×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

Podcast Italiano - Intermedio (Intermediate), #12 - Che cosa vuol dire “ospite” in italiano?

#12 - Che cosa vuol dire “ospite” in italiano?

Benvenuti su Podcast Italiano. L'episodio di oggi sarà dedicato all'etimologia, un argomento che mi interessa molto. Infatti voglio parlarvi di una parola italiana interessante, la parola “ospite”.

“Ospite” in italiano ha due significati.

1. La persona che ospita (in inglese “host”)

2. La persona che viene ospitata. (in inglese “guest”)

Vi dico subito che il secondo significato (quindi quello di persona ospitata) è molto più comune in italiano moderno.

Però esiste un grado di ambiguità. È possibile infatti trovare dei casi in cui l'ospite è la persona che ospita qualcuno (dunque “host”) in espressioni come “famiglia ospite”, “paese ospite”, “ospiti premurosi”. Facendo una ricerca su Google si nota come “famiglia ospitante” e “paese ospitante” siano decisamente più comuni di “famiglia ospite” e “paese ospite”, dunque questo è indicativo della tendenza della parola ospite a significare più che altro “colui che viene ospitato” (guest) e non “colui che ospita” (host). Però queste espressioni, in cui “ospite” significa “host”, sono comuni nella letteratura. Anche in biologia si parla di “organismo ospite” e “cellula ospite”, ovvero l'organismo al cui interno si sviluppa un altro organismo. Perché esiste dunque questa ambiguità?

È interessante andare a cercare l'etimologia della parola ospite. In latino esisteva la parola “hostis”, che inizialmente significava “straniero con diritti uguali a quelli dei cittadini romani“. C'era un rapporto reciproco tra il cittadino romano e il cosiddetto “hostis”, un rapporto di ospitalità. Io ospito il mio “hostis” e un giorno questo “hostis” ospiterà me. La parola “hostis” deriva infatti dalla radice indoeuropea “Ghos-ti” (scusate per la mia pronuncia probabilmente sbagliata del proto-indoeuropeo), da cui deriva anche la parola inglese “guest“. E già nel proto-indoeuropeo, all'interno di “Ghos-ti” c'era questo rapporto reciproco.

Perfino la radice greca “xeno-” (che significa “straniero”) in parole come “xenofobia” è imparentata con “ghos-ti”.

In latino “hostis” però con il tempo venne a significare “nemico”. Uno straniero infatti poteva essere un nemico, pensate alle parole ostile, ostico, osteggiare. O anche a un altro signficato delll'inglese “host”, il significato di “esercito” (anche in italiano tra l'altro c'è la parola arcaica “oste” che ha questo significato e deriva appunto da nemico, “hostis”). Si creò dunque un vuoto semantico (semantic void – non c'era più una parola che indicasse quella cosa).

Il posto di “hostis” fu quindi occupato da una nuova parola “hostipotis“, composta da “hostis” (che in origine significava “straniero”, come abbiamo detto) e “potis” (signore, padrone – si pensi a “potere”, “potenza”, “despota”). Dunque “hostipostis” era il “signore dello straniero”, “padrone dello straniero”. Per chi conosce il russo – so che ho molti ascoltatori russi gost', ospite, persona ospitata) ha la stessa radice di hostis (ghos-ti) e Gospod' (“Signore” in senso religioso, “Gesù Cristo”) e “gospodin” (“signore” come persona di sesso maschile) sono molto simili al latino “hostipotis”. “Hostipotis”, successivamente si riduce e diventa “hospes” e va a ricoprire il ruolo che aveva una volta “hostis”, prima che “hostis” assumesse il significato di “nemico”.”Hospes” era colui che dava ospitalità a uno straniero, a un forestiero. Ma tra colui che ospitava e colui che era ospitato si instaurava un rapporto stretto: chi ospitava spesso ricambiava in futuro l'ospitalità. Gli obblighi di ospitalità erano reciproci: e come abbiamo detto prima questa idea di reciprocità già esisteva nell'antica radice proto-indoeuropea “ghos-ti”. Di conseguenza anche in latino esisteva questa ambiguità e “hospes” indicava non solo il “padrone/signore dello straniero”, ma anche lo straniero stesso, perché lo straniero un giorno sarebbe diventato il padrone, colui che avrebbe a sua volta ospitato.

Dunque “ospite” deriva da “hospes”. Infatti nel passaggio dal latino alle lingue romanze i sostantivi entravano al caso accusativo, dunque per quanto riguarda “hospes”, prendiamo il caso accusativo “hospitem”. Si toglie la “m” finale e abbiamo “hospite”. L'h si perde, oppure rimane scritta ma di fatto non si pronuncia e abbiamo quindi l'italiano “ospite”, lo spagnolo “huesped” e il portoghese “hospede“. In francese invece si ha avuto una riduzione ulteriore e “hospite” è diventato prima hoste, oggi hôte. Vi ricorda qualcosa? Forse avete pensato a “host“, in inglese. Infatti “host” deriva proprio dal francese antico “hoste”, che derivava da “hospitem”, accusativo di “hospes”, che a sua volta aveva la radice “ghosti”. Dunque sia “guest” che “host” condividono la stessa lontana radice indoeuropea “Ghos-ti”, in cui era intrinseca questa idea di reciprocità ancora presente oggi in italiano e ancora di più in francese, dove questa ambiguità è molto forte. In spagnolo (huesped) e in portoghese (hospede) credo che questa ambiguità sia meno presente e che entrambe queste parole significhino principalmente colui che viene ospitato, come in italiano (ovvero “guest”).

Ma se ci sono ascoltatori di queste lingue potete lasciare un commento e dirmi come si usa questa parola.

Come già detto, anche in italiano moderno “ospite” è principalmente la persona ospitata. Per parlare del “host”, di colui che ospita, preferiamo dire “il padrone di casa“, “l'amico/la persona che mi ospita“. Nello sport si parla di “squadra ospitante” e “squadra ospite”. Sappiate però che, soprattutto nella letteratura, questa accezione compare.

Come avrete notato, l'etimologia è un argomento che mi affascina e di cui magari parlerò ancora in futuro. Se volete rileggere la trascrizione di quanto ho detto in questo episodio la troverete sul sito podcastitaliano.com. Detto questo grazie per l'ascolto e alla prossima!

Ciao!


#12 - Che cosa vuol dire “ospite” in italiano? # 12 - Que signifie « invité » en italien ?

Benvenuti su Podcast Italiano. L'episodio di oggi sarà dedicato all'etimologia, un argomento che mi interessa molto. Infatti voglio parlarvi di una parola italiana interessante, la parola “ospite”.

“Ospite” in italiano ha due significati.

1. La persona che ospita (in inglese “host”) The host (in English "host")

2. La persona che viene ospitata. The person who is being hosted. (in inglese “guest”)

Vi dico subito che il secondo significato (quindi quello di persona ospitata) è molto più comune in italiano moderno.

Però esiste un grado di ambiguità. È possibile infatti trovare dei casi in cui l'ospite è la persona che ospita qualcuno (dunque “host”) in espressioni come “famiglia ospite”, “paese ospite”, “ospiti premurosi”. In fact, it is possible to find cases in which the guest is the person who hosts someone (therefore "host") in expressions such as "host family", "host country", "caring guests". Facendo una ricerca su Google si nota come “famiglia ospitante” e “paese ospitante” siano decisamente più comuni di “famiglia ospite” e “paese ospite”, dunque questo è indicativo della tendenza della parola ospite a significare più che altro “colui che viene ospitato” (guest) e non “colui che ospita” (host). Doing a Google search you can see how "host family" and "host country" are much more common than "host family" and "host country", so this is indicative of the tendency of the word host to mean more than anything else "the one who comes hosted "(guest) and not" host "(host). Però queste espressioni, in cui “ospite” significa “host”, sono comuni nella letteratura. Anche in biologia si parla di “organismo ospite” e “cellula ospite”, ovvero l'organismo al cui interno si sviluppa un altro organismo. Also in biology we speak of "host organism" and "host cell", or the organism within which another organism develops. Perché esiste dunque questa ambiguità?

È interessante andare a cercare l'etimologia della parola ospite. In latino esisteva la parola “hostis”, che inizialmente significava “straniero con diritti uguali a quelli dei cittadini romani“. In Latin there was the word "hostis", which initially meant "foreigner with rights equal to those of Roman citizens". C'era un rapporto reciproco tra il cittadino romano e il cosiddetto “hostis”, un rapporto di ospitalità. There was a reciprocal relationship between the Roman citizen and the so-called "hostis", a relationship of hospitality. Io ospito il mio “hostis” e un giorno questo “hostis” ospiterà me. I host my "hostis" and one day this "hostis" will host me. La parola “hostis” deriva infatti dalla radice indoeuropea “Ghos-ti” (scusate per la mia pronuncia probabilmente sbagliata del proto-indoeuropeo), da cui deriva anche la parola inglese “guest“. E già nel proto-indoeuropeo, all'interno di “Ghos-ti” c'era questo rapporto reciproco. And already in the Proto-Indo-European, within “Ghos-ti” there was this reciprocal relationship.

Perfino la radice greca “xeno-” (che significa “straniero”) in parole come “xenofobia” è imparentata con “ghos-ti”.

In latino “hostis” però con il tempo venne a significare “nemico”. In Latin "hostis", however, over time came to mean "enemy". Uno straniero infatti poteva essere un nemico, pensate alle parole ostile, ostico, osteggiare. O anche a un altro signficato delll'inglese “host”, il significato di “esercito” (anche in italiano tra l'altro c'è la parola arcaica “oste” che ha questo significato e deriva appunto da nemico, “hostis”). Or even to another meaning of the English "host", the meaning of "army" (also in Italian, among other things, there is the archaic word "host" which has this meaning and derives from enemy, "hostis") . Si creò dunque un vuoto semantico (semantic void – __non c'era più una parola che indicasse quella cosa).__ Thus a semantic void was created (semantic void - there was no longer a word that indicated that thing).

Il posto di “hostis” fu quindi occupato da una nuova parola “hostipotis“, composta da “hostis” (che in origine significava “straniero”, come abbiamo detto) e “potis” (signore, padrone – si pensi a “potere”, “potenza”, “despota”). The place of "hostis" was therefore occupied by a new word "hostipotis", composed of "hostis" (which originally meant "foreigner", as we have said) and "potis" (lord, master - think of "power" , “Power”, “despot”). Dunque “hostipostis” era il “signore dello straniero”, “padrone dello straniero”. Per chi conosce il russo – so che ho molti ascoltatori russi gost', ospite, persona ospitata) ha la stessa radice di hostis (ghos-ti) e Gospod' (“Signore” in senso religioso, “Gesù Cristo”) e “gospodin” (“signore” come persona di sesso maschile) sono molto simili al latino “hostipotis”. “Hostipotis”, successivamente si riduce e diventa “hospes” e va a ricoprire il ruolo che aveva una volta “hostis”, prima che “hostis” assumesse il significato di “nemico”.”Hospes” era colui che dava ospitalità a uno straniero, a un forestiero. Ma tra colui che ospitava e colui che era ospitato si instaurava un rapporto stretto: chi ospitava spesso ricambiava in futuro l'ospitalità. But between the one who hosted and the one who was hosted a close relationship was established: the one who hosted often reciprocated hospitality in the future. Gli obblighi di ospitalità erano reciproci: e come abbiamo detto prima questa idea di reciprocità già esisteva nell'antica radice proto-indoeuropea “ghos-ti”. Di conseguenza anche in latino esisteva questa ambiguità e “hospes” indicava non solo il “padrone/signore dello straniero”, ma anche lo straniero stesso, perché lo straniero un giorno sarebbe diventato il padrone, colui che avrebbe a sua volta ospitato.

Dunque “ospite” deriva da “hospes”. Infatti nel passaggio dal latino alle lingue romanze i sostantivi entravano al caso accusativo, dunque per quanto riguarda “hospes”, prendiamo il caso accusativo “hospitem”. In fact, in the passage from Latin to the Romance languages, nouns entered the accusative case, so as regards “hospes”, let's take the accusative case “hospitem”. Si toglie la “m” finale e abbiamo “hospite”. L'h si perde, oppure rimane scritta ma di fatto non si pronuncia e abbiamo quindi l'italiano “ospite”, lo spagnolo “huesped” e il portoghese “hospede“. In francese invece si ha avuto una riduzione ulteriore e “hospite” è diventato prima hoste, oggi hôte. Vi ricorda qualcosa? Does it remind you of anything? Forse avete pensato a “host“, in inglese. Infatti “host” deriva proprio dal francese antico “hoste”, che derivava da “hospitem”, accusativo di “hospes”, che a sua volta aveva la radice “ghosti”. Dunque sia “guest” che “host” condividono la stessa lontana radice indoeuropea “Ghos-ti”, in cui era intrinseca questa idea di reciprocità ancora presente oggi in italiano e ancora di più in francese, dove questa ambiguità è molto forte. In spagnolo (huesped) e in portoghese (hospede) credo che questa ambiguità sia meno presente e che entrambe queste parole significhino principalmente colui che viene ospitato, come in italiano (ovvero “guest”).

Ma se ci sono ascoltatori di queste lingue potete lasciare un commento e dirmi come si usa questa parola.

Come già detto, anche in italiano moderno “ospite” è principalmente la persona ospitata. Per parlare del “host”, di colui che ospita, preferiamo dire “il padrone di casa“, “l'amico/la persona che mi ospita“. Nello sport si parla di “squadra ospitante” e “squadra ospite”. In sport we talk about the "host team" and "away team". Sappiate però che, soprattutto nella letteratura, questa accezione compare. But know that, especially in literature, this meaning appears.

Come avrete notato, l'etimologia è un argomento che mi affascina e di cui magari parlerò ancora in futuro. Se volete rileggere la trascrizione di quanto ho detto in questo episodio la troverete sul sito podcastitaliano.com. Detto questo grazie per l'ascolto e alla prossima!

Ciao!