image

ItalianLingQ, #10 Daniele e Alessandra – Storie di vita quotidiana

Alessandra: Daniele cosa mi dici della tua famiglia?

È da un po' di tempo che non li senti perché so che loro erano giù, quindi Lazio giusto?

Daniel: Sì giusto loro sono a Roma, perché diciamo che c’è più lavoro giù per loro.

Per me c’è più lavoro qua al nord.

Alessandra: Ma avevi due fratelli se non sbaglio?

Daniel: Sì due fratelli più piccoli.

Alessandra: E loro cosa fanno là?

Daniel: Quello più piccolo è ancora a scuola perché non ha finito, manca un anno.

L’altro vive con la sua fidanzata e lavora.

Alessandra: Ah quindi comunque là loro si trovano meglio.

Daniel: Certo!

Alessandra: E invece i tuoi?

Daniel: I miei praticamente sono divorziati da due anni, mia madre vive a Roma con i miei fratelli ovviamente, e mio padre vive in Inghilterra.

Alessandra: Ah quindi lui so che tempo fa, appunto, aveva ricevuto questa offerta di lavoro in Inghilterra, però non ero aggiornata sulla sua decisione, quindi se è andato là a lavorare oppure se è rimasto qua.

Daniel: Quindi Alessandra cosa mi dici della tua famiglia?

Alessandra: Beh la mia famiglia diciamo che è da un po' di tempo che non li vedo perché sai benissimo che io qua sono da sola quindi loro sono rimasti giù a Roma.

Mia sorella, che sai che è più grande di me, quindi che adesso ne ha 29 anni, che è già sposata da un po' di tempo ha una figlia e lavora presso un asilo nido, fa la maestra. Invece i miei, quindi sia mia mamma che mio papà, sono pensionati ormai e vivono una vita tranquilla in una casetta piccolina vicino Roma, quindi non è proprio Roma città, assieme al nostro cane, che come sapevi è lo stesso cane…

Daniel: Sì lo conosco!

È sempre quello?

Alessandra: Sì è sempre quello…vive ancora che ormai è un po' vecchiotto se posso dire così.

Daniel: Ma, Alessandra, da quando hai quel cane?

Alessandra: Sono più o meno quindici anni, quindi mio papà l’ha portato a casa quando aveva 2 settimane poverino era molto molto piccolo e ormai sono trascorsi 15 anni quindi come puoi immaginarti anche lui è abbastanza vecchio.

Perchè sai che ogni anno per un cane vuol dire come tipo 7 anni per noi.

Daniel: Allora avrà 300 anni adesso?

Alessandra: Sì non trecento però più meno diciamo comunque…beh diciamo che i miei comunque mi mancano perché sono a Roma, però ogni due tre mesi cerco, magari nel weekend,  di scendere a Roma in treno o con la macchina, e passo insieme a loro 2/3 giorni e poi torno qua perché alla fine qui lavoro e mi trovo bene sia dal punto di vista economico che dal punto di vista lavorativo.

E cerco di crearmi una vita qua, però alla fine la mia famiglia rimane sempre là.

Daniel: E qua a parte il lavoro cosa fai nel tempo libero Alessandra?

Alessandra: Diciamo che tempo libero non è che mi rimane tanto, ho solo il weekend a disposizione per fare magari la spesa, un po' di pulizie in casa e incontrare i miei amici.

In palestra vado ogni tanto, perché come ti dicevo prima a causa del lavoro che è molto molto impegnativo arrivo alla sera troppo stanca e sinceramente non riesco neanche a guardare un film dal principio alla fine. Rimane sempre il weekend per cui non posso dire che ho molto tempo a disposizione.

Daniel: Beh io lavoro fino alle 6 e mezzo di sera quindi verso le 8 sono in palestra una volta o due volte alla settimana dipende.

Faccio pesistica e tonificazione.

Alessandra: Ah bello interessante!

Fai per conto tuo o magari c’è un istruttore che ti ha fatto qualche programma di allenamento in base ai tuoi obiettivi?

Daniel: Faccio da solo!

Praticamente mi hanno fatto una scheda e io devo seguire quella scheda lì. Non sono mica capace a fare tutto da solo. Di là c’è gente che fa questo lavoro da una vita quindi sono sicuro che loro possono farmi vedere quello che è meglio per me.

Alessandra: Ma certo ovviamente!

Ma questa scheda, questo allenamento viene cambiato ogni tanto ? Perché penso che se fai due o tre volte alla settimana gli stessi tipi di esercizi ad un certo punto l’organismo si abitua quindi penso che queste persone che ti seguono ti cambiano ogni tanto l’allenamento.

Daniel: Sì per esempio il mese scorso avevo una scheda diversa, poi mi hanno detto che tra un mese e mezzo mi cambiano di nuovo la scheda.

Alessandra: Ho capito!

A parte questa attività di pesistica e tonificazione fai anche altre tipologie di attività come ad esempio cardio fitness?

Daniel: No!

Praticamente dopo vorrei anche andare in piscina ma non ho tanto tempo a disposizione. Penso che sabato o domenica vado a vedere che prezzi ci sono.

Alessandra: E hai qualche piscina che ti piace di più oppure ti ha detto qualcuno, ti ha fatto qualche riferimento, qualche passaparola positivo di qualche piscina perché sai devi essere molto attento quando fai una scelta di questo tipo non solo in base ai prezzi.

Daniel: Sì sì hai ragione!

Ho qualche amico che va in piscina e mi ha detto che sembra molto pulito e la gente è in gamba quindi vado a vedere, a provare, insomma, quella piscina lì poi se non mi piace vado da un’altra parte.

Alessandra: Certo!

Ovviamente visto che comunque in questa grande città ci sono tanti club, tanti centri benessere che hanno anche la piscina.

Daniel:Certo!

Alessandra: E ti piacerebbe fare nuoto oppure vorresti fare attività proprio in acqua tipo aqua gym, aqua pilates o solo nuoto?

Daniel: Devo vedere!

Non sono sicuro cosa vorrei fare!

Alessandra: A proposito di nuoto!

Ti ricordi Francesco Vettore che era con noi alle elementari?

Daniel: Francesco Vettore?

Ah sì quel ragazzino piccolo, biondino che era sempre per conto suo?

Alessandra: Ah proprio quello!

L’ho incontrato il mese scorso, allena la squadra nazionale di nuoto per la fascia di età sotto i quindici anni. Suo figlio Marco Vettore...

Daniel: Ah Marco Vettore che ha vinto gli Europei due anni fa…

Alessandra: Eh sì proprio quello!

Ha vinto gli europei e poi una squadra statunitense gli ha offerto un contratto per più di 500.000 mila euro all’anno!

Daniel: Incredibile, 500.000 mila euro sono tanti soldi, Beato lui!

Alessandra: Comunque comincerà gli allenamenti tra poche settimane e ha accettato l’offerta solo se il suo papà fosse incluso nel contratto come suo allenatore principale.

Daniel: Penso che Francesco sarà molto soddisfatto del suo lavoro!

Alessandra: Ovviamente è un grande passo avanti per la sua carriera.

E poi sai per Marco è la cosa più bella che potrebbe capitare ad un ragazzino di 15 anni, firmare un contratto del genere e avere accanto suo papà come allenatore. Comunque mi ha lasciato il suo recapito telefonico e ci sentiremo per un eventuale viaggio negli Stati Uniti.

Daniel: Sarebbe bello un viaggio negli Stati Uniti.

Anche perché la mia fidanzata ha sempre voluto farne uno sull’altro continente quindi se avete pianificato qualcosa fatemi sapere perché io sono veramente interessato, forse potremmo andare insieme!

Alessandra: E certo!

Sarebbe carino fare un viaggio del genere in coppia. A noi piacerebbe visitare Las Vegas, però il mio fidanzato, sai, ha sempre sognato di vedere le cascate del Niagara.

Daniel: Ah quasi dimenticavo.

Devo dirti una cosa.

Alessandra: Dimmi pure!

Daniel: Tu potresti venire con il tuo fidanzato domenica alla festa di compleanno della mia fidanzata?

Alessandra: Certo!

Ci farebbe piacere venire alla festa, ma dove volete festeggiare il compleanno? Avete scelto qualche locale o festeggiate a casa?

Daniel: Faremo al ristorante/pizzeria, poi andiamo a casa nostra e ci guardiamo il nuovo film che abbiamo comprato in dvd.

Alessandra: Ah che bello!

Sono sicura che sarà una serata divertentissima.

Daniel: Tra l’altro non siamo in tanti, siamo solo sei persone.

Quindi mi farebbe veramente piacere la vostra compagnia.

Alessandra: Grazie per l’invito.

E comunque se per caso  cambia qualcosa e non possiamo venire ci sentiamo al telefono giovedì o venerdì, intanto ti dico sicuramente che possiamo venire alla festa, va bene?

Daniel: Va bene, non preoccuparti!

Ascolta ma tu abiti con il tuo fidanzato vicino alla stazione, giusto?

Alessandra: Sì! Ancora per poco perché in realtà dobbiamo cambiare casa. Abbiamo trovato un appartamento più grande e in una zona molto più bella vicino al centro storico, più vicino al mio lavoro.

Daniel: Sai cosa?

Posso mandare Giuseppe a prendervi perché lui abita vicino alla stazione   quindi può benissimo darvi un passaggio fino al ristorante e poi vi porta lui a casa alla fine.

Alessandra: Si sarebbe bello!

Allora ci vediamo alla festa domenica. Salutami la tua fidanzata!


Want to learn a language?


Learn from this text and thousands like it on LingQ.

  • A vast library of audio lessons, all with matching text
  • Revolutionary learning tools
  • A global, interactive learning community.

Language learning online @ LingQ

Alessandra: Daniele cosa mi dici della tua famiglia?

È da un po' di tempo che non li senti perché so che loro erano giù, quindi Lazio giusto?

Daniel: Sì giusto loro sono a Roma, perché diciamo che c’è più lavoro giù per loro.

Per me c’è più lavoro qua al nord.

Alessandra: Ma avevi due fratelli se non sbaglio?

Daniel: Sì due fratelli più piccoli.

Alessandra: E loro cosa fanno là?

Daniel: Quello più piccolo è ancora a scuola perché non ha finito, manca un anno.

L’altro vive con la sua fidanzata e lavora.

Alessandra: Ah quindi comunque là loro si trovano meglio.

Daniel: Certo!

Alessandra: E invece i tuoi?

Daniel: I miei praticamente sono divorziati da due anni, mia madre vive a Roma con i miei fratelli ovviamente, e mio padre vive in Inghilterra.

Alessandra: Ah quindi lui so che tempo fa, appunto, aveva ricevuto questa offerta di lavoro in Inghilterra, però non ero aggiornata sulla sua decisione, quindi se è andato là a lavorare oppure se è rimasto qua.

Daniel: Quindi Alessandra cosa mi dici della tua famiglia?

Alessandra: Beh la mia famiglia diciamo che è da un po' di tempo che non li vedo perché sai benissimo che io qua sono da sola quindi loro sono rimasti giù a Roma.

Mia sorella, che sai che è più grande di me, quindi che adesso ne ha 29 anni, che è già sposata da un po' di tempo ha una figlia e lavora presso un asilo nido, fa la maestra. Invece i miei, quindi sia mia mamma che mio papà, sono pensionati ormai e vivono una vita tranquilla in una casetta piccolina vicino Roma, quindi non è proprio Roma città, assieme al nostro cane, che come sapevi è lo stesso cane…

Daniel: Sì lo conosco!

È sempre quello?

Alessandra: Sì è sempre quello…vive ancora che ormai è un po' vecchiotto se posso dire così.

Daniel: Ma, Alessandra, da quando hai quel cane?

Alessandra: Sono più o meno quindici anni, quindi mio papà l’ha portato a casa quando aveva 2 settimane poverino era molto molto piccolo e ormai sono trascorsi 15 anni quindi come puoi immaginarti anche lui è abbastanza vecchio.

Perchè sai che ogni anno per un cane vuol dire come tipo 7 anni per noi.

Daniel: Allora avrà 300 anni adesso?

Alessandra: Sì non trecento però più meno diciamo comunque…beh diciamo che i miei comunque mi mancano perché sono a Roma, però ogni due tre mesi cerco, magari nel weekend,  di scendere a Roma in treno o con la macchina, e passo insieme a loro 2/3 giorni e poi torno qua perché alla fine qui lavoro e mi trovo bene sia dal punto di vista economico che dal punto di vista lavorativo.

E cerco di crearmi una vita qua, però alla fine la mia famiglia rimane sempre là.

Daniel: E qua a parte il lavoro cosa fai nel tempo libero Alessandra?

Alessandra: Diciamo che tempo libero non è che mi rimane tanto, ho solo il weekend a disposizione per fare magari la spesa, un po' di pulizie in casa e incontrare i miei amici.

In palestra vado ogni tanto, perché come ti dicevo prima a causa del lavoro che è molto molto impegnativo arrivo alla sera troppo stanca e sinceramente non riesco neanche a guardare un film dal principio alla fine. Rimane sempre il weekend per cui non posso dire che ho molto tempo a disposizione.

Daniel: Beh io lavoro fino alle 6 e mezzo di sera quindi verso le 8 sono in palestra una volta o due volte alla settimana dipende.

Faccio pesistica e tonificazione.

Alessandra: Ah bello interessante!

Fai per conto tuo o magari c’è un istruttore che ti ha fatto qualche programma di allenamento in base ai tuoi obiettivi?

Daniel: Faccio da solo!

Praticamente mi hanno fatto una scheda e io devo seguire quella scheda lì. Non sono mica capace a fare tutto da solo. Di là c’è gente che fa questo lavoro da una vita quindi sono sicuro che loro possono farmi vedere quello che è meglio per me.

Alessandra: Ma certo ovviamente!

Ma questa scheda, questo allenamento viene cambiato ogni tanto ? Perché penso che se fai due o tre volte alla settimana gli stessi tipi di esercizi ad un certo punto l’organismo si abitua quindi penso che queste persone che ti seguono ti cambiano ogni tanto l’allenamento.

Daniel: Sì per esempio il mese scorso avevo una scheda diversa, poi mi hanno detto che tra un mese e mezzo mi cambiano di nuovo la scheda.

Alessandra: Ho capito!

A parte questa attività di pesistica e tonificazione fai anche altre tipologie di attività come ad esempio cardio fitness?

Daniel: No!

Praticamente dopo vorrei anche andare in piscina ma non ho tanto tempo a disposizione. Penso che sabato o domenica vado a vedere che prezzi ci sono.

Alessandra: E hai qualche piscina che ti piace di più oppure ti ha detto qualcuno, ti ha fatto qualche riferimento, qualche passaparola positivo di qualche piscina perché sai devi essere molto attento quando fai una scelta di questo tipo non solo in base ai prezzi.

Daniel: Sì sì hai ragione!

Ho qualche amico che va in piscina e mi ha detto che sembra molto pulito e la gente è in gamba quindi vado a vedere, a provare, insomma, quella piscina lì poi se non mi piace vado da un’altra parte.

Alessandra: Certo!

Ovviamente visto che comunque in questa grande città ci sono tanti club, tanti centri benessere che hanno anche la piscina.

Daniel:Certo!

Alessandra: E ti piacerebbe fare nuoto oppure vorresti fare attività proprio in acqua tipo aqua gym, aqua pilates o solo nuoto?

Daniel: Devo vedere!

Non sono sicuro cosa vorrei fare!

Alessandra: A proposito di nuoto!

Ti ricordi Francesco Vettore che era con noi alle elementari?

Daniel: Francesco Vettore?

Ah sì quel ragazzino piccolo, biondino che era sempre per conto suo?

Alessandra: Ah proprio quello!

L’ho incontrato il mese scorso, allena la squadra nazionale di nuoto per la fascia di età sotto i quindici anni. Suo figlio Marco Vettore...

Daniel: Ah Marco Vettore che ha vinto gli Europei due anni fa…

Alessandra: Eh sì proprio quello!

Ha vinto gli europei e poi una squadra statunitense gli ha offerto un contratto per più di 500.000 mila euro all’anno!

Daniel: Incredibile, 500.000 mila euro sono tanti soldi, Beato lui!

Alessandra: Comunque comincerà gli allenamenti tra poche settimane e ha accettato l’offerta solo se il suo papà fosse incluso nel contratto come suo allenatore principale.

Daniel: Penso che Francesco sarà molto soddisfatto del suo lavoro!

Alessandra: Ovviamente è un grande passo avanti per la sua carriera.

E poi sai per Marco è la cosa più bella che potrebbe capitare ad un ragazzino di 15 anni, firmare un contratto del genere e avere accanto suo papà come allenatore. Comunque mi ha lasciato il suo recapito telefonico e ci sentiremo per un eventuale viaggio negli Stati Uniti.

Daniel: Sarebbe bello un viaggio negli Stati Uniti.

Anche perché la mia fidanzata ha sempre voluto farne uno sull’altro continente quindi se avete pianificato qualcosa fatemi sapere perché io sono veramente interessato, forse potremmo andare insieme!

Alessandra: E certo!

Sarebbe carino fare un viaggio del genere in coppia. A noi piacerebbe visitare Las Vegas, però il mio fidanzato, sai, ha sempre sognato di vedere le cascate del Niagara.

Daniel: Ah quasi dimenticavo.

Devo dirti una cosa.

Alessandra: Dimmi pure!

Daniel: Tu potresti venire con il tuo fidanzato domenica alla festa di compleanno della mia fidanzata?

Alessandra: Certo!

Ci farebbe piacere venire alla festa, ma dove volete festeggiare il compleanno? Avete scelto qualche locale o festeggiate a casa?

Daniel: Faremo al ristorante/pizzeria, poi andiamo a casa nostra e ci guardiamo il nuovo film che abbiamo comprato in dvd.

Alessandra: Ah che bello!

Sono sicura che sarà una serata divertentissima.

Daniel: Tra l’altro non siamo in tanti, siamo solo sei persone.

Quindi mi farebbe veramente piacere la vostra compagnia.

Alessandra: Grazie per l’invito.

E comunque se per caso  cambia qualcosa e non possiamo venire ci sentiamo al telefono giovedì o venerdì, intanto ti dico sicuramente che possiamo venire alla festa, va bene?

Daniel: Va bene, non preoccuparti!

Ascolta ma tu abiti con il tuo fidanzato vicino alla stazione, giusto?

Alessandra: Sì! Ancora per poco perché in realtà dobbiamo cambiare casa. Abbiamo trovato un appartamento più grande e in una zona molto più bella vicino al centro storico, più vicino al mio lavoro.

Daniel: Sai cosa?

Posso mandare Giuseppe a prendervi perché lui abita vicino alla stazione   quindi può benissimo darvi un passaggio fino al ristorante e poi vi porta lui a casa alla fine.

Alessandra: Si sarebbe bello!

Allora ci vediamo alla festa domenica. Salutami la tua fidanzata!

×

We use cookies to help make LingQ better. By visiting the site, you agree to our cookie policy.