image

ItalianLingQ, #38 Danilo & Rita – Tempo di vacanze

Ti ho detto che mia cognata è partita per una crociera?

No, non mi hai detto niente quando è partita?

Ma, sarà anche già tornata, credo che fosse una crociera di una settimana in giro per il Mediterraneo è andata con delle amiche, hanno prenotato un bel po' di tempo fa quando c’erano dei prezzi ottimi e hanno speso pochissimo.

Ma è andata su una di quelle due nuove navi che hanno inaugurato l’altro giorno?

No, non credo proprio, non m’ha detto questo. No quelli li sono  già magari più costose anche perché sono navi di lusso. Non so che ma sono tutte belle quelle navi li anche se non sono proprio quelle più nuove sono belle, ci si trova bene e costa poco.

Mah, hai visto che razza di navi hanno fatto? Sono dei palazzi enormi, un lusso sfrenato. Evidentemente le crociere stanno andando per la maggiore perché spendere  tutti quei soldi per due navi immense come quelle evidentemente la cosa deve rendere a questa società.

A si, sicuramente certo anticipano un sacco di soldi ma poi devono essere certi di coprire le spese ampiamente e in breve tempo e ma certo che è così perché  con i tempi che corrono andare in albergo o fare dei viaggi  girando per alberghi e costoso invece con le crociere  il costo è sempre contenuto, sai già quello che vai a spendere, perché non che tu possa spendere molto di più di quello che spendi al momento della prenotazione, sei chiuso li dentro quindi più di tanto non riesci a spendere. Però sai anche che ti trattano benissimo, hai i servizi di lusso, giri il mondo, cosa c’è di meglio?

Beh, indubbiamente di meglio non credo ci sia. Queste due navi che portano tremila persone o tremila passeggeri più altri mille di equipaggio, e ne hanno fatte due, come ti ripeto la cosa evidentemente funziona. Sul fatto poi di non spendere soldi sulla nave questo non è vero perché  sulla nave c’è di tutto, ci sono casinò, piscine è una città immensa questa nave, anzi, queste due navi che hanno appena varato, oltre tutto poi  quando si fermarono nei porti scendi a vedere le città e anche li spendi dei soldi. Anche se la crociera ti costa poco all’inizio alla fin fine però di soldi ne spendi tanti.

Beh, ma li puoi  limitare, voglio dire se sai già che sei uno che non gioca al casinò, quello che spendi  in viaggio che non riesci a valutare è il costo del ristorante dell’albergo questo genere di costi più gli extra, non so…. la macchina,  tutte queste cose in crociera sai già quello vai a spendere. Mi sembra che sia più limitato più più sicuro ecco. Tanto è vero che anche la bambina quest’anno voleva fare l’inter-rail,  sai prendere il treno e in Europa che danno..  mi sembra che costi  quattrocento euro o qualche cosa del genere  e puoi girare all’infinito per un mese  su tutte le ferrovie europee, ed è una cosa che si faceva ai miei tempi  con sacco sulla spalla è una cosa molto hippy, no? e adesso  è meno  diffuso perché i ragazzi sono diventati più posapiano e così però è sempre bellissimo. Però comunque  finiva a spendere di più di quello che spenderebbe se  facesse una crociera.

Beh,  questo non  lo so, infatti, ai miei tempi costava poco questo biglietto che permetteva di fare 6000 km in tutta Europa, e sono tanti  6000 km, di conseguenza col tuo zaino e la tua tendina potevi andare e girare l’Europa spendendo veramente poco. Ma oggi è anche pericoloso girare in questo modo, se poi quando arrivi non trovi un ostello o non trovi  un posto dove poter alloggiare la cosa diventa veramente triste.

È proprio questo che ti sto dicendo a proposito dei costi che quando tu parti in questo modo non ha idea un’idea precisa di quello che spenderai  perché non sai esattamente in che hotel finirai e quanto spenderai a pranzo e così via. Lei invece è andata a pescarsi delle crociere last-minute, anzi “last-second” di quelle occasioni, ultima occasione in cui si spende poco e più o meno il prezzo è  quello lì, insomma, perché sai già quello che spende per dormire e per mangiare perché è spesa maggiore.

Beh,  ma lo sai che per i giovani la crociera è una cosa vecchi è una cosa che si fa quando si è anziani non è vero questo perché oggi tantissimi giovani vanno in crociera se no, appunto, non si spiega il motivo di queste bellissime navi, però la mentalità è sempre quella  il giovane vuole lo zaino in spalla e girare il mondo ma facendo l’hippy

Bah, volta forse, adesso i ragazzi sono un po' diversi, questa cosa dello zaino in spalla lo sai che  piace a pochi, a parte che è diventato più pericoloso ma comunque amano la vita comoda amano la pappa fatta così via. Non è proprio il caso della bambina però lei ama l’avventura si arrangia, ha fatto scout insomma non è il tipo che si tiri indietro però diventa un costo effettivamente perché se  calcoli di dovere che non puoi più fare il campeggio libero come si faceva una volta perché è veramente pericoloso quindi deve andare in campeggio, i campeggi organizzati non sono affatto buon mercato in più rimangiare quindi o ti porti dietro tutto l’ambaradan (attrezzatura)  per farti da mangiare però se sei senza macchina diventa pesante oppure si finisce a mangiare al ristorante, anche una pizzeria ma, insomma, è sempre un costo.

Mah, infatti alla bambina  avevo consigliato, invece, di trovarsi qualche  posto di lavoro all’estero. Ci sono, sai,  questi campi di lavoro dove assumono d’estate per fare quei lavori stagionali e oltre a migliorare ulteriormente la lingua,  che oltretutto lei parla molto bene, a  il modo di guadagnare quattro soldi, metterli  da parte per tutte le attività future cui ha l’intenzione di fare.

Si si si,  infatti adesso batterò su questo punto che mi sembra importante oppure anche per farsi una bella vacanza, non so, in settembre con i soldi che ha guadagnato in agosto mi sembra la cosa più ovvia da fare perché poi si divertirebbe senz’altro, figuriamoci, lei  si diverte sempre. Figurati fare ad esempio l’animatrice in un villaggio o cose di questo genere è il suo pane.

Beh, ma anche andare a fare altri lavori dove ci sono tanti altri ragazzi che arrivano un po' da tutta la parte del mondo, si ritrovano per lavorare e di conseguenza è sempre  un’occasione per fare baldoria, perché finito il lavoro, figurati,  vanno fuori, vanno nei pub vanno, insomma,  a divertirsi ugualmente poi si conoscono e continuano questa amicizia anche nel tempo e questa è una bellissima cosa in più c’è sempre il fatto che guadagnano quattro soldini che fanno sempre comodo per loro.

A si,  avrei voluto farlo anch’io quando ero ragazza però avevo il papà  solo che non mi lasciava mica tanto. Stavo via proprio il minimo indispensabile e già era un disastro,  dovevo chiamarlo due volte al giorno, era apprensivo ma non stavo neanche io  tranquilla perché era una angoscia andare via,  invece bisogna essere liberi e poter..  a parte il fatto che adesso c’è il cellulare, il cellulare e una grande invenzione da quel punto di vista li per poter essere più liberi di sentirsi tranquilli a distanza, contattare facilmente i genitori. Una volta, ad esempio, andavamo in campeggio alla sera c’era l’angoscia che bisognava chiamare i genitori, allora c’era  la fila davanti all’unico telefono del campeggio, una fila chilometrica e bisognava darsi il cambio era veramente angosciante  sapere che tutte le sere ci fosse questa questo dovere, invece col cellulare è un attimo!

Indubbiamente  il telefono cellulare ha cambiato tantissime cose, infatti i ragazzini anche se sono in giro avendo un  cellulare sai sempre dove rintracciarli e nel caso succedesse qualcosa loro possono sempre chiamare sia le forze dell’ordine oppure anche casa e avvisare se fanno tardi, dove vanno, cosa fanno e questo indubbiamente ha cambiato il modo di vedere le cose soprattutto quando hanno questa libertà di andarsene in giro per il mondo senza troppi problemi.

Si,  ma anche tutti giorni, anche la libertà che ho lasciato a mia figlia sicuramente non sarebbe stata così se non avessi avuto il cellulare perché non l’avrei lasciata andare in giro per Milano da sola quando era.. non so quando aveva dieci dodici anni, dieci anni neanche ci pensavo, ma dodici, tredici anni quando ha cominciato ad andare al liceo, insomma, avevo bisogno di sapere che lei avrebbe potuto chiamare se era in difficoltà io stessa potevo chiamarla se vedevo che tardava.



Want to learn a language?


Learn from this text and thousands like it on LingQ.

  • A vast library of audio lessons, all with matching text
  • Revolutionary learning tools
  • A global, interactive learning community.

Language learning online @ LingQ

Ti ho detto che mia cognata è partita per una crociera?

No, non mi hai detto niente quando è partita?

Ma, sarà anche già tornata, credo che fosse una crociera di una settimana in giro per il Mediterraneo è andata con delle amiche, hanno prenotato un bel po' di tempo fa quando c’erano dei prezzi ottimi e hanno speso pochissimo.

Ma è andata su una di quelle due nuove navi che hanno inaugurato l’altro giorno?

No, non credo proprio, non m’ha detto questo. No quelli li sono  già magari più costose anche perché sono navi di lusso. Non so che ma sono tutte belle quelle navi li anche se non sono proprio quelle più nuove sono belle, ci si trova bene e costa poco.

Mah, hai visto che razza di navi hanno fatto? Sono dei palazzi enormi, un lusso sfrenato. Evidentemente le crociere stanno andando per la maggiore perché spendere  tutti quei soldi per due navi immense come quelle evidentemente la cosa deve rendere a questa società.

A si, sicuramente certo anticipano un sacco di soldi ma poi devono essere certi di coprire le spese ampiamente e in breve tempo e ma certo che è così perché  con i tempi che corrono andare in albergo o fare dei viaggi  girando per alberghi e costoso invece con le crociere  il costo è sempre contenuto, sai già quello che vai a spendere, perché non che tu possa spendere molto di più di quello che spendi al momento della prenotazione, sei chiuso li dentro quindi più di tanto non riesci a spendere. Però sai anche che ti trattano benissimo, hai i servizi di lusso, giri il mondo, cosa c’è di meglio?

Beh, indubbiamente di meglio non credo ci sia. Queste due navi che portano tremila persone o tremila passeggeri più altri mille di equipaggio, e ne hanno fatte due, come ti ripeto la cosa evidentemente funziona. Sul fatto poi di non spendere soldi sulla nave questo non è vero perché  sulla nave c’è di tutto, ci sono casinò, piscine è una città immensa questa nave, anzi, queste due navi che hanno appena varato, oltre tutto poi  quando si fermarono nei porti scendi a vedere le città e anche li spendi dei soldi. Anche se la crociera ti costa poco all’inizio alla fin fine però di soldi ne spendi tanti.

Beh, ma li puoi  limitare, voglio dire se sai già che sei uno che non gioca al casinò, quello che spendi  in viaggio che non riesci a valutare è il costo del ristorante dell’albergo questo genere di costi più gli extra, non so…. la macchina,  tutte queste cose in crociera sai già quello vai a spendere. Mi sembra che sia più limitato più più sicuro ecco. Tanto è vero che anche la bambina quest’anno voleva fare l’inter-rail,  sai prendere il treno e in Europa che danno..  mi sembra che costi  quattrocento euro o qualche cosa del genere  e puoi girare all’infinito per un mese  su tutte le ferrovie europee, ed è una cosa che si faceva ai miei tempi  con sacco sulla spalla è una cosa molto hippy, no? e adesso  è meno  diffuso perché i ragazzi sono diventati più posapiano e così però è sempre bellissimo. Però comunque  finiva a spendere di più di quello che spenderebbe se  facesse una crociera.

Beh,  questo non  lo so, infatti, ai miei tempi costava poco questo biglietto che permetteva di fare 6000 km in tutta Europa, e sono tanti  6000 km, di conseguenza col tuo zaino e la tua tendina potevi andare e girare l’Europa spendendo veramente poco. Ma oggi è anche pericoloso girare in questo modo, se poi quando arrivi non trovi un ostello o non trovi  un posto dove poter alloggiare la cosa diventa veramente triste.

È proprio questo che ti sto dicendo a proposito dei costi che quando tu parti in questo modo non ha idea un’idea precisa di quello che spenderai  perché non sai esattamente in che hotel finirai e quanto spenderai a pranzo e così via. Lei invece è andata a pescarsi delle crociere last-minute, anzi “last-second” di quelle occasioni, ultima occasione in cui si spende poco e più o meno il prezzo è  quello lì, insomma, perché sai già quello che spende per dormire e per mangiare perché è spesa maggiore.

Beh,  ma lo sai che per i giovani la crociera è una cosa vecchi è una cosa che si fa quando si è anziani non è vero questo perché oggi tantissimi giovani vanno in crociera se no, appunto, non si spiega il motivo di queste bellissime navi, però la mentalità è sempre quella  il giovane vuole lo zaino in spalla e girare il mondo ma facendo l’hippy

Bah, volta forse, adesso i ragazzi sono un po' diversi, questa cosa dello zaino in spalla lo sai che  piace a pochi, a parte che è diventato più pericoloso ma comunque amano la vita comoda amano la pappa fatta così via. Non è proprio il caso della bambina però lei ama l’avventura si arrangia, ha fatto scout insomma non è il tipo che si tiri indietro però diventa un costo effettivamente perché se  calcoli di dovere che non puoi più fare il campeggio libero come si faceva una volta perché è veramente pericoloso quindi deve andare in campeggio, i campeggi organizzati non sono affatto buon mercato in più rimangiare quindi o ti porti dietro tutto l’ambaradan (attrezzatura)  per farti da mangiare però se sei senza macchina diventa pesante oppure si finisce a mangiare al ristorante, anche una pizzeria ma, insomma, è sempre un costo.

Mah, infatti alla bambina  avevo consigliato, invece, di trovarsi qualche  posto di lavoro all’estero. Ci sono, sai,  questi campi di lavoro dove assumono d’estate per fare quei lavori stagionali e oltre a migliorare ulteriormente la lingua,  che oltretutto lei parla molto bene, a  il modo di guadagnare quattro soldi, metterli  da parte per tutte le attività future cui ha l’intenzione di fare.

Si si si,  infatti adesso batterò su questo punto che mi sembra importante oppure anche per farsi una bella vacanza, non so, in settembre con i soldi che ha guadagnato in agosto mi sembra la cosa più ovvia da fare perché poi si divertirebbe senz’altro, figuriamoci, lei  si diverte sempre. Figurati fare ad esempio l’animatrice in un villaggio o cose di questo genere è il suo pane.

Beh, ma anche andare a fare altri lavori dove ci sono tanti altri ragazzi che arrivano un po' da tutta la parte del mondo, si ritrovano per lavorare e di conseguenza è sempre  un’occasione per fare baldoria, perché finito il lavoro, figurati,  vanno fuori, vanno nei pub vanno, insomma,  a divertirsi ugualmente poi si conoscono e continuano questa amicizia anche nel tempo e questa è una bellissima cosa in più c’è sempre il fatto che guadagnano quattro soldini che fanno sempre comodo per loro.

A si,  avrei voluto farlo anch’io quando ero ragazza però avevo il papà  solo che non mi lasciava mica tanto. Stavo via proprio il minimo indispensabile e già era un disastro,  dovevo chiamarlo due volte al giorno, era apprensivo ma non stavo neanche io  tranquilla perché era una angoscia andare via,  invece bisogna essere liberi e poter..  a parte il fatto che adesso c’è il cellulare, il cellulare e una grande invenzione da quel punto di vista li per poter essere più liberi di sentirsi tranquilli a distanza, contattare facilmente i genitori. Una volta, ad esempio, andavamo in campeggio alla sera c’era l’angoscia che bisognava chiamare i genitori, allora c’era  la fila davanti all’unico telefono del campeggio, una fila chilometrica e bisognava darsi il cambio era veramente angosciante  sapere che tutte le sere ci fosse questa questo dovere, invece col cellulare è un attimo!

Indubbiamente  il telefono cellulare ha cambiato tantissime cose, infatti i ragazzini anche se sono in giro avendo un  cellulare sai sempre dove rintracciarli e nel caso succedesse qualcosa loro possono sempre chiamare sia le forze dell’ordine oppure anche casa e avvisare se fanno tardi, dove vanno, cosa fanno e questo indubbiamente ha cambiato il modo di vedere le cose soprattutto quando hanno questa libertà di andarsene in giro per il mondo senza troppi problemi.

Si,  ma anche tutti giorni, anche la libertà che ho lasciato a mia figlia sicuramente non sarebbe stata così se non avessi avuto il cellulare perché non l’avrei lasciata andare in giro per Milano da sola quando era.. non so quando aveva dieci dodici anni, dieci anni neanche ci pensavo, ma dodici, tredici anni quando ha cominciato ad andare al liceo, insomma, avevo bisogno di sapere che lei avrebbe potuto chiamare se era in difficoltà io stessa potevo chiamarla se vedevo che tardava.


×

We use cookies to help make LingQ better. By visiting the site, you agree to our cookie policy.