are reading the transcript of the podcast, which you can receive with the newsletter every Sunday, you will see that Friuli - Venezia Giulia is a hyphenated region. Un po' come l'Emilia Romagna. Somewhat like Emilia Romagna. Perché riunisce amministrativamente due regioni storiche separate e abbastanza diverse tra loro. Because it brings together administratively two separate and quite different historical regions.

Trieste si trova nella Venezia Giulia, la zona costiera che ha molti collegamenti -come è facile intuire- con Venezia e la sua storia. Trieste is located in Venezia Giulia, the coastal area that has many connections-as is easy to guess-with Venice and its history. Lo stesso dialetto triestino ha molto in comune con il veneziano, è quasi una sua variante. The Trieste dialect itself has much in common with Venetian; it is almost a variant of it.

Udine invece si trova in Friuli, la zona più interna della regione, ha una storia e una tradizione tutte sue. Udine, on the other hand, is located in Friuli, the innermost part of the region, and has a history and tradition all its own. E anche un dialetto tutto suo. It also has its own dialect. Anzi, una lingua. In fact, a language. Il friulano, o furlan come lo chiamano qui. Friulian, or furlan as they call it here.

Friuli e Venezia Giulia, come in Italia succede sempre tra vicini, non si amano troppo. Friuli and Venezia Giulia, as is always the case in Italy between neighbors, do not like each other too much. Per via di una storia molto diversa dove il potere dei grandi vicini ha avuto un ruolo molto importante. Because of a very different history where the power of large neighbors played a very important role. Forse troppo. Perhaps too much.

La presenza di Udine nella storia si fa interessante a partire dal medioevo. Udine's presence in history becomes interesting from the Middle Ages onward. La città esisteva in età romana, e anche prima, ma per tanto tempo è stata oscurata dall'importanza di due centri vicini, poi decaduti, Aquileia e Cividale del Friuli. The city existed in Roman times, and even earlier, but for a long time it was overshadowed by the importance of two neighboring, later decayed centers, Aquileia and Cividale del Friuli.

Aquileia e Cividale, che in epoca romana erano importanti fulcri di potere civile e religioso, erano cadute a causa della nascita di uno Stato potente un po' più a sud. Aquileia and Cividale, which were important hubs of civil and religious power in Roman times, had fallen due to the rise of a powerful state a little further south. La Repubblica di Venezia. The Republic of Venice.

Udine ne ha approfittato per un po', prima di cadere a sua volta sotto il controllo della Serenissima. Udine nutzte dies eine Zeit lang aus, bevor es wiederum unter die Kontrolle der Serenissima fiel. Udine took advantage of this for a while before falling in turn under the control of the Serenissima. Venezia decide di governare Udine attraverso una famiglia di nobili friulani locali, ma fedeli alla Repubblica. Venedig beschloss, die Herrschaft über Udine durch eine friaulische Adelsfamilie zu übernehmen, die jedoch der Republik gegenüber loyal war. Venice decided to rule Udine through a family of local Friulian nobles, but loyal to the Republic. È la casata dei Savorgnan. Es ist die Savorgnan-Linie. It is the Savorgnan lineage. Ancora oggi il simbolo della loro famiglia è quello della città di Udine. To this day the symbol of their family is that of the city of Udine.

Nel periodo del Rinascimento, la repubblica di Venezia è proprietaria di un piccolo impero nel mediterraneo. In der Renaissance besaß die Republik Venedig ein kleines Imperium im Mittelmeerraum. During the Renaissance period, the republic of Venice owned a small empire in the Mediterranean. Controlla città in Croazia, in Grecia, in tutto l'adriatico. Check out cities in Croatia, Greece, throughout the Adriatic. I possedimenti di terra non sono interessanti da un punto di vista economico, ma lo sono dal punto di vista strategico. Land holdings are not interesting from an economic point of view, but they are interesting from a strategic point of view. Servono a mettere un cuscinetto tra Venezia e un potente nemico al di là delle Alpi: l'Austria. Sie dienten dazu, einen Puffer zwischen Venedig und einem mächtigen Feind auf der anderen Seite der Alpen zu schaffen: Österreich. They serve to put a buffer between Venice and a powerful enemy across the Alps-Austria.

Proprio a causa dello scontro tra Austria e Venezia, nel 1511 Udine vive una delle pagine più nere della sua storia, quella del Crudele Giovedì Grasso. Gerade wegen des Konflikts zwischen Österreich und Venedig erlebte Udine 1511 eine der schwärzesten Seiten seiner Geschichte, nämlich den grausamen Fetten Donnerstag. Precisely because of the clash between Austria and Venice, in 1511 Udine experienced one of the blackest pages of its history, that of Cruel Maundy Thursday.

Da un paio d'anni, Udine era in preda all'anarchia, messa a ferro e fuoco da proteste di contadini e piccoli commercianti stanchi del governo veneziano che li faceva vivere nella fame. Seit einigen Jahren herrschte in Udine Anarchie, ausgelöst durch Proteste von Bauern und kleinen Händlern, die es satt hatten, dass die venezianische Regierung sie hungern ließ. For a couple of years, Udine had been in the grip of anarchy, put to the sword by protests from peasants and small traders fed up with the Venetian government that made them live in hunger. Stanchi soprattutto della famiglia Savorgnan, filoveneziani, ma in fondo anche degli altri nobili locali, come i Della Torre, una famiglia fedele all'Austria. Tired especially of the pro-Venetian Savorgnan family, but basically also of other local nobles, such as the Della Torre family, a family loyal to Austria.

Solo che Savorgnan aveva un piano diabolico per spegnere la protesta e farla finita anche con i Della Torre, suoi rivali dentro la città. Nur Savorgnan hatte einen teuflischen Plan, um den Protest auszulöschen und der Familie Della Torre, seinen Rivalen in der Stadt, das Handwerk zu legen. Only Savorgnan had a diabolical plan to extinguish the protest and end it even with the Della Torre family, his rivals inside the city. Il giorno di giovedì grasso del 1511, dalle mura di Udine si vede avvicinarsi un piccolo esercito. On Maundy Thursday, 1511, a small army is seen approaching from the walls of Udine. Sono tutti convinti che siano truppe austriache, pronte a conquistare la città approfittando del caos. They are all convinced that they are Austrian troops, ready to take over the city by taking advantage of the chaos. La popolazione, già arrabbiata e armata, reagisce entrando nel panico. The population, already angry and armed, reacts by panicking. Antonio Savorgnan ne approfitta per riprendere il controllo. Antonio Savorgnan took advantage of this to regain control. Convince la popolazione che gli austriaci sono pronti ad attaccare perché sono in combutta con la famiglia Della Torre e così aizza gli udinesi contro i suoi nemici. He convinces the population that the Austrians are ready to attack because they are in cahoots with the Della Torre family, and so he incites the people of Udine against his enemies. Per le strade della città inizia un massacro che dura per giorni. A massacre begins on the city streets that lasts for days.

Savorgnan dal suo palazzo se la ride. Savorgnan aus seinem Palast lacht. Savorgnan from his palace laughs it off. Ha ottenuto due piccioni con una fava. Er schlug zwei Fliegen mit einer Klappe. He killed two birds with one stone. I contadini hanno scaricato la loro rabbia e furia omicida e lui si è liberato dei suoi più grandi nemici in città. The peasants unloaded their murderous rage and fury, and he got rid of his greatest enemies in town. Sarà la sua famiglia a governare Udine ancora e ancora, per conto di Venezia dove resta fino alla Restaurazione. Es war seine Familie, die Udine immer wieder im Namen Venedigs regierte, wo er bis zur Restauration blieb. It will be his family that will rule Udine again and again, on behalf of Venice where he remains until the Restoration.

È noto infatti che dopo le guerre napoleoniche e il congresso di Vienna, il Veneto e il Friuli entrano a fare parte dell'Impero austriaco. Es ist bekannt, dass Venetien und Friaul nach den napoleonischen Kriegen und dem Wiener Kongress Teil des österreichischen Kaiserreichs wurden. In fact, it is well known that after the Napoleonic wars and the Congress of Vienna, Veneto and Friuli became part of the Austrian Empire. Udine così ci entra per la prima volta nel 1815 e ci resta per mezzo secolo, fino alle guerre d'indipendenza e all'unità d'Italia. Udine thus entered it for the first time in 1815 and remained there for half a century, until the wars of independence and the unification of Italy.

Nel nuovo regno italiano, Udine si trova a un passo dal confine. Im neuen italienischen Königreich ist Udine nur einen Schritt von der Grenze entfernt. In the new Italian kingdom, Udine is one step away from the border. Al di là, il nemico storico dell'Italia, l'impero austriaco. Beyond, Italy's historical enemy, the Austrian Empire. Quando scoppia la prima guerra mondiale e l'Italia entra nel conflitto proprio contro l'Austria, Udine è l'avamposto d'eccellenza. Als der Erste Weltkrieg ausbrach und Italien in den Konflikt gegen Österreich eintrat, war Udine der Vorposten der Exzellenz. When World War I broke out and Italy entered the conflict precisely against Austria, Udine was the outpost of excellence. Lì si trova il comando generale dell'esercito, almeno fino al 1917 e alla tragica battaglia di Caporetto. The general command of the army is located there, at least until 1917 and the tragic battle of Caporetto. Ma questa è un'altra storia. But that is another story.

Quella di Udine continua nel ventesimo secolo con le fatiche e i dolori delle due guerre mondiali e del tragico terremoto del Friuli del 1976 che ha fatto quasi mille vittime in tutta la regione. Udine's continues into the 20th century with the hardships and sorrows of two world wars and the tragic 1976 Friuli earthquake that claimed nearly 1,000 lives throughout the region.

Da quei giorni tragici a oggi, Udine è cambiata diventando una città al contempo tranquilla e vivace, un importante centro universitario e custode dell'eredità storica sua e di tutto il Friuli. From those tragic days to the present, Udine has changed, becoming a city at once peaceful and vibrant, an important university center and a guardian of its and all of Friuli's historical heritage. Desde esses dias trágicos até aos dias de hoje, Udine transformou-se numa cidade simultaneamente pacífica e animada, um importante centro universitário e guardiã do seu património histórico e de todo o Friuli.

Di quell'eredità storica in città si vedono ancora molto bene le tracce, a partire dal maestoso castello di Udine, risalente al sedicesimo secolo e che sorge su una collinetta nel cuore della città. Die Spuren dieses historischen Erbes sind in der Stadt noch deutlich zu sehen, angefangen bei der majestätischen Burg von Udine, die aus dem 16. Traces of that historical legacy can still be seen very clearly in the city, starting with the majestic Udine Castle, which dates back to the 16th century and stands on a small hill in the heart of the city. È un palazzo che vale la pena visitare anche perché ospita ben tre musei. Dieser Palast ist auch deshalb einen Besuch wert, weil er drei Museen beherbergt.

Sempre in centro potete passeggiare per le vie e le piazze che ricordano molto lo stile veneziano, ma su terraferma. Im Zentrum können Sie durch die Straßen und Plätze schlendern, die sehr an den venezianischen Stil erinnern, allerdings auf dem Festland. Also in the center you can stroll through the streets and squares that are very reminiscent of the Venetian style, but on dry land. Se vi incuriosiscono le personalità particolari, fermatevi a visitare la casa di Tina Modotti, geniale fotografa udinese e importante teorica e militante comunista. If you are curious about special personalities, stop by and visit the home of Tina Modotti, a brilliant Udine photographer and important communist theorist and militant.

Nel vecchio mercato del pesce, che oggi ospita un elegante palazzo in stile liberty, c'è una galleria proprio dedicata alle foto di Modotti. In the old fish market, which now houses an elegant Art Nouveau building, there is a gallery devoted precisely to Modotti's photos. Ne vale la pena, credetemi. It is worth it, believe me.

Se siete stanchi del giro, potete fermarvi infine nell'elegante piazza Matteotti, che i locali chiamano piazza delle erbe ricordando il suo antico ruolo di sede del mercato cittadino. If you are tired of the tour, you can finally stop at the elegant Matteotti Square, which locals call the Herb Square, recalling its former role as the site of the town market. Qui e nei dintorni si possono gustare le prelibatezze della cucina udinese e friulana. Hier und in der Umgebung können Sie die Köstlichkeiten der Udiner und friaulischen Küche genießen. Here and in the surrounding area you can enjoy the delicacies of Udine and Friuli cuisine.

Il re della cucina locale è il frico, un piatto che somiglia a una pizza o a una frittata, ed è preparato a base di formaggio fuso, patate e cipolle. The king of local cuisine is frico, a dish that resembles a pizza or an omelet, and is prepared from melted cheese, potatoes, and onions. Contenuto calorico altissimo, quindi andateci piano se volete continuare a visitare la città. Der Kaloriengehalt ist sehr hoch, daher sollten Sie es ruhig angehen lassen, wenn Sie die Stadt weiter besuchen wollen. Very high calorie content, so take it easy if you want to keep visiting the city. In alternativa potete provare i blecs, un tipo di pasta dal formato irregolare solitamente servita con un ragù di selvaggina, o magari semplicemente un piatto misto di formaggi e salumi. Alternatively, you can try blecs, a type of irregularly shaped pasta usually served with a game ragout, or perhaps simply a mixed cheese and charcuterie dish. In particolare, il prodotto culinario più famoso del Friuli, il prosciutto crudo San Daniele, famoso per la sua dolcezza. In particular, Friuli's most famous culinary product, San Daniele prosciutto crudo, famous for its sweetness.

A proposito di dolci veri invece, nulla di più tipico a Udine della gubana, un ciambellone morbido ripieno di uvetta. Wenn wir schon von echten Süßigkeiten sprechen: Nichts ist typischer für Udine als die Gubana, ein mit Sultaninen gefüllter, weicher Krapfen. Speaking of real desserts instead, nothing is more typical in Udine than the gubana, a soft doughnut filled with raisins.

Cosa bere? Il Friuli è una terra di vini, soprattutto vini forti. Friaul ist ein Land der Weine, vor allem der starken Weine. Friuli is a land of wines, especially strong wines. La cosa migliore è andare in osteria e farsi consigliare. The best thing is to go to the tavern and get advice. Oppure ordinare ‘un nero', come dicevamo all'inizio, e fidarsi dell'oste. Or order 'a black,' as we said at the beginning, and trust the innkeeper. Se invece siete più attenti, potete provare il Refosco, un vino rosso molto tipico della zona, o il Friulano, un vino bianco che una volta si chiamava Tocai come quello ungherese, fresco e profumato, ottimo da bere freddo in estate. On the other hand, if you are more observant, you can try Refosco, a very typical red wine of the area, or Friulano, a white wine that used to be called Tocai like the Hungarian one, fresh and fragrant, good to drink cold in summer.

Se al vino preferite la birra, in questa città è nata una delle birre in bottiglia più famose d'Italia: la birra Moretti, rappresentata dal suo eterno uomo baffuto sull'etichetta. If you prefer beer to wine, one of Italy's most famous bottled beers was born in this city: the Moretti beer, represented by its eternal mustachioed man on the label.

Oltre all'arte e al cibo, l'orgoglio della città passa dal calcio. Neben Kunst und Essen ist der Stolz der Stadt auch der Fußball. In addition to art and food, the city's pride comes through soccer. L'Udinese è una delle squadre più antiche del calcio italiano, da molti anni gioca stabilmente in serie A e ha anche fatto delle apparizioni più che dignitose nelle coppe europee. Udinese ist eine der ältesten Mannschaften des italienischen Fußballs, spielt seit vielen Jahren ununterbrochen in der Serie A und hat auch in den Europapokalen mehr als anständig abgeschnitten. Udinese is one of the oldest teams in Italian soccer, has been playing steadily in Serie A for many years and has also made more than decent appearances in European cups. I suoi colori sociali sono il bianco e nero e lo stadio delle sue partite di casa è lo stadio Friuli, oggi noto come Dacia Arena per ragioni di sponsor. Its corporate colors are black and white, and the stadium for its home games is the Friuli Stadium, now known as Dacia Arena for sponsorship reasons. Se passate da lì il giorno della partita potrete sentire il tipico inno dei tifosi, rigorosamente in friulano. If you pass by there on game day you can hear the typical fan anthem, strictly in Friulian. Alé Udin! Alé Udin!

Come forse avrete capito, Udine è una città un po' speciale, anche se forse non ne avete sentito molto parlare in passato. As you may have guessed, Udine is a somewhat special city, although you may not have heard much about it in the past. Come molti dei luoghi di cui parliamo qui a Salvatore racconta, è una città dove non si arriva per caso ma per scelta. Like many of the places we talk about here at Salvatore tells, it is a city where one does not arrive by chance but by choice. Dovete arrivarci consapevoli, in cerca della storia speciale di questi luoghi e della sua identità così peculiare. You have to come there aware, in search of the special history of these places and its so peculiar identity. A pochi chilometri dalla città poi ci sono splendidi altipiani, una natura fatta di panorami difficili ma bellissimi, e una cultura che sfuma e si mischia tra Italia, Slovenia e identità regionale friulana. A few kilometers from the city then there are beautiful highlands, nature made up of difficult but beautiful vistas, and a culture that fades and blends between Italy, Slovenia, and regional Friulian identity.

Non resterete delusi da questa terra e dalla sua gente. Sie werden von diesem Land und seinen Menschen nicht enttäuscht sein. You will not be disappointed with this land and its people. Capita che i friulani, a una prima impressione, si mostrino diffidenti e distaccati. It happens that Friulians, on first impression, are wary and aloof. È la diffidenza naturale di generazioni cresciute su una terra difficile e non molto ricca, sulla quale si deve lavorare molto per ottenere qualcosa. It is the natural distrust of generations raised on a difficult and not very rich land, on which one has to work hard to get anything done. Ma basta conoscerli meglio e dimostrargli affetto e rispetto per trovare gli amici più leali e cari che potete immaginare. But just get to know them better and show them affection and respect to find the most loyal and dear friends you can imagine.

Persone di cui fidarsi, con cui chiacchierare, per scoprire il passato e il presente di questa città così discreta. People to trust, to chat with, to discover the past and present of this discreet city. Magari mischiando due o tre parole di __furlan__. Maybe mix in two or three words of furlan. Magari bevendo qualche bicchiere di vino. Maybe have a few glasses of wine. Nero, mi raccomando. Schwarz, wohlgemerkt. Black, mind you.