×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

LearnAmo (Grammar), CONGIUNTIVO IMPERFETTO e TRAPASSATO italiano (verbi irregolari, modali, ausiliari) Learn Italian #2

CONGIUNTIVO IMPERFETTO e TRAPASSATO italiano (verbi irregolari, modali, ausiliari) Learn Italian #2

Ciao a tutti!

Spero siate carichi, perché oggi continuiamo a parlare di congiuntivo, uno dei più grandi

problemi per chi studia l'italiano.

Il congiuntivo è il modo verbale della soggettività, quindi quello che ci consente di esprimere:

opinioni, dubbi, stati d'animo, desideri, insomma tutto ciò che riguarda il nostro

mondo interiore.

Come saprete il congiuntivo consta di quattro tempi: presente, passato, imperfetto, trapassato.

Nel nostro video precedente, sulla morfologia del congiuntivo, ci siamo occupati di presente

e passato, oggi invece impariamo a formare l'imperfetto congiuntivo ed il trapassato.

Ma procediamo con ordine, quindi partiamo proprio dall'imperfetto dei nostri due ausiliari:

“essere”, “avere”.

Per quanto riguarda il verbo essere: che io fossi, che tu fossi , che lui/ lei fosse, che

noi fossimo, che voi foste, che loro fossero.

“Pensavo che foste fratelli gemelli”. Avere: che io avessi, che tu avessi, che lui/ lei

avesse, che noi avessimo, che voi aveste, che loro avessero.

“Pensavo che tu avessi una casa a Milano”.

Piccola particolarità per riconoscere il tempo imperfetto congiuntivo sono le due “s”,

nella maggior parte dei verbi all'imperfetto congiuntivo troverete le due “s”.

Vediamo invece cosa succede con i verbi che terminano in “-are”.

Questi verbi, all'imperfetto congiuntivo, prendono queste desinenze, e quindi basterà

vedere questo esempio: il verbo “parlare”, un verbo regolare.

Basta prendere la radice e aggiungere le nostre desinenze, ad esempio: “non ero sicura che

parlassero giapponese”.

Però non dobbiamo dimenticarci dei nostri verbi irregolari che, come vedete, sono: “fare”,

“stare” e “dare” che prendono delle desinenze diverse, come vedete, di solito

c'è la “-a”, ma “fare”, “stare” e “dare” prendono una “-e”, le desinenze

con la “-e”.

Quindi, fate molta attenzione!

In più “fare” cambia, come sempre, la radice prendendo una “-c” per tutte

le persone: “non sapevo che faceste anche i dolci!”.

Sicuramente vi ricorderete che manca un irregolare, un verbo in “-are” che al presente congiuntivo

era irregolare e cioè “andare”.

Andare invece non fa eccezione al tempo imperfetto congiuntivo.

Buono, no?

Per quanto riguarda invece i verbi in “-ere”, queste qui sono le desinenze dell'imperfetto

congiuntivo, da aggiungere alla radice del verbo come, per esempio, il verbo correre,

quindi molto semplice: “non so chi corresse più veloce tra i partecipanti”.

Per quanto riguarda, invece, i verbi irregolari in “-ere”, per fortuna, ci rimane soltanto

“bere” che prende, come sempre, una radice differente, prenderà una “-v” prima delle desinenze:

“pensavo che non bevessero alcolici”.

Quindi, per fortuna, ragazzi, all'imperfetto congiuntivo i verbi regolari diminuiscono.

E cosa succede ai verbi che terminano in “-ire?”

Saranno solo queste le desinenze dell'imperfetto congiuntivo, sia per i verbi come “partire”

che per i verbi come “finire”.

Vi ricordate che al presente congiuntivo c'era la distinzione?

Benissimo!

All'imperfetto non c'è più e quindi, come vedete, “partire” e “finire” hanno,

praticamente, le stesse desinenze: “pensavo che partiste dall'albergo soltanto nel pomeriggio”.

Però anche i verbi in “-ire” hanno qualche verbo irregolare all'imperfetto congiuntivo,

come per esempio: “dire” che, come vedete, cambia, come sempre, la radice prendendo una

“c” prima delle desinenze, desinenze che prendono effettivamente una “e” e

non, come di solito succede, una “i”.

Per quanto riguarda, invece, i verbi modali questi, per fortuna, all'imperfetto congiuntivo

sono piuttosto regolari, quindi, come sempre, radice, che nel caso di potere sarà “pot-”,

di “volere” → “vol-”, di “dovere” → “dov-” e di “sapere” → “sap-”

con l'aggiunta delle desinenze dei verbi in “-ere”, appunto : “non sapevo che volessero

cambiare casa”.

Per quanto riguarda, invece, la formazione del trapassato congiuntivo, per fortuna, anche

se sembra un parolone, è molto semplice, basterà utilizzare l'imperfetto congiuntivo

dell'ausiliare, e dunque “essere” o “avere”, più (+) il participio passato del verbo.

Vediamo subito che cosa succede ai nostri ausiliari, quindi “essere” e “avere”.

Ricordate sempre che “essere” prende “essere” come ausiliare, mentre “avere” prende “avere”

e, quindi, molto semplice come vedete, imperfetto congiuntivo dell'ausiliare e participio passato.

Anche qui stessa cosa soltanto non dimenticate che, quando utilizzate l'ausiliare “essere”,

dovete accordare il participio passato al genere e al numero del soggetto: “pensava

che fossimo stati noi a mandargli il messaggio”, quindi "stati" perché “noi” è, appunto,

plurale, “pensava che tu avesi avuto fortuna a trovare la strada giusta”.

Ecco qui invece degli esempi di due verbi al trapassato congiuntivo: uno “andare”

con ausiliare “essere”, l'altro “fare” con ausiliare “avere”, ed ecco qui un esempio:

“pensavamo che tu avessi fatto domanda per entrare nell'arma”, quindi, in questo

caso, il participio non cambia perché l'ausiliare è “avere”, invece, con ausiliare “essere”

dovremmo accordarlo.

E, a proposito del nostro amato-odiato congiuntivo, non perdetevi tutti gli altri nostri video

su come formare il presente ed il passato congiuntivo ma, soprattutto, quando usare

e quando non usare il congiuntivo e un'altra cosa molto importante che prende il nome di

“consecutio temporum”, dove vi insegneremo ad utilizzare i giusti tempi verbali dell'indicativo

e del congiuntivo, perché, a volte, si può fare confusione.

Troverete tutti i link nella descrizione di questo video!

Allora per oggi la nostra lezione finisce qui, però, se volete la spiegazione scritta

e tutti gli esercizi su questo argomento, andate sul nostro sito www.learnamo.com, troverete

il link diretto nella descrizione, inoltre per qualsiasi dubbio o richieste per nuovi

video mandateci una mail a info@learnamo.com. Se il video vi è piaciuto lasciate un mi

piace e iscrivetevi al nostro canale youtube.

Inoltre, continuate a seguirci anche su Facebook, Instagram e Twitter per tante novità!

And guys if you think your italian isn't so good, you can even send us an email or a message

in English and Spanish or German or French, we will answer in no time.

Cosa aspettate?

Ciao!


CONGIUNTIVO IMPERFETTO e TRAPASSATO italiano (verbi irregolari, modali, ausiliari) Learn Italian #2 SUBJONCTIF IMPARFAIT et ITALIEN PASSÉ (verbes irréguliers, modaux, auxiliaires) Apprendre l'italien # 2

Ciao a tutti! Hi everyone!

Spero siate carichi, perché oggi continuiamo a parlare di congiuntivo, uno dei più grandi I hope you are ready, because today we'll continue to talk about the subjunctive, one of the biggest J'espère que vous êtes excité, car aujourd'hui nous continuons à parler du subjonctif, l'un des plus grands

problemi per chi studia l'italiano. problems for those who study Italian.

Il congiuntivo è il modo verbale della soggettività, quindi quello che ci consente di esprimere: The subjunctive is the mood of subjectivity, therefore it's the one that allows us to express: Le subjonctif est le mode verbal de la subjectivité, donc celui qui permet d'exprimer :

opinioni, dubbi, stati d'animo, desideri, insomma tutto ciò che riguarda il nostro opinions, doubts, moods, desires, in short everything about our

mondo interiore. inner world.

Come saprete il congiuntivo consta di quattro tempi: presente, passato, imperfetto, trapassato. As you know the subjunctive consists of four tenses: present, past, imperfect, past perfect. Comme vous le savez, le subjonctif est composé de quatre temps : présent, passé, imparfait, passé.

Nel nostro video precedente, sulla morfologia del congiuntivo, ci siamo occupati di presente In our previous video, on the morphology of the subjunctive, we have dealt with the present

e passato, oggi invece impariamo a formare l'imperfetto congiuntivo ed il trapassato. and past, today instead we will learn to form the subjunctive imperfect and the past perfect. et passé, nous apprenons aujourd'hui à former l'imparfait du subjonctif et le passé.

Ma procediamo con ordine, quindi partiamo proprio dall'imperfetto dei nostri due ausiliari: But let's proceed with order, so let's just start by the imperfect of our two auxiliaries:

“essere”, “avere”. “essere”, “avere”.

Per quanto riguarda il verbo essere: che io fossi, che tu fossi , che lui/ lei fosse, che As for the verb essere: che io fossi, che tu fossi , che lui/ lei fosse, che Quant au verbe être : que j'étais, que tu étais, qu'il/elle était, que

noi fossimo, che voi foste, che loro fossero. noi fossimo, che voi foste, che loro fossero.

“Pensavo che foste fratelli gemelli”. Avere: che io avessi, che tu avessi, che lui/ lei "I thought you were twin brothers". Avere: che io avessi, che tu avessi, che lui/ lei

avesse, che noi avessimo, che voi aveste, che loro avessero. avesse, che noi avessimo, che voi aveste, che loro avessero.

“Pensavo che tu avessi una casa a Milano”. "I thought you had a house in Milan".

Piccola particolarità per riconoscere il tempo imperfetto congiuntivo sono le due “s”, A small peculiarity to recognize the subjunctive imperfect tense is the two "s",

nella maggior parte dei verbi all'imperfetto congiuntivo troverete le due “s”. in most of the verbs in the subjunctive imperfect you will find the two "s".

Vediamo invece cosa succede con i verbi che terminano in “-are”. Let's see instead what happens with verbs that end in "-are".

Questi verbi, all'imperfetto congiuntivo, prendono queste desinenze, e quindi basterà These verbs, in the imperfect subjunctive, take these endings, and therefore it will be enough

vedere questo esempio: il verbo “parlare”, un verbo regolare. to see this example: the verb "parlare", a regular verb.

Basta prendere la radice e aggiungere le nostre desinenze, ad esempio: “non ero sicura che Remove the root and add our endings, for example: "I wasn't sure that

parlassero giapponese”. they spoke Japanese". parlait japonais ".

Però non dobbiamo dimenticarci dei nostri verbi irregolari che, come vedete, sono: “fare”, But we mustn't forget our irregular verbs which, as you can see, are: "fare",

“stare” e “dare” che prendono delle desinenze diverse, come vedete, di solito "stare" and "dare" that take different endings, as you can see, usually

c'è la “-a”, ma “fare”, “stare” e “dare” prendono una “-e”, le desinenze there is "-a", but "fare", "stare" and "dare" take "-e", the endings

con la “-e”. with "-e".

Quindi, fate molta attenzione! So be very careful!

In più “fare” cambia, come sempre, la radice prendendo una “-c” per tutte In addition "fare" changes, as always, the root taking "-c" for all

le persone: “non sapevo che faceste anche i dolci!”. persons: "I didn't know you made sweets as well!".

Sicuramente vi ricorderete che manca un irregolare, un verbo in “-are” che al presente congiuntivo Of course, you will remember that in the present subjunctive in -ARE there was another irregular

era irregolare e cioè “andare”. which was "andare".

Andare invece non fa eccezione al tempo imperfetto congiuntivo. However, ANDARE is not irregular in the imperfect subjunctive tense.

Buono, no? That's good, isn't it?

Per quanto riguarda invece i verbi in “-ere”, queste qui sono le desinenze dell'imperfetto As for the verbs in "-ere", these are the endings of the imperfect subjunctive,

congiuntivo, da aggiungere alla radice del verbo come, per esempio, il verbo correre, they must be added to the root of the verb as, for example, in the verb correre,

quindi molto semplice: “non so chi corresse più veloce tra i partecipanti”. so very simple: "I don't know who ran faster among the participants".

Per quanto riguarda, invece, i verbi irregolari in “-ere”, per fortuna, ci rimane soltanto As regards, instead, irregular verbs in "-ere", fortunately, there is only

“bere” che prende, come sempre, una radice differente, prenderà una “-v” prima delle desinenze: "bere" which, as always, takes a different root: "-v" before the endings.

“pensavo che non bevessero alcolici”. "I thought they didn't drink alcohol".

Quindi, per fortuna, ragazzi, all'imperfetto congiuntivo i verbi regolari diminuiscono. So, fortunately, guys, regular verbs diminish in the subjunctive imperfect.

E cosa succede ai verbi che terminano in “-ire?” And what happens to verbs that end in "-ire?"

Saranno solo queste le desinenze dell'imperfetto congiuntivo, sia per i verbi come “partire” These are the endings in the imperfect subjunctive, both for verbs such as "partire"

che per i verbi come “finire”. and for verbs like "finire".

Vi ricordate che al presente congiuntivo c'era la distinzione? Do you remember that in the subjunctive present there was a distinction?

Benissimo! Very well!

All'imperfetto non c'è più e quindi, come vedete, “partire” e “finire” hanno, There is no distinction in the imperfect and therefore, as you can see, "partire" and "finire" have,

praticamente, le stesse desinenze: “pensavo che partiste dall'albergo soltanto nel pomeriggio”. basically, the same endings: "I thought you were going to leave the hotel in the afternoon".

Però anche i verbi in “-ire” hanno qualche verbo irregolare all'imperfetto congiuntivo, But even verbs in "-ire" have some irregular verbs in the imperfect subjunctive,

come per esempio: “dire” che, come vedete, cambia, come sempre, la radice prendendo una for example: "dire" that, as you can see, changes, as always, the root taking one

“c” prima delle desinenze, desinenze che prendono effettivamente una “e” e "c" before the endings, endings that actually take "e" and

non, come di solito succede, una “i”. not, as it usually happens, "i".

Per quanto riguarda, invece, i verbi modali questi, per fortuna, all'imperfetto congiuntivo As far as modal verbs goes, these, fortunately, in the imperfect subjunctive

sono piuttosto regolari, quindi, come sempre, radice, che nel caso di potere sarà “pot-”, are rather regular, therefore, as always, root, which in the case of potere will be "pot-",

di “volere” → “vol-”, di “dovere” → “dov-” e di “sapere” → “sap-” of "volere" → "vol-", of "dovere" → "dov-" and "sapere" → "sap-"

con l'aggiunta delle desinenze dei verbi in “-ere”, appunto : “non sapevo che volessero with the addition of the verb endings in "-ere", in fact: "I didn't know that they wanted to

cambiare casa”. change house".

Per quanto riguarda, invece, la formazione del trapassato congiuntivo, per fortuna, anche As regards, instead, the formation of the subjunctive past perfect, fortunately, even

se sembra un parolone, è molto semplice, basterà utilizzare l'imperfetto congiuntivo if it seems a big word, it's very simple, just use the imperfect subjunctive

dell'ausiliare, e dunque “essere” o “avere”, più (+) il participio passato del verbo. of the auxiliary, and therefore "essere" or "avere", plus (+) the past participle of the verb.

Vediamo subito che cosa succede ai nostri ausiliari, quindi “essere” e “avere”. Let's see immediately what happens to our auxiliaries, so "essere" and "avere".

Ricordate sempre che “essere” prende “essere” come ausiliare, mentre “avere” prende “avere” Always remember that "essere" takes "essere" as auxiliary, while "avere" takes "avere"

e, quindi, molto semplice come vedete, imperfetto congiuntivo dell'ausiliare e participio passato. and, therefore, very simple as you can see, imperfect subjunctive of the auxiliary and past participle.

Anche qui stessa cosa soltanto non dimenticate che, quando utilizzate l'ausiliare “essere”, Even here, just don't forget that when you use the auxiliary "essere",

dovete accordare il participio passato al genere e al numero del soggetto: “pensava you must agree the past participle to the gender and number of the subject: "he thought

che fossimo stati noi a mandargli il messaggio”, quindi "stati" perché “noi” è, appunto, that we were the ones to send him the message", so "stati'' because "noi" is

plurale, “pensava che tu avesi avuto fortuna a trovare la strada giusta”. plural, "he thought that you had luck to find the right path".

Ecco qui invece degli esempi di due verbi al trapassato congiuntivo: uno “andare” Here instead some examples of two verbs for the past perfect subjunctive: "andare"

con ausiliare “essere”, l'altro “fare” con ausiliare “avere”, ed ecco qui un esempio: with auxiliary "essere", the other "fare" with auxiliary "avere", and here is an example:

“pensavamo che tu avessi fatto domanda per entrare nell'arma”, quindi, in questo "We thought that you had applied to join the army", then, in this

caso, il participio non cambia perché l'ausiliare è “avere”, invece, con ausiliare “essere” case, the participle doesn't change because the auxiliary is "avere", instead, with auxiliary "essere"

dovremmo accordarlo. we should make it agree.

E, a proposito del nostro amato-odiato congiuntivo, non perdetevi tutti gli altri nostri video And, speaking of our beloved and hated subjunctive, don't miss all our other videos

su come formare il presente ed il passato congiuntivo ma, soprattutto, quando usare on how to form the subjunctive present and past but, above all, when to use

e quando non usare il congiuntivo e un'altra cosa molto importante che prende il nome di and when not to use the subjunctive and another very important thing that takes the name of

“consecutio temporum”, dove vi insegneremo ad utilizzare i giusti tempi verbali dell'indicativo “consecutio temporum”, where we will teach you to use the right tenses of the indicative

e del congiuntivo, perché, a volte, si può fare confusione. and the subjunctive, because sometimes you can get confused.

Troverete tutti i link nella descrizione di questo video! You will find all the links in the description of this video!

Allora per oggi la nostra lezione finisce qui, però, se volete la spiegazione scritta Well, our lesson ends here for today, however, if you want the written explanation

e tutti gli esercizi su questo argomento, andate sul nostro sito www.learnamo.com, troverete and all the exercises on this topic, go to our website www.learnamo.com, you will find

il link diretto nella descrizione, inoltre per qualsiasi dubbio o richieste per nuovi the direct link in the description, also for any doubt or requests for new

video mandateci una mail a info@learnamo.com. Se il video vi è piaciuto lasciate un mi videos, send us an email to info@learnamo.com. If you liked the video, leave a like

piace e iscrivetevi al nostro canale youtube. and subscribe to our YouTube channel.

Inoltre, continuate a seguirci anche su Facebook, Instagram e Twitter per tante novità! Also, continue to follow us on Facebook, Instagram and Twitter for a lot of news!

And guys if you think your italian isn't so good, you can even send us an email or a message And guys if you think your Italian isn't so good, you can even send us an email or a message

in English and Spanish or German or French, we will answer in no time. in English and Spanish or German or French, we will answer in no time.

Cosa aspettate? What are you waiting for?

Ciao! Bye!