×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

Piccola Storia dell'Italiano - RAI Cultura, Dante padre della lingua italiana

Dante padre della lingua italiana

Dante, ha detto Teresa, è stato il primo a credere nell'italiano. Beh è proprio così.

Dante è stato il più grande poeta che l'Italia abbia mai avuto, e tutti lo chiamano, giustamente, come ha ricordato anche Fela, il “padre della lingua italiana”.

Perché? Perché Dante per l'italiano ha fatto più di tutti gli altri scrittori messi insieme. Nel XIV secolo, cioè il secolo in cui lui è vissuto, tutti consideravano il latino una lingua perfetta e le nuove lingue nate dal latino delle lingue ancora senza valore.

Dante, invece, ha scritto che l'italiano valeva quanto il latino, e poteva servire anche per scrivere opere di alta letteratura: proprio quello che ha fatto lui, che nella nuova lingua ha scritto l'opera più bella e più famosa di tutta quanta la letteratura italiana: cioè la Divina Commedia. Dante l'ha scritta nella sua lingua materna, cioè il fiorentino del 1300.

Questa sua lingua Dante l'ha fatta funzionare come un elastico, tirandola verso l'alto e verso il basso, usando a volte espressioni elegantissime e a volte espressioni anche basse : pensate che in certi punti della Divina Commedia Dante adopera perfino parolacce! La Divina Commedia ha avuto così tanto successo che il fiorentino di Dante, con qualche trasformazione, è diventato la base in fondo dell'italiano attuale.

Pensate che il 90 % delle parole che usiamo oggi, nell'italiano di tutti i giorni, sono già presenti nella Divina Commedia! Certo, alcune di queste parole col tempo hanno cambiato significato. Per esempio, la parola gentile per Dante significava ‘nobile di sentimenti', oggi invece gentile indica una persona cortese e ben educata. Ma il grosso delle parole e dei loro significati è rimasto sostanzialmente lo stesso!

Arrivederci!


Dante padre della lingua italiana Dante Vater der italienischen Sprache Dante father of the Italian language İtalyan dilinin babası Dante 但丁 意大利语之父

Dante, ha detto Teresa, è stato il primo a credere nell'italiano. Dante, sagte Teresa, war die erste, die an Italienisch glaubte. Dante, Teresa said, was the first to believe in Italian. Dante, dedi Teresa, İtalyancaya ilk inanan kişiydi. Beh è proprio così. Nun, das stimmt. Well that's right. Bu doğru.

Dante è stato il più grande poeta che l'Italia abbia mai avuto, e tutti lo chiamano, giustamente, come ha ricordato anche Fela, il “padre della lingua italiana”. Dante war der größte Dichter, den Italien jemals hatte, und jeder nennt ihn zu Recht, wie Fela auch erwähnte, den "Vater der italienischen Sprache". Dante was the greatest poet that Italy has ever had, and everyone calls him, rightly, as also mentioned by Fela, the "father of the Italian language". Dante foi o maior poeta que a Itália já teve, e todos o chamam corretamente, como mencionou Fela, o "pai da língua italiana". Dante, İtalya'nın gelmiş geçmiş en büyük şairiydi ve herkes onu haklı olarak Fela'nın da hatırladığı gibi "İtalyan dilinin babası" olarak adlandırıyor.

Perché? Why? Çünkü? Perché Dante per l'italiano ha fatto più di tutti gli altri scrittori messi insieme. Weil Dante mehr für den Italiener getan hat als alle anderen Schriftsteller zusammen. Because Dante for the Italian has done more than all the other writers put together. Çünkü Dante İtalyanca için diğer yazarların toplamından daha fazlasını yaptı. Nel XIV secolo, cioè il secolo in cui lui è vissuto, tutti consideravano il latino una lingua perfetta e le nuove lingue nate dal latino delle lingue ancora senza valore. Im vierzehnten Jahrhundert, das ist das Jahrhundert, in dem er lebte, hielt jeder das Latein für eine perfekte Sprache und die neuen Sprachen, die aus dem Latein der Sprachen geboren wurden, noch wertlos. In the fourteenth century, that is, the century in which he lived, everyone considered Latin to be a perfect language and the new languages ​​born from the Latin of languages ​​without value. On dördüncü yüzyılda, yani yaşadığı yüzyılda herkes Latince'yi mükemmel bir dil olarak gördü ve dillerin Latincesinden doğan yeni diller hala değersizdi.

Dante, invece, ha scritto che l'italiano valeva quanto il latino, e poteva servire anche per scrivere opere di alta letteratura: proprio quello che ha fatto lui, che nella nuova lingua ha scritto l'opera più bella e più famosa di tutta quanta la letteratura italiana: cioè la Divina Commedia. Dante hingegen schrieb, Italienisch sei genauso viel wert wie Latein und könne auch zum Schreiben von Werken hoher Literatur verwendet werden: genau das, was er tat, der das schönste und berühmteste Werk des Ganzen in der neuen Sprache schrieb Italienische Literatur: die Göttliche Komödie. Dante, instead, wrote that Italian was as good as Latin, and could also be used to write works of high literature: just what he did, which in the new language wrote the most beautiful and most famous work of all Italian literature: the Divine Comedy. Dante, cependant, écrit que l'italien est aussi précieux que le latin et qu'il peut également être utilisé pour écrire des ouvrages de haute littérature: exactement ce qu'il a fait, ce qui dans la nouvelle langue a été le plus beau et le plus célèbre des ouvrages Littérature italienne: c'est la Divine Comédie. Öte yandan Dante, İtalyanca'nın Latince kadar iyi olduğunu ve yüksek edebiyat eserlerini yazmak için de kullanılabileceğini yazdı: tam da yaptığı şey, yeni dilde en güzel ve en ünlü eseri yazan İtalyan. edebiyat: yani İlahi Komedya. Dante l'ha scritta nella sua lingua materna, cioè il fiorentino del 1300. Dante schrieb es in seiner Muttersprache, dem Florentiner von 1300. Dante wrote it in his mother tongue, that is the Florentine of 1300. Dante bunu ana dilinde, yani 1300'lerin Floransa'sında yazdı.

Questa sua lingua Dante l'ha fatta funzionare come un elastico, tirandola verso l'alto e verso il basso, usando a volte espressioni elegantissime e a volte espressioni anche basse : pensate che in certi punti della Divina Commedia Dante adopera perfino parolacce! Dante ließ seine Sprache wie ein Gummiband wirken, zog es hoch und runter, manchmal mit sehr eleganten Ausdrücken und manchmal sogar mit leisen Ausdrücken: Denken Sie nur, dass Dante in bestimmten Punkten der Göttlichen Komödie sogar Schimpfwörter verwendet! His language Dante has made it work like a rubber band, pulling it up and down, sometimes using very elegant expressions and sometimes even low expressions: in some parts of the Divine Comedy Dante even uses swear words! Dante, dilini bir lastik bant gibi çalıştırdı, yukarı ve aşağı çekerek, bazen çok zarif ifadeler ve hatta bazen alçak ifadeler kullanarak: İlahi Komedya'nın bazı noktalarında Dante'nin küfür bile kullandığını düşünün! La Divina Commedia ha avuto così tanto successo che il fiorentino di Dante, con qualche trasformazione, è diventato la base in fondo dell'italiano attuale. Die Göttliche Komödie war so erfolgreich, dass Dantes Florentiner mit einigen Veränderungen zur Grundlage des heutigen Italienisch wurde. The Divine Comedy has been so successful that the Florentine Dante, with some transformation, has become the basis at the bottom of the current Italian. İlahi Komedya o kadar başarılı oldu ki, Dante'nin Florentine'i, bir miktar dönüşümle, günümüz İtalyancasının tam temeli haline geldi.

Pensate che il 90 % delle parole che usiamo oggi, nell'italiano di tutti i giorni, sono già presenti nella Divina Commedia! Denken Sie nur daran, dass 90% der Wörter, die wir heute im alltäglichen Italienisch verwenden, bereits in der Göttlichen Komödie vorkommen! Do you think that 90% of the words we use today, in everyday Italian, are already present in the Divine Comedy! Bugün günlük İtalyancada kullandığımız kelimelerin %90'ının İlahi Komedya'da zaten mevcut olduğunu düşünün! Certo, alcune di queste parole col tempo hanno cambiato significato. Natürlich haben einige dieser Wörter im Laufe der Zeit ihre Bedeutung geändert. Of course, some of these words have changed their meaning over time. Elbette bu kelimelerin bazıları zaman içinde anlamlarını değiştirmiştir. Per esempio, la parola gentile per Dante significava ‘nobile di sentimenti', oggi invece gentile indica una persona cortese e ben educata. Zum Beispiel bedeutete das Wort Art für Dante „edel von Gefühlen“, heute bedeutet sanft eine höfliche und gut ausgebildete Person. For example, the kind word for Dante meant 'noble of feelings', but today kind indicates a kind and well-mannered person. Örneğin, Dante için gentile kelimesi 'duyguların asil'i anlamına gelirken, günümüzde gentile, nazik ve iyi huylu bir kişiyi ifade eder. Ma il grosso delle parole e dei loro significati è rimasto sostanzialmente lo stesso! Aber der Großteil der Wörter und ihre Bedeutung sind im Wesentlichen gleich geblieben! But the bulk of the words and their meanings has remained substantially the same! Ama kelimelerin büyük kısmı ve anlamları temelde aynı kaldı!

Arrivederci! Tekrar buluşana kadar!