×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

Cecilia Sardeo: Cambia le Regole, Cambia la Tua Vita., Come Diventare Più Sicuri In Se Stessi

Come Diventare Più Sicuri In Se Stessi

Serata importante. La stanza è piena di persone, io avanzo nel mio vestito semi elegante che spero sia all'altezza dell'occasione.

Mentre mi avvicino al bancone del bar con malcelata sicurezza, solita, sento una voce di donna dietro di me che dice qualcosa come: "Oh yes, I know, I am brilliant!" Che si traduce con qualcosa come: "Oh sì, lo so, sono brillante!" Per un momento il tempo si ferma, giusto il momento per chiedermi: "Perchè io non dico mai a me stessa, o agli altri del resto, che sono brillante? Perchè sono sempre così insicura? Dopotutto, qualche successo l'ho intascato, almeno secondo gli standard previsti da copione, eppure non è mai abbastanza..." Mi dico, mentre intravedo il mio riflesso allo specchio, pronta per notare tutto quello che non va... "Ah se solo fossi più sicura di me stessa! Se finalmente mi sentissi speciale, brillante, come quella donna laggiù, chissà come cambierebbe la mia vita?" Da quella sera ho cominciato a leggere tutto quello che mi capitava sotto mano per riuscire a sentirmi così.

Fino a quando non mi sono imbattuta in un libro, che di fatto ha completamente messo in discussione il concetto di sicurezza in noi stessi. Mi ha aperto gli occhi sul fatto che quest'idea che dobbiamo sentirci più sicuri è ampiamente sopravvalutata.

Aspetta però, prima di procedere, ricorda di mettere un Like qui sotto ed iscriverti al mio canale di Youtube, così da non perderti più neanche un Ceci Weekly. Sigla! Second Ryan Holiday, autore di "Ego is the Enemy", l'ego è il nemico, questa idea che dobbiamo sentirci più sicuri è ampiamente sopravvalutata. Appena ti convinci di essere speciale, infatti, smetti di metterti in discussione, e di conseguenza smetti di imparare. Ovvio no? Perchè per imparare qualcosa di nuovo devi per forza mettere in discussione quello che già sai.

Come diceva il filosofo greco Epitteto: "Non puoi imparare se pensi di sapere già." Nel momento stesso in cui smettiamo di mettere in discussione ciò che sappiamo... perchè ci convinciamo di essere già sufficientemente brillanti o addirittura geniali, smettiamo di crescere.

E quando smettiamo di crescere, c'è una sola certezza: finiamo per ristagnare nella nostra stessa arroganza. E allora, mi chiedo, cosa accadrebbe se invece di cercare di essere più sicuri di noi stessi, provassimo semplicemente a diventare un pochino più coraggiosi? Il coraggio, in fin dei conti, non è qualcosa che possiamo fingere di avere grazie a qualche affermazione positiva, o ad un vestito elegante, piuttosto è qualcosa che possiamo acquisire SOLO attraverso un'azione concreta e costante.

Dunque mettendoci in gioco. Il che è qualcosa che possiamo fare davvero tutti: il vero coraggio, infatti, non è certo buttarsi da una macchina in corsa giù da un burrone, ma la capacità di procedere a piccoli passi, nonostante la paura. Coraggio è riconoscere che quello che non sappiamo è molto più grande di quello che sappiamo già.

Che ogni persona può insegnarci qualcosa nel percorso, che nessuno dei nostri piani è mai perfetto e che se il risultato non dipende da noi, da noi dipende però la determinazione a procedere nonostante le difficoltà… Coraggio è renderci conto che più ci apriamo ad imparare qualcosa di nuovo, più ci sentiremo incompetenti, sicuro, ma prima potremo riuscire a scoprire la direzione che vogliamo seguire nella vita. Coraggio è riconoscere che a volte abbiamo sbagliato tutto, ma proprio per questo ora sappiamo come fare le cose diversamente e come migliorarci.

Proviamo, allora, a sostituire al desiderio di voler essere speciali, la consapevolezza che ciascuno di noi è semplicemente unico, e che possiamo utilizzare la nostra unicità per costruire il futuro che desideriamo. Perchè nulla ci è dovuto, ma molto, molto può essere conquistato se siamo pronti, con coraggio, a rimboccarci le maniche. 3... 2... 1... la parte più bella comincia ora. Condividi qui sotto, nello spazio dei commenti: 'Oggi scelgo il coraggio'. Poi, mettiamoci al lavoro, perché la vita non aspetta. Noi ci vediamo alla prossima. Smack! Ti è piaciuto questo video? Allora non dimenticare di iscriverti al canale e di condividerlo con tutti i tuoi amici.

E se sei alla ricerca di ulteriori risorse per migliorare la tua vita, non aspettare un secondo di più e vieni a trovarmi su Ceciliasardeo.it, per accedere ad ulteriori strumenti pratici che condivido solo via mail. Fino al prossimo episodio, un grandissimo abbraccio di luce. A continuación


Come Diventare Più Sicuri In Se Stessi

Serata importante. Wichtiger Abend. Important evening. Viktig kveld. La stanza è piena di persone, io avanzo nel mio vestito semi elegante che spero sia all'altezza dell'occasione. The room is full of people, I step in my semi-elegant dress which I hope is up to the occasion. Rommet er fullt av mennesker, jeg tråkker i min semi-elegante kjole som jeg håper er opp til anledningen.

Mentre mi avvicino al bancone del bar con malcelata sicurezza, solita, sento una voce di donna dietro di me che dice qualcosa come: "Oh yes, I know, I am brilliant!" As I approach the bar with undisguised, usual confidence, I hear a woman's voice behind me saying something like: "Oh yes, I know, I am brilliant!" Når jeg nærmer meg baren med skjult, vanlig selvtillit, hører jeg en kvinnestemme bak meg si noe som: "Å ja, jeg vet, jeg er strålende!" Che si traduce con qualcosa come: "Oh sì, lo so, sono brillante!" Which translates to something like, "Oh yeah, I know, I'm brilliant!" Som oversettes til noe sånt som, "Å ja, jeg vet, jeg er strålende!" Per un momento il tempo si ferma, giusto il momento per chiedermi: "Perchè io non dico mai a me stessa, o agli altri del resto, che sono brillante? For a moment, time stops, just the moment to ask myself: "Why do I never tell myself, or to others, that I am brilliant? Et øyeblikk stopper tiden, bare øyeblikket for å spørre meg selv: "Hvorfor sier jeg aldri til meg selv, eller til andre, at jeg er strålende? Perchè sono sempre così insicura? Hvorfor er jeg alltid så usikker? Dopotutto, qualche successo l'ho intascato, almeno secondo gli standard previsti da copione, eppure non è mai abbastanza..." Mi dico, mentre intravedo il mio riflesso allo specchio, pronta per notare tutto quello che non va... "Ah se solo fossi più sicura di me stessa! After all, I have pocketed some successes, at least according to the standards foreseen by the script, and yet it is never enough ... "I tell myself, as I glimpse my reflection in the mirror, ready to notice everything that is wrong ..." Ah if only I was more sure of myself! Tross alt har jeg fått suksess i lommen, i det minste i henhold til standardene som manus har forutsatt, og likevel er det aldri nok ... "sier jeg til meg selv mens jeg får et glimt av refleksjonen min i speilet, klar til å legge merke til alt som er galt ... "Ah hvis jeg bare var mer sikker på meg selv! Se finalmente mi sentissi speciale, brillante, come quella donna laggiù, chissà come cambierebbe la mia vita?" If I finally felt special, brilliant, like that woman over there, who knows how my life would change? " Hvis jeg endelig følte meg spesiell, strålende, som den kvinnen der borte, hvem vet hvordan livet mitt ville endre seg? " Da quella sera ho cominciato a leggere tutto quello che mi capitava sotto mano per riuscire a sentirmi così. Von diesem Abend an begann ich alles zu lesen, was zur Hand war, um so fühlen zu können. From that evening on I began to read everything that came to hand to be able to feel this way. Fra den kvelden begynte jeg å lese alt som kom for hånden for å kunne føle det slik.

Fino a quando non mi sono imbattuta in un libro, che di fatto ha completamente messo in discussione il concetto di sicurezza in noi stessi. Until I came across a book, which in fact completely questioned the concept of self-confidence. Jusqu'à ce que je tombe sur un livre qui, en fait, remettait complètement en question le concept de confiance en soi. Inntil jeg kom over en bok, som faktisk satte spørsmålstegn ved begrepet selvtillit. Mi ha aperto gli occhi sul fatto che quest'idea che dobbiamo sentirci più sicuri è ampiamente sopravvalutata. It opened my eyes to the fact that this idea that we need to feel safer is vastly overrated. Det åpnet øynene mine for at denne ideen om at vi trenger å føle oss tryggere er overvurdert.

Aspetta però, prima di procedere, ricorda di mettere un Like qui sotto ed iscriverti al mio canale di Youtube, così da non perderti più neanche un Ceci Weekly. But wait, before proceeding, remember to put a Like below and subscribe to my Youtube channel, so as not to miss a single Ceci Weekly anymore. Sigla! Theme song! Second Ryan Holiday, autore di "Ego is the Enemy", l'ego è il nemico, questa idea che dobbiamo sentirci più sicuri è ampiamente sopravvalutata. Appena ti convinci di essere speciale, infatti, smetti di metterti in discussione, e di conseguenza smetti di imparare. Sobald Sie sich davon überzeugen, dass Sie etwas Besonderes sind, hören Sie tatsächlich auf, sich selbst in Frage zu stellen, und folglich hören Sie auf zu lernen. As soon as you convince yourself that you are special, in fact, you stop questioning yourself, and consequently you stop learning. Så snart du overbeviser deg selv om at du er spesiell, slutter du faktisk å spørre deg selv, og følgelig slutter du å lære. Ovvio no? Åpenbart er det ikke? Perchè per imparare qualcosa di nuovo devi per forza mettere in discussione quello che già sai. Denn um etwas Neues zu lernen, muss man sich fragen, was man bereits weiß. Because to learn something new you have to question what you already know. For å lære noe nytt må du stille spørsmål ved det du allerede vet.

Come diceva il filosofo greco Epitteto: "Non puoi imparare se pensi di sapere già." As the Greek philosopher Epictetus said: "You can't learn if you think you already know." Som den greske filosofen Epictetus sa: "Du kan ikke lære om du tror du allerede vet." Nel momento stesso in cui smettiamo di mettere in discussione ciò che sappiamo... perchè ci convinciamo di essere già sufficientemente brillanti o addirittura geniali, smettiamo di crescere. The moment we stop questioning what we know ... because we convince ourselves that we are already brilliant enough or even brilliant enough, we stop growing. I det øyeblikket vi slutter å stille spørsmål ved hva vi vet ... fordi vi overbeviser oss selv om at vi allerede er lyse nok eller til og med strålende nok, slutter vi å vokse.

E quando smettiamo di crescere, c'è una sola certezza: finiamo per ristagnare nella nostra stessa arroganza. And when we stop growing, there is only one certainty: we end up stagnating in our own arrogance. Og når vi slutter å vokse, er det bare en visshet: Vi ender med å stagnere i vår egen arroganse. E allora, mi chiedo, cosa accadrebbe se invece di cercare di essere più sicuri di noi stessi, provassimo semplicemente a diventare un pochino più coraggiosi? So, I wonder, what if instead of trying to be more self-confident, we just try to get a little bit braver? Så lurer jeg på, hva om vi i stedet for å prøve å være mer selvsikre, bare prøver å bli litt modigere? Il coraggio, in fin dei conti, non è qualcosa che possiamo fingere di avere grazie a qualche affermazione positiva, o ad un vestito elegante, piuttosto è qualcosa che possiamo acquisire SOLO attraverso un'azione concreta e costante. Courage, after all, is not something that we can pretend to have thanks to some positive affirmation, or to an elegant dress, rather it is something that we can acquire ONLY through concrete and constant action. Mot er tross alt ikke noe vi kan late som om vi har takket være positiv bekreftelse, eller en elegant kjole, snarere er det noe vi bare kan tilegne oss gjennom konkret og konstant handling.

Dunque mettendoci in gioco. Also setzen wir uns auf die Linie. So putting ourselves on the line. Så å sette oss på banen. Il che è qualcosa che possiamo fare davvero tutti: il vero coraggio, infatti, non è certo buttarsi da una macchina in corsa giù da un burrone, ma la capacità di procedere a piccoli passi, nonostante la paura. Det er noe vi alle virkelig kan gjøre: ekte mot er faktisk ikke å hoppe ut av en racerbil ned en kløft, men muligheten til å gå i små trinn, til tross for frykt. Coraggio è riconoscere che quello che non sappiamo è molto più grande di quello che sappiamo già. Mot er å erkjenne at det vi ikke vet er mye større enn det vi allerede vet.

Che ogni persona può insegnarci qualcosa nel percorso, che nessuno dei nostri piani è mai perfetto e che se il risultato non dipende da noi, da noi dipende però la determinazione a procedere nonostante le difficoltà… Coraggio è renderci conto che più ci apriamo ad imparare qualcosa di nuovo, più ci sentiremo incompetenti, sicuro, ma prima potremo riuscire a scoprire la direzione che vogliamo seguire nella vita. At hver person kan lære oss noe underveis, at ingen av planene våre noen gang er perfekte, og at hvis resultatet ikke er avhengig av oss, avhenger besluttsomheten om å fortsette til tross for vanskelighetene ... Mot er å innse at jo mer vi åpner oss for å lære noe igjen, jo mer vil vi føle oss inhabil, sikkert, men jo raskere kan vi oppdage retningen vi vil gå i livet. Coraggio è riconoscere che a volte abbiamo sbagliato tutto, ma proprio per questo ora sappiamo come fare le cose diversamente e come migliorarci. Mot er å erkjenne at vi noen ganger har gjort alt galt, men nettopp av den grunn vet vi nå hvordan vi skal gjøre ting annerledes og hvordan vi kan forbedre oss selv.

Proviamo, allora, a sostituire al desiderio di voler essere speciali, la consapevolezza che ciascuno di noi è semplicemente unico, e che possiamo utilizzare la nostra unicità per costruire il futuro che desideriamo. La oss da prøve å erstatte ønsket om å være spesiell med bevisstheten om at hver enkelt av oss bare er unik, og at vi kan bruke vår egenart til å bygge fremtiden vi ønsker. Perchè nulla ci è dovuto, ma molto, molto può essere conquistato se siamo pronti, con coraggio, a rimboccarci le maniche. Fordi ingenting skyldes oss, men mye, mye kan oppnås hvis vi er klare, med mot, til å brette opp ermene. 3... 2... 1... la parte più bella comincia ora. 3 ... 2 ... 1 ... den beste delen begynner nå. Condividi qui sotto, nello spazio dei commenti: 'Oggi scelgo il coraggio'. Del nedenfor i kommentarområdet: 'I dag velger jeg mot'. Poi, mettiamoci al lavoro, perché la vita non aspetta. Dann machen wir uns an die Arbeit, denn das Leben wartet nicht. Så, la oss komme på jobb, for livet venter ikke. Noi ci vediamo alla prossima. Bis zum nächsten Mal. Ser deg neste gang. Smack! Ti è piaciuto questo video? likte du denne videoen? Allora non dimenticare di iscriverti al canale e di condividerlo con tutti i tuoi amici. Så ikke glem å abonnere på kanalen og dele den med alle vennene dine.

E se sei alla ricerca di ulteriori risorse per migliorare la tua vita, non aspettare un secondo di più e vieni a trovarmi su Ceciliasardeo.it, per accedere ad ulteriori strumenti pratici che condivido solo via mail. Og hvis du leter etter flere ressurser for å forbedre livet ditt, ikke vent et sekund lenger og kom og besøk meg på Ceciliasardeo.it, for å få tilgang til mer praktiske verktøy som jeg bare deler via e-post. Fino al prossimo episodio, un grandissimo abbraccio di luce. Fram til neste episode, en enorm lysfavn. A continuación En fortsettelse