image

ItalianLingQ, #67 Danilo & Rita - TV Series - Part 1

Stanotte ho avuto un incubo, senz’altro è dovuto al fatto che ieri sera ci sono stati tre episodi di C.S.I.

uno dietro l’altro, Los Angeles, Miami e New York, e stanotte.. dunque adesso ti spiego:  ero in una villetta con i miei genitori e vedevo delle lapidi illuminate dalla finestra non erano lapidi si capiva che erano dei morti sdraiati come in un  cimitero e sia sulla destra sia sulla sinistra della casa illuminati da fiammelle e io che di dicevo “che situazione strana, che cosa sta succedendo? “ la casa era piombata nel buio e c’era un tecnico che stava trafficando per aggiustare la luce ed ad un certo punto io dico a mia madre “mamma hai visto cosa sta succedendo?” e mentre lei mi dice ma non so…” sento che la voce cambia e qualcuno le squarcia l’addome e lei muore.

Ma, invece di guardare quei telefilm non è meglio guardare qualcos’altro se ti impressioni?

Ma, apparentemente non mi sono impressionata ma forse c’è stata un’overdose, di solito ne fanno uno al massimo due di fila ma tre probabilmente è stato troppo.

A parte che non sono così violenti questi telefilm fanno vedere si un morto e poi come fare a risolvere chi lo ha ammazzato, ma se invece allora mi guardi i film di terrore cosa mi fai, non mi dormi più di notte?

Dunque, beh, che non siano violenti diciamo che la violenza è implicita perché avviene prima del momento in cui poi si esaminano i cadaveri ma sono estremamente truculenti e presuppongono una grande violenza.

Quindi non è vero che non sono violenti. E i film dell’orrore a volte mi spaventano, a parte che non sono i miei preferiti quindi li guardo poco più spesso mi fanno ridere perché sono talmente inverosimili che non riesco a prenderli sul serio. Adesso c’è questa mania.. un periodo dove ci sono tutti questi film sui vampiri che piacciono tantissimo ai ragazzi, quelli a me fanno ridere non riesco a vederli, mi vien da ridere!

Mah, anche a me i film di terrore sinceramente non fanno.. a parte che non fanno niente come paura, prima di tutto perché sai che intanto è tutta una finzione di conseguenza non ti può spaventare una cosa del genere.

Mentre invece c’è gente che quando va al cinema è più le volte che è sotto la sedia che sopra perché si spaventa a morte, e poi non dormono di notte!

Beh, ovviamente se uno è impressionabile e si lascia coinvolgere soprattutto se il film è ben fatto.

L’abilità è proprio quella di coinvolgerti e fatti entrare nella situazione che viene vissuta nel film. A me è capitato quando ero ragazza di andare a vedere Patrick che è stato uno dei primi film di un certo filone di horror in cui c’era la persona in coma che aveva delle facoltà parapsicologiche e qui c’era questo ragazzo con gli occhi sbarrati in coma per tutto il film che ad un certo punto salta su di colpo per una reazione riflessa, insomma sai come la coda delle lucertole, ho cacciato un urlo nella sala… ho fatto una figura.. Le ragazze spesso fanno queste cose, gli uomini sono un po' più freddini.

Beh, qui è l’abilità del regista quella di creare l’atmosfera, normalmente con una musica piuttosto.. come si può dire, ritmica e stressante, ambienti bui, insomma ti creano quell’atmosfera che ti incute un po' di paura.

Le donne, specialmente, qui incominciano a strillare, urlare, ne fanno di tutti i colori. Però io mi chiedo ma se ti impressiona andare a vedere un film del genere perché non vai a vedere un altro film un po' più tranquillo, vai a vedere qualche film tipo Via col Vento dove ci sono delle storie un pochino più mielose come si dice.

Mah, in genere uno va vedere un film dell’orrore per farsi spaventare se no cosa ci va a fare ?

primo! Secondo luogo in genere io non amo questi film che mi spaventino o meno per cui è raro che li guardi, in terzo luogo sei tu l’amante di C.S.I. Io li vedo principalmente perché li vedi tu e in secondo ordine perche spesso non c’è niente di meglio. Mah, insomma non sarebbero la mia prima scelta se ci fosse qualche cosa di meglio.

Mah, a me piacciono non tanto per la faccenda dei morti e del cadavere ma tutta la parte scientifica cioè tutti i test che fanno alla ricerca delle prove, delle impronte, insomma di tutto il contorno proprio, delle tracce che lascia l’assasino in modo tale che il laboratorio è in grado di riuscire ad arrivare ad acciuffarlo semplicemente tramite delle prove e non come i vecchi polizieschi che c’era tutta l’indagine.

Si anche qui fanno l’indagine ma è tutta una indagine scientifica cioè è la parte scientifica che mi piace di questa nuova serie di telefilm.

Si, si, sicuramente è bella come idea però, insomma, questi cadaveri di gomma sfigurati piuttosto che queste persone che ogni tanto dovrebbero fare i morti e invece si muovono.

Sai quante volte hanno visto che si muovono, a volte me ne sono accorta anch’io. Ma tu comunque ami molto anche N.C.S.I.

Si, perché più o meno è della stessa serie, cioè anche qui c’è tutta una ricerca scientifica anche se ogni tanto, ho visto che, insomma, raccontano un po' di frottole, sotto questo aspetto d’altronde devono fare una certa finzione, devono dare un certo ritmo al telefilm, però diciamo che sono interessanti tutte le nuove tecnologie che impiegano sempre per andare ad acciuffare l’assassino che lascia una traccia quasi inesistente eppure loro da questa piccolissima traccia riescono a risalire all’autore dell’omicidio o degli omicidi in questo caso quando ci sono serial killer.

Si ma questo ha un po' rovinato i casi veri perché la gente si è fatta l’idea che in mezza giornata si ottiene il DNA, in un’ora si ottengono risposte sulle tracce ematiche e così via, e i nostri R.I.S.

(Reparto Investigativo Scientifico) che sono anche bravissimi, l’equivalente del C.S.I. a volte si trovano spiazzati perché l’opinione pubblica si aspetta da un’indagine che nel giro di poche ore si risolva e invece non è così perché la gente vede la televisione e dice “ come questi qui sono degli incapaci perché sono passati tre giorni e non ci hanno ancora detto di chi sono le impronte oppure… “  Poverini ci rimangono male ma sono molto bravi anche loro insomma.. si sa che la Polizia Scientifica Italiana è una delle migliori del mondo.

Si, questo è vero pero bisogna sempre anche qui distinguere tra la finzione, cioè dei telefilm  e la parte vera cioè quello che accade realmente.

Nei telefilm il DNA te lo tirano fuori, appunto, in mezz’ora ma tecnicamente questo è impossibile ci vogliono degli esami decisamente molto più lunghi. Ovviamente però nel telefilm non possono farlo durare dieci giorni, deve durare quella mezz’ora quell’ora di conseguenza, insomma, l’esame deve avvenire per forza in tre quattro minuti mettono dentro la provetta e in un attimo la macchina gli dice vita morte e miracoli, ma nella realtà, ovviamente, non è così.

Si, almeno per il momento poi nel giro di qualche anno magari le cose cambieranno.



Want to learn a language?


Learn from this text and thousands like it on LingQ.

  • A vast library of audio lessons, all with matching text
  • Revolutionary learning tools
  • A global, interactive learning community.

Language learning online @ LingQ

Stanotte ho avuto un incubo, senz’altro è dovuto al fatto che ieri sera ci sono stati tre episodi di C.S.I.

uno dietro l’altro, Los Angeles, Miami e New York, e stanotte.. dunque adesso ti spiego:  ero in una villetta con i miei genitori e vedevo delle lapidi illuminate dalla finestra non erano lapidi si capiva che erano dei morti sdraiati come in un  cimitero e sia sulla destra sia sulla sinistra della casa illuminati da fiammelle e io che di dicevo “che situazione strana, che cosa sta succedendo? “ la casa era piombata nel buio e c’era un tecnico che stava trafficando per aggiustare la luce ed ad un certo punto io dico a mia madre “mamma hai visto cosa sta succedendo?” e mentre lei mi dice ma non so…” sento che la voce cambia e qualcuno le squarcia l’addome e lei muore.

Ma, invece di guardare quei telefilm non è meglio guardare qualcos’altro se ti impressioni?

Ma, apparentemente non mi sono impressionata ma forse c’è stata un’overdose, di solito ne fanno uno al massimo due di fila ma tre probabilmente è stato troppo.

A parte che non sono così violenti questi telefilm fanno vedere si un morto e poi come fare a risolvere chi lo ha ammazzato, ma se invece allora mi guardi i film di terrore cosa mi fai, non mi dormi più di notte?

Dunque, beh, che non siano violenti diciamo che la violenza è implicita perché avviene prima del momento in cui poi si esaminano i cadaveri ma sono estremamente truculenti e presuppongono una grande violenza.

Quindi non è vero che non sono violenti. E i film dell’orrore a volte mi spaventano, a parte che non sono i miei preferiti quindi li guardo poco più spesso mi fanno ridere perché sono talmente inverosimili che non riesco a prenderli sul serio. Adesso c’è questa mania.. un periodo dove ci sono tutti questi film sui vampiri che piacciono tantissimo ai ragazzi, quelli a me fanno ridere non riesco a vederli, mi vien da ridere!

Mah, anche a me i film di terrore sinceramente non fanno.. a parte che non fanno niente come paura, prima di tutto perché sai che intanto è tutta una finzione di conseguenza non ti può spaventare una cosa del genere.

Mentre invece c’è gente che quando va al cinema è più le volte che è sotto la sedia che sopra perché si spaventa a morte, e poi non dormono di notte!

Beh, ovviamente se uno è impressionabile e si lascia coinvolgere soprattutto se il film è ben fatto.

L’abilità è proprio quella di coinvolgerti e fatti entrare nella situazione che viene vissuta nel film. A me è capitato quando ero ragazza di andare a vedere Patrick che è stato uno dei primi film di un certo filone di horror in cui c’era la persona in coma che aveva delle facoltà parapsicologiche e qui c’era questo ragazzo con gli occhi sbarrati in coma per tutto il film che ad un certo punto salta su di colpo per una reazione riflessa, insomma sai come la coda delle lucertole, ho cacciato un urlo nella sala… ho fatto una figura.. Le ragazze spesso fanno queste cose, gli uomini sono un po' più freddini.

Beh, qui è l’abilità del regista quella di creare l’atmosfera, normalmente con una musica piuttosto.. come si può dire, ritmica e stressante, ambienti bui, insomma ti creano quell’atmosfera che ti incute un po' di paura.

Le donne, specialmente, qui incominciano a strillare, urlare, ne fanno di tutti i colori. Però io mi chiedo ma se ti impressiona andare a vedere un film del genere perché non vai a vedere un altro film un po' più tranquillo, vai a vedere qualche film tipo Via col Vento dove ci sono delle storie un pochino più mielose come si dice.

Mah, in genere uno va vedere un film dell’orrore per farsi spaventare se no cosa ci va a fare ?

primo! Secondo luogo in genere io non amo questi film che mi spaventino o meno per cui è raro che li guardi, in terzo luogo sei tu l’amante di C.S.I. Io li vedo principalmente perché li vedi tu e in secondo ordine perche spesso non c’è niente di meglio. Mah, insomma non sarebbero la mia prima scelta se ci fosse qualche cosa di meglio.

Mah, a me piacciono non tanto per la faccenda dei morti e del cadavere ma tutta la parte scientifica cioè tutti i test che fanno alla ricerca delle prove, delle impronte, insomma di tutto il contorno proprio, delle tracce che lascia l’assasino in modo tale che il laboratorio è in grado di riuscire ad arrivare ad acciuffarlo semplicemente tramite delle prove e non come i vecchi polizieschi che c’era tutta l’indagine.

Si anche qui fanno l’indagine ma è tutta una indagine scientifica cioè è la parte scientifica che mi piace di questa nuova serie di telefilm.

Si, si, sicuramente è bella come idea però, insomma, questi cadaveri di gomma sfigurati piuttosto che queste persone che ogni tanto dovrebbero fare i morti e invece si muovono.

Sai quante volte hanno visto che si muovono, a volte me ne sono accorta anch’io. Ma tu comunque ami molto anche N.C.S.I.

Si, perché più o meno è della stessa serie, cioè anche qui c’è tutta una ricerca scientifica anche se ogni tanto, ho visto che, insomma, raccontano un po' di frottole, sotto questo aspetto d’altronde devono fare una certa finzione, devono dare un certo ritmo al telefilm, però diciamo che sono interessanti tutte le nuove tecnologie che impiegano sempre per andare ad acciuffare l’assassino che lascia una traccia quasi inesistente eppure loro da questa piccolissima traccia riescono a risalire all’autore dell’omicidio o degli omicidi in questo caso quando ci sono serial killer.

Si ma questo ha un po' rovinato i casi veri perché la gente si è fatta l’idea che in mezza giornata si ottiene il DNA, in un’ora si ottengono risposte sulle tracce ematiche e così via, e i nostri R.I.S.

(Reparto Investigativo Scientifico) che sono anche bravissimi, l’equivalente del C.S.I. a volte si trovano spiazzati perché l’opinione pubblica si aspetta da un’indagine che nel giro di poche ore si risolva e invece non è così perché la gente vede la televisione e dice “ come questi qui sono degli incapaci perché sono passati tre giorni e non ci hanno ancora detto di chi sono le impronte oppure… “  Poverini ci rimangono male ma sono molto bravi anche loro insomma.. si sa che la Polizia Scientifica Italiana è una delle migliori del mondo.

Si, questo è vero pero bisogna sempre anche qui distinguere tra la finzione, cioè dei telefilm  e la parte vera cioè quello che accade realmente.

Nei telefilm il DNA te lo tirano fuori, appunto, in mezz’ora ma tecnicamente questo è impossibile ci vogliono degli esami decisamente molto più lunghi. Ovviamente però nel telefilm non possono farlo durare dieci giorni, deve durare quella mezz’ora quell’ora di conseguenza, insomma, l’esame deve avvenire per forza in tre quattro minuti mettono dentro la provetta e in un attimo la macchina gli dice vita morte e miracoli, ma nella realtà, ovviamente, non è così.

Si, almeno per il momento poi nel giro di qualche anno magari le cose cambieranno.


×

We use cookies to help make LingQ better. By visiting the site, you agree to our cookie policy.