image

4 consigli per parlare meglio in pubblico (nella vita reale)

un paio di mesi fa a un evento a un certo punto inter visto sul palco l’amministratore delegato di una grossissima azienda lui arriva super fiducioso e se tutto il team dietro carico stretta di mano diritto e lui parte doveva fare tipo uno speech di dieci minuti iniziali dipendenti collaboratori giornalisti davanti parte e al posto di tener microfono vicino alla bocca lo tiene giù che inizia così a girare col microfono come se non esistesse e parla parla il suo sente niente silenzio totale erano un po di imbarazzo in sala ma sai amministratore delegato il mig capo supremo questi casi nessuno che si azzarda a dirgli qualcosa e allora che faccio inizia a guardare un pochino intercetto lascio che se non si sente e lui

preoccupate cielo ce l’hai bar niente e va avanti insomma per farla breve da un minuto e mezzo vado lì lo fermi così usata il mio secondo microfono qui sennò non ci sentiamo scusate e lui parte padre poi il microfono di golgi così ecco questo è uno dei 1500 300 miliardi di esempi che potrei farvi da solo io immaginate quanti ne avete voi in 15 anni di vita vissuta come dire tante professionista della comunicazione fatto radio fatto tv fatto ai 20 farci eventi dal vivo non dal vivo nel centro anziani nell’università in mezzo alla barca che sta andando al castello con la gente seduta mentre sta mangiando maglie di 15 minuti

digitale salve buongiorno è che ciò fan sui frecciarossa in corsa nelle piazze in piazza duomo con urlatore vicino 30 giornalistica in qualunque situazione vi garantisco che trovare gente che sa parlare bene in pubblico è veramente difficile perché perché è difficile io lo vedo sulla mia pelle ogni giorno mi sento un kart eno quando vedo gli speaker quelli bravi rendi conto di quanto studio ci sia dietro e quanta preparazione beruby quattro lezioni che ho imparato sulla mia pelle in questi anni poi vedete voi se vi tornano utili nei commenti aggiungetene altre se non ritornano utili erano gratis è quindi andata così da forza number one no aspetta parte che non capisco perché i public speaking non sia messo come

insegnamento d’obbligo sin da quando sei bambino perché in fondo se ci pensiamo parlare in pubblico fa tutta la differenza del mondo in quasi tutte le situazioni tu devi lasciare la tua start up on investitore devi vendere un prodotto se devi parlare un evento e presentare la tua azienda devi collaborare con delle persone tra nella riunione magari devi coordinare sto team se la gente non capisce quello che dice casile o casillo o se non sei convincenti come fai farti seguire su un progetto e un’idea nuova di centro cosa hai detto ma perché

interessante bravissimo ma abbiamo capito saper parlare in pubblico è fondamentale per tutti a meno che decidi di non parlare vicino perché non farlo sciopero la parola scrivo solo i posti temi ai collaboratori segnale brevetta allora dicevamo lezione numero uno ma ricordo più lazio numero uno e mettere in cima il public speaking alla tua lista di priorità non è una delle robe accessorie io non so perchè in italia che sia l’idea che pavé speakin sia

opzionale ma sì io so parlare tanto vado lì da del microfono che parlo è come dire anch’io so cantare sotto la doccia accanto di brutto però se sentite bocelli cantare canta meglio pochino meno sì un pochino meglio non c’è nulla da vergognarsi a studiare public speaking come studi matematica studi la comunicazione e ogni giorno studio e ogni giorno mi lego le mie cose cieco e migliorare no ai miei piccoli medi infatti dei risultati personalmente ho

sempre avuto una grande attenzione per riparlare in pubblico grazie a mia mamma mia mamma è lei romana grassi bene così che l’ho presentata per mia fortuna è una bibbia di public speaking come insegnante di public speaking a quel dono del grande medico ce l’avete presente il grande medico quando andate ditte mano all’orecchio guarda il ginocchio inizia smanettarci sul ginocchio cosa fai male all’orecchio e dopo 5 minuti che ti brucia sui ginocchi dice a posto c’è apposta andata finito ecco mia mamma devo dire alla stessa

capacità vede una persona e sa che non esistono le regole standard un’occhiata in 30 secondi ti fa la radiografia di quella persona dal punto di vista della comunicazione che doveva bene dove può andare meglio quali sono i suoi punti di forza e ognuno è diverso questo è importante il problema di avere una mamma così chiaramente che ogni volta che mi vede parlare da un lato dice ho visto e fatto lo speech molto carino ma complimenti e poi tira fuori una montagna di appunti in cui dice parole o segnalarti un paio di dettagli e l’inizio è un ora e mezza di critica costruttiva per carità ma dove io alla fine capisco di essere

veramente negato ogni volta penso alla bella arrivano poi migliorerò seconda lezione imparata e che la cosa peggiore che puoi fare quando parla in pubblico e credere a quelli che ti dicono sii te stesso bolt percorre così veloce non è se stesso per niente se voi andate a vedere il bolt prima maniera come correva era tutto scianca vorrei anche giamaicano per esprimere se stesso volta imparato una serie di tecniche che lo aiutano essere l’uomo più veloce del mondo è un ganzo cazzeggio zoe oppure pensate di essere un ingegnere che

costruisce aerei c’è questo ingegnere di ci vuoi un consiglio sii te stesso ma sii te stesso cosa studia come un dannato e fai in modo che non cadano ste ma il film la terza lezione importante per collegarci alla prima è quella di ricordarsi che ognuno ha le sue caratteristiche esistono purtroppo una serie di luoghi comuni infiniti che sono assolutamente falsi benedico alcuni una volta mi ricordo vado in televisione agli inizi e il cameraman mi

dice ricordi di guardare in camera e gli ho detto la sensi non sapevo niente va in uno studio se non sai dove guardare così avevo l’intervistatore che c’era le domande di girare in camera ecco perché in effetti questa se volete il mio feedback da intervistatore negli ultimi quindici hanno intervistato migliaia di persone qualunque tipo da jeff bezos a oliver stone la mamma di ringo starr scherzo mameli quest’anno l’ha intervistata mai nella mia lista è veramente fastidioso e controproducente per lui quando lo intervisti ti fai una domanda e

questo ti guarda e poi si gira verso la camera fa il comizio che tu dici e icc guardie sono guaste parando con me e la camera che si gira la calda ti inquadrano le loro cose è uno dei tanti consigli che si danno sempre in questi casi oppure ti sei intese e paura di parlare davanti a un pubblico immaginatelo in bagno mentre fa la cappotta ma ti sembra io mi devo immaginare 4.000 persone sedute successo che fanno i loro bisognini hanno cioè da una marea di luoghi comuni e una quarta lezioncina imparata e che ogni contesto ha le sue

regole se tu parli in televisione o se parli un evento dal vivo il modo in cui gesticoli in modo naturale e totalmente diverso modo in cui parli cambia cambia proprio in base al contesto voglio dire se tu vai a brighton a fare il bagno o se vai in sardegna non sei vestito uguale in sardegna michael costumino e valcolla tutta dal suo che fa un freddo bestie poi c’è chi

sostiene che se tu sei un grande e speakers ei rolling stone dello speakeraggio del public speaking allora parli sempre uguale fai quello che vuoi può essere ma io le conosco molto pochi per tutti gli altri ricordarsi che il contesto fa la differenza parlare in pubblico è un’arte fondamentale da avere una competenza fondamentale da avere anche se è difficile e

questo richiede che ogni giorno ti alleni provi a migliorare un pochino rispetto a dovere il giorno prima oppure ipotesi b possiamo fregarcene allegramente e in quel caso la gente quando ci vede dirà la classica frase guarda fatto veramente un bello speech la parte più interessante è stata quella in cui è stato zitto



Want to learn a language?


Learn from this text and thousands like it on LingQ.

  • A vast library of audio lessons, all with matching text
  • Revolutionary learning tools
  • A global, interactive learning community.

Language learning online @ LingQ

un paio di mesi fa a un evento a un certo punto inter visto sul palco l’amministratore delegato di una grossissima azienda lui arriva super fiducioso e se tutto il team dietro carico stretta di mano diritto e lui parte doveva fare tipo uno speech di dieci minuti iniziali dipendenti collaboratori giornalisti davanti parte e al posto di tener microfono vicino alla bocca lo tiene giù che inizia così a girare col microfono come se non esistesse e parla parla il suo sente niente silenzio totale erano un po di imbarazzo in sala ma sai amministratore delegato il mig capo supremo questi casi nessuno che si azzarda a dirgli qualcosa e allora che faccio inizia a guardare un pochino intercetto lascio che se non si sente e lui

preoccupate cielo ce l’hai bar niente e va avanti insomma per farla breve da un minuto e mezzo vado lì lo fermi così usata il mio secondo microfono qui sennò non ci sentiamo scusate e lui parte padre poi il microfono di golgi così ecco questo è uno dei 1500 300 miliardi di esempi che potrei farvi da solo io immaginate quanti ne avete voi in 15 anni di vita vissuta come dire tante professionista della comunicazione fatto radio fatto tv fatto ai 20 farci eventi dal vivo non dal vivo nel centro anziani nell’università in mezzo alla barca che sta andando al castello con la gente seduta mentre sta mangiando maglie di 15 minuti

digitale salve buongiorno è che ciò fan sui frecciarossa in corsa nelle piazze in piazza duomo con urlatore vicino 30 giornalistica in qualunque situazione vi garantisco che trovare gente che sa parlare bene in pubblico è veramente difficile perché perché è difficile io lo vedo sulla mia pelle ogni giorno mi sento un kart eno quando vedo gli speaker quelli bravi rendi conto di quanto studio ci sia dietro e quanta preparazione beruby quattro lezioni che ho imparato sulla mia pelle in questi anni poi vedete voi se vi tornano utili nei commenti aggiungetene altre se non ritornano utili erano gratis è quindi andata così da forza number one no aspetta parte che non capisco perché i public speaking non sia messo come

insegnamento d’obbligo sin da quando sei bambino perché in fondo se ci pensiamo parlare in pubblico fa tutta la differenza del mondo in quasi tutte le situazioni tu devi lasciare la tua start up on investitore devi vendere un prodotto se devi parlare un evento e presentare la tua azienda devi collaborare con delle persone tra nella riunione magari devi coordinare sto team se la gente non capisce quello che dice casile o casillo o se non sei convincenti come fai farti seguire su un progetto e un’idea nuova di centro cosa hai detto ma perché

interessante bravissimo ma abbiamo capito saper parlare in pubblico è fondamentale per tutti a meno che decidi di non parlare vicino perché non farlo sciopero la parola scrivo solo i posti temi ai collaboratori segnale brevetta allora dicevamo lezione numero uno ma ricordo più lazio numero uno e mettere in cima il public speaking alla tua lista di priorità non è una delle robe accessorie io non so perchè in italia che sia l’idea che pavé speakin sia

opzionale ma sì io so parlare tanto vado lì da del microfono che parlo è come dire anch’io so cantare sotto la doccia accanto di brutto però se sentite bocelli cantare canta meglio pochino meno sì un pochino meglio non c’è nulla da vergognarsi a studiare public speaking come studi matematica studi la comunicazione e ogni giorno studio e ogni giorno mi lego le mie cose cieco e migliorare no ai miei piccoli medi infatti dei risultati personalmente ho

sempre avuto una grande attenzione per riparlare in pubblico grazie a mia mamma mia mamma è lei romana grassi bene così che l’ho presentata per mia fortuna è una bibbia di public speaking come insegnante di public speaking a quel dono del grande medico ce l’avete presente il grande medico quando andate ditte mano all’orecchio guarda il ginocchio inizia smanettarci sul ginocchio cosa fai male all’orecchio e dopo 5 minuti che ti brucia sui ginocchi dice a posto c’è apposta andata finito ecco mia mamma devo dire alla stessa

capacità vede una persona e sa che non esistono le regole standard un’occhiata in 30 secondi ti fa la radiografia di quella persona dal punto di vista della comunicazione che doveva bene dove può andare meglio quali sono i suoi punti di forza e ognuno è diverso questo è importante il problema di avere una mamma così chiaramente che ogni volta che mi vede parlare da un lato dice ho visto e fatto lo speech molto carino ma complimenti e poi tira fuori una montagna di appunti in cui dice parole o segnalarti un paio di dettagli e l’inizio è un ora e mezza di critica costruttiva per carità ma dove io alla fine capisco di essere

veramente negato ogni volta penso alla bella arrivano poi migliorerò seconda lezione imparata e che la cosa peggiore che puoi fare quando parla in pubblico e credere a quelli che ti dicono sii te stesso bolt percorre così veloce non è se stesso per niente se voi andate a vedere il bolt prima maniera come correva era tutto scianca vorrei anche giamaicano per esprimere se stesso volta imparato una serie di tecniche che lo aiutano essere l’uomo più veloce del mondo è un ganzo cazzeggio zoe oppure pensate di essere un ingegnere che

costruisce aerei c’è questo ingegnere di ci vuoi un consiglio sii te stesso ma sii te stesso cosa studia come un dannato e fai in modo che non cadano ste ma il film la terza lezione importante per collegarci alla prima è quella di ricordarsi che ognuno ha le sue caratteristiche esistono purtroppo una serie di luoghi comuni infiniti che sono assolutamente falsi benedico alcuni una volta mi ricordo vado in televisione agli inizi e il cameraman mi

dice ricordi di guardare in camera e gli ho detto la sensi non sapevo niente va in uno studio se non sai dove guardare così avevo l’intervistatore che c’era le domande di girare in camera ecco perché in effetti questa se volete il mio feedback da intervistatore negli ultimi quindici hanno intervistato migliaia di persone qualunque tipo da jeff bezos a oliver stone la mamma di ringo starr scherzo mameli quest’anno l’ha intervistata mai nella mia lista è veramente fastidioso e controproducente per lui quando lo intervisti ti fai una domanda e

questo ti guarda e poi si gira verso la camera fa il comizio che tu dici e icc guardie sono guaste parando con me e la camera che si gira la calda ti inquadrano le loro cose è uno dei tanti consigli che si danno sempre in questi casi oppure ti sei intese e paura di parlare davanti a un pubblico immaginatelo in bagno mentre fa la cappotta ma ti sembra io mi devo immaginare 4.000 persone sedute successo che fanno i loro bisognini hanno cioè da una marea di luoghi comuni e una quarta lezioncina imparata e che ogni contesto ha le sue

regole se tu parli in televisione o se parli un evento dal vivo il modo in cui gesticoli in modo naturale e totalmente diverso modo in cui parli cambia cambia proprio in base al contesto voglio dire se tu vai a brighton a fare il bagno o se vai in sardegna non sei vestito uguale in sardegna michael costumino e valcolla tutta dal suo che fa un freddo bestie poi c’è chi

sostiene che se tu sei un grande e speakers ei rolling stone dello speakeraggio del public speaking allora parli sempre uguale fai quello che vuoi può essere ma io le conosco molto pochi per tutti gli altri ricordarsi che il contesto fa la differenza parlare in pubblico è un’arte fondamentale da avere una competenza fondamentale da avere anche se è difficile e

questo richiede che ogni giorno ti alleni provi a migliorare un pochino rispetto a dovere il giorno prima oppure ipotesi b possiamo fregarcene allegramente e in quel caso la gente quando ci vede dirà la classica frase guarda fatto veramente un bello speech la parte più interessante è stata quella in cui è stato zitto


×

We use cookies to help make LingQ better. By visiting the site, you agree to our cookie policy.