×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

LearnAmo (Grammar), Come e quando usare il CONGIUNTIVO italiano! - How and When to Use SUBJUNCTIVE Italian #3

Come e quando usare il CONGIUNTIVO italiano! - How and When to Use SUBJUNCTIVE Italian #3

Ciao a tutti! Come va? Continua, oggi, il nostro viaggio alla scoperta del congiuntivo

in italiano. Dopo aver imparato a formare tutti e quattro i tempi del congiuntivo, con

i nostri due magnifici video, vi sarete chiesti: “ma quando devo usarlo questo congiuntivo?

Ma come devo usarlo?” Benissimo! Ve lo svelo subito con questo video. Allora, dovete sapere

che in italiano il congiuntivo può essere usato sia in frasi subordinate, quindi che

dipendono da altre frasi, che in frasi principali, cioè in frasi autonome. Ma prima di correre

via a gambe levate come questo omino, vedete il nostro video, tutto sarà più semplice.

Partiamo dall'inizio e dunque dal congiuntivo utilizzato in frasi subordinate quindi, come

dicevo prima, che dipendono da un'altra frase. In queste frasi subordinate il congiuntivo

è quasi sempre introdotto da “che” o da “se”. Ma vediamo un po' quando si usa.

Allora, innanzitutto, lo dobbiamo utilizzare insieme ai verbi che esprimono un'opinione

personale, quindi: “credere”, “pensare”, “ritenere”, “supporre”, “immaginare”,

“avere l'impressione” CHE... . “Credo che faccia molto freddo oggi”, “pensi

che questo vestito mia stia bene?”, “Sara ha l'impressione che il fidanzato la tradisca”,

quindi tutte opinioni personali. Ma andiamo avanti. Utilizziamo il congiuntivo insieme

a verbi che esprimono volontà, desiderio: “volere”, “desiderare”, “preferire”,

“gradire” CHE... e così via. “Vuole che io vada a casa sua stasera”, “Desidero

che Marco venga a chiedermi scusa”, “Preferiamo che voi parliate di meno”, quindi sono tutti

desideri. Ancora, utilizziamo il congiuntivo insieme a verbi che esprimono speranza, quindi:

"sperare", “augurarsi”, “aspettarsi” CHE... o paura: “temere”, “aver paura”

CHE... , quindi 2 sentimenti. “Spero che questo brutto periodo finisca presto”, “Francesca

si augura che suo figlio si laurei in estate”, “Temo che tu abbia la febbre: scotti!", “Ho

paura che non riescano a venire stasera”. Ancora, utilizziamo il congiuntivo insieme

a verbi che esprimono: incertezza, dubbio, irrealtà, quindi, chiaramente, l'opposto dell'indicativo

che, invece, esprime fatti certi, sicuri e reali. Quindi, chiaramente, lo utilizzeremo

questo congiuntivo con verbi come: “Non essere sicuri (o certi)”, o “dubitare”,

“fingere” CHE... o “non sapere”, “ignorare” SE... . “Non sono certa che sia la scelta

migliore”, “Dubiti che io ne sia capace?”, “Non sappiamo se stiano scherzando o siano

seri”. E, ancora, insieme a verbi che esprimono stati d'animo, quindi: “essere felice”,

“essere contento”, “far piacere” o “dispiacere”, “rallegrasi” CHE...

quindi tutti stati d'animo, quando siamo felici tristi e così via. “Sono felice

che tu sia qui”, “Mi fa piacere che tu sia qui”, “Mi dispiace che lui non abbia

avuto il coraggio di parlare”. Ma, fate molta attenzione! Quando il congiuntivo si

trova in frasi subordinate, e dunque dipendenti da altre frasi, valutate sempre il soggetto,

cioè il soggetto della frase principale e quello della frase subordinata: se essi sono

uguali, allora, non utilizziamo il congiuntivo, anche se il verbo della principale in genere

lo regge, ma andremo ad utilizzare l'infinito preceduto da “di”. Vediamo subito degli

esempi: “spero che tu raggiunga i tuoi obiettivi”, perfetto, utilizziamo il congiuntivo perché

“spero” regge il congiuntivo. Vediamo i soggetti: IO spero, soggetto della frase

principale, che TU raggiunga i tuoi obiettivi, soggetto della frase dipendente, dunque, come

vedete, i soggetti sono diversi. Ma se io voglio dire: “io spero che IO raggiunga

i miei obiettivi, quindi in questo caso, io spero che io, i soggetti sono uguali, pertanto

non possiamo utilizzare il congiuntivo, sarebbe quasi ridondante, superfluo, ma utilizziamo

l'infinito preceduto da “di”: “io spero di raggiungere i miei obiettivi”. Stessa

cosa qui: “credete che lui sia il migliore”, quindi VOI credete (soggetto uno) che LUI

sia il migliore (soggetto due), sono diversi → congiuntivo, ma “voi credete di essere

di essere i migliori”, cioè significa che VOI credete credete che VOI siate i migliori,

ma non ci serve il congiuntivo e quindi → infinito. Lei è contenta che voi siate venuti: lei

(soggetto uno) è contenta che VOI siate venuti (soggetto due) ma, se LEI è contenta che

LEI stessa sia venuta, allora, ancora una vota, infinito: “lei è contenta di essere

venuta”. Adesso, un'altra cosa molto importante che riguarda il verbo “sapere”. Allora,

dovete sapere, appunto, che questo verbo alla forma negativa esprime un'incertezza,

qualcosa su cui non si è sicuri e quindi regge il congiuntivo, ma alla forma affermativa

non esprime incertezza, tutto il contrario! Esprime certezza! Qualcosa su cui si è sicuri,

quindi non richiede il congiuntivo, ma l'indicativo, cioè il modo della certezza, della realtà

e della oggettività. Vediamo un po' degli esempi, io dirò: “non so se lei sia la

persona giusta per quel ruolo” (non lo so, non sono sicura), ma dirò: SO che lei è la

persona giusta per quel ruolo (ne sono sicura) → indicativo, “non sanno se lui abbia

ragione” (quindi hanno dei dubbi, non sono sicuri) ma diremo: SANNO che lui ha ragione

→ indicativo, perché ne sono sicuri, certi. Adesso vediamo, invece, il congiuntivo nelle

forme impersonali, quindi quando appunto il congiuntivo è introdotto da verbi impersonali

come, per esempio: “bisogna”, “occorre”, “vale la pena”, “può darsi”, “si

dice”, “pare”, “sembra” CHE... e così via, dunque tutti i verbi che non hanno

un soggetto, per intenderci: “occorre che tu ti faccia vedere da un medico per quella

ferita”, quindi verbo impersonale che regge appunto il congiuntivo, oppure: "si dice

che siate diventati ricchi”. Ancora, utilizziamo il congiuntivo con espressioni formate dal

verbo “essere” più un aggettivo o un avverbio, per esempio: “è importante”

oppure “giusto”, “strano”, “incredibile”, “male”, “bene”, un qualsiasi aggettivo

o avverbio CHE... “È bene che tu venga qui subito”, “È giusto che tutti paghino

per il loro errori”. Ancora, utilizziamo il congiuntivo con espressioni formate dal

verbo essere seguito da articolo e nome per esempio: “è un peccato”, “un'assurdità”,

“uno scandalo” CHE.. e così via : “È un peccato che Paolo debba partite proprio

ora”. Ancora, scopriamo che il congiuntivo si usa con congiunzioni come: “benché”,

“sebbene”, “nonostante”, “malgrado”, “purché”, “affinché”, “senza che”,

“come se”, “prima che”, “per quanto”, “a condizione che”, quindi tutte queste

reggono il congiuntivo: “nonostante sia giovane, lei non ama andare in discoteca”,

“puoi uscire a condizione che tu finisca prima i compiti”, “parla come se stesse ridendo”.

Oppure, utilizziamo il congiuntivo preceduto da pronomi come: “chiunque”, “comunque”,

“ovunque”, “qualsiasi”, “qualunque”, che esprimono, comunque, sempre una generalità

quindi, non siamo proprio precisi, ecco perché utilizziamo il congiuntivo: “chiunque dica

che non è vero, mente!”, “qualsiasi cosa tu faccia, sarà un successo!”. Ancora, utilizziamo

il congiuntivo con espressione come: “il più” o “il meno” qualcosa CHE..., “oppure

più/ meno di quanto” e così via; per esempio: “è la cosa più bella che mi potesse capitare”.

Ancora, utilizziamo il congiuntivo per esprimere domande indirette: “mi hanno chiesto se

tu fossi mia sorella”. Oppure dopo un pronome relativo, quando la cosa o la persona di cui

si parla non sono specificate, per esempio: “cerca un uomo che la faccia sentire una

principessa” oppure “quell'azienda assume solo gente che sia esperta”, come vedete

abbiamo CHE, quindi pronome relativo, ma stiamo parlando di persone, in questo caso, non specificate,

cioè lei sta cercando un uomo che la faccia sentire una principessa, ma sta parlando in

generale, non di una persona in particolare, proprio perché non l'ha ancora trovata. Stessa

cosa qui: "quell'azienda assume solo gente che sia esperta", ma si parla sempre in generale.

Utilizziamo ancora il congiuntivo nel periodo ipotetico di secondo e terzo tipo, quindi

introdotto da SE: “se fossi ricca, comprerei una villa a Cannes”, periodo ipotetico di

secondo tipo. “Se fossi stato sveglio, avresti sentito il campanello”, periodo ipotetico

di terzo tipo. Adesso, vediamo invece quando utilizziamo il congiuntivo in frasi principali,

quindi in maniera autonoma, in realtà è un uso un po' meno frequente del congiuntivo

in italiano ma, comunque, fa parte della nostra lingua, quindi dovete saperlo e, dovete sapere,

che utilizziamo in maniera autonoma il congiuntivo, per esempio, per esprimere una possibilità

o un dubbio: “che sia questa la fidanzata di Luca?” Non sono sicura, è possibile.

Oppure: “che stia mentendo a tutti noi?” Ho un dubbio. Ancora, utilizziamo il congiuntivo

in frasi autonome per esprimere un augurio: “possiate essere sempre felici come oggi"

(per esempio ad un matrimonio). Oppure per esprimere un desiderio, qualcosa che desidero:

“mi andasse tutto bene per una volta!”. Ma molto spesso, in questa forma, cioè per

esprimere un desiderio, il congiuntivo è introdotto da “magari”: “magari smettesse

di nevicare!”. Questo proprio per sottolineare il desiderio. Ma andiamo avanti. Possiamo

utilizzare il congiuntivo per esprimere: delle esortazioni, degli inviti, degli ordini,

delle concessioni e lo utilizziamo al posto dell'imperativo per la terza persona, singolare

plurale e di cortesia; per esempio: “non si preoccupi, risolviamo subito il suo problema”,

è un'esortazione a stare tranquilli e, come vedete, è utilizzato il congiuntivo per la

forma di cortesia. Oppure: “vengano qui e lo dicano a me di persona, che mi odiano”,

è un invito, li sto invitando a venire qui e a dirmi quello che devono dirmi, terza persona

plurale congiuntivo. “Vada via di qui!”. E' un ordine nella forma di cortesia. “Si

arrabbi pure, continuo ad avere ragione io”, una concessione, terza persona singolare.

Infine, utilizziamo il congiuntivo in maniera autonoma, anche per esprimere una sorpresa,

di solito, seguita da esclamazione: “sapessi quanta strada ho fatto per trovarti!”. Ma

a proposito di congiuntivo, non vi sarete mica persi tutti gli altri nostri video? Perché

abbiamo preparato per voi molti video interessanti sul congiuntivo e, quindi, su come formare

tutti e quattro i tempi del congiuntivo (presente, passato, imperfetto e trapassato). Oggi avete

imparato quando usare il congiuntivo, ma ci sono molti casi in cui non dovete usarlo!

Date un'occhiata a questi video. E, ancora, un'altra cosa molto interessante che è la

cosiddetta “consecutio temporum” dove impareremo insieme ad utilizzare i giusti

tempi verbali, sia dell'indicativo che del congiuntivo, in base a quello che volete comunicare.

Per tutti questi video troverete il link nella descrizione di questo video! Allora,

per oggi la nostra lezione finisce qui però, se volete la spiegazione scritta e tutti gli

esercizi su questo argomento, andate sul nostro sito www.learnamo.com, troverete il link diretto

nella descrizione, inoltre per qualsiasi dubbio o richieste per nuovi video mandateci una

mail a info@learnamo.com. Se il video vi è piaciuto lasciate un "mi piace" e iscrivetevi

al nostro canale youtube. Inoltre, continuate a seguirci anche su facebook, instagram e

twitter per tante novità! And guys if you think your italian isn't so good, you can even

send us an email or a message in English and Spanish or German or French, we will answer

in no time. Cosa aspettate? Ciao!


Come e quando usare il CONGIUNTIVO italiano! - How and When to Use SUBJUNCTIVE Italian #3

Ciao a tutti! Come va? Continua, oggi, il nostro viaggio alla scoperta del congiuntivo Hi everyone! How is it going? Today our journey to discover the subjunctive in Italian

in italiano. Dopo aver imparato a formare tutti e quattro i tempi del congiuntivo, con will continue. After learning to form all four tenses of the subjunctive, with

i nostri due magnifici video, vi sarete chiesti: “ma quando devo usarlo questo congiuntivo? our two great videos, you might wonder: "But when should I use this subjunctive?

Ma come devo usarlo?” Benissimo! Ve lo svelo subito con questo video. Allora, dovete sapere And how should I use it?” Very well! I'll tell you everything with this video. So you must know

che in italiano il congiuntivo può essere usato sia in frasi subordinate, quindi che that in Italian the subjunctive can be used both in subordinate clauses, so

dipendono da altre frasi, che in frasi principali, cioè in frasi autonome. Ma prima di correre depending on other clauses, and in main clauses, that is in independent clauses. But before running

via a gambe levate come questo omino, vedete il nostro video, tutto sarà più semplice. away like hell, like this little man, see this video till the end, everything will be easier.

Partiamo dall'inizio e dunque dal congiuntivo utilizzato in frasi subordinate quindi, come Let's start from the beginning and therefore from the subjunctive used in subordinate clauses, so, as

dicevo prima, che dipendono da un'altra frase. In queste frasi subordinate il congiuntivo I said before, depending on another clauses. In these subordinate clauses the subjunctive

è quasi sempre introdotto da “che” o da “se”. Ma vediamo un po' quando si usa. is almost always introduced by "che" or by "se". But let's see when it's used.

Allora, innanzitutto, lo dobbiamo utilizzare insieme ai verbi che esprimono un'opinione Well, first of all, we must use it together with verbs that express personal opinion,

personale, quindi: “credere”, “pensare”, “ritenere”, “supporre”, “immaginare”, for example: "credere", "pensare", "ritenere", "supporre", "immaginare",

“avere l'impressione” CHE... . “Credo che faccia molto freddo oggi”, “pensi "avere l'impressione" CHE... "I think it's very cold today", "do you think

che questo vestito mia stia bene?”, “Sara ha l'impressione che il fidanzato la tradisca”, that this dress of mine is good?", "Sara has got the impression that her boyfriend is cheating on her",

quindi tutte opinioni personali. Ma andiamo avanti. Utilizziamo il congiuntivo insieme so all personal opinions. But let's move on. We use the subjunctive together

a verbi che esprimono volontà, desiderio: “volere”, “desiderare”, “preferire”, with verbs that express will, desire: "volere", "desiderare", "preferire",

“gradire” CHE... e così via. “Vuole che io vada a casa sua stasera”, “Desidero "gradire" CHE... and so on. "He wants me to go to his house tonight", "I desire that

che Marco venga a chiedermi scusa”, “Preferiamo che voi parliate di meno”, quindi sono tutti Marco comes and apologize to me", "We prefer you talk less", so they are all

desideri. Ancora, utilizziamo il congiuntivo insieme a verbi che esprimono speranza, quindi: wishes. Also, we use the subjunctive together with verbs that express hope, so:

"sperare", “augurarsi”, “aspettarsi” CHE... o paura: “temere”, “aver paura” "sperare", “augurarsi”, “aspettarsi” CHE... o paura: “temere”, “aver paura”

CHE... , quindi 2 sentimenti. “Spero che questo brutto periodo finisca presto”, “Francesca CHE... so two feelings. "I hope this bad period ends soon", "Francesca

si augura che suo figlio si laurei in estate”, “Temo che tu abbia la febbre: scotti!", “Ho hopes her son will graduate in summer", "I'm afraid thar you have a fever: you are very hot!", "I

paura che non riescano a venire stasera”. Ancora, utilizziamo il congiuntivo insieme am afraid that they can't come tonight." Moreover, we use the subjunctive together

a verbi che esprimono: incertezza, dubbio, irrealtà, quindi, chiaramente, l'opposto dell'indicativo with verbs that express: uncertainty, doubt, unreality, so, of course, the opposite of the indicative

che, invece, esprime fatti certi, sicuri e reali. Quindi, chiaramente, lo utilizzeremo that, instead, expresses facts that are certain, sure and real. So, obviously, we will use the subjunctive

questo congiuntivo con verbi come: “Non essere sicuri (o certi)”, o “dubitare”, with verbs like: "Non essere sicuri (o certi)", or "dubitare",

“fingere” CHE... o “non sapere”, “ignorare” SE... . “Non sono certa che sia la scelta "fingere" CHE... or "non sapere", "ignorare" IF.... "I'm not sure it's the best choice'',

migliore”, “Dubiti che io ne sia capace?”, “Non sappiamo se stiano scherzando o siano "Do you doubt that I can?", "We don't know whether they are joking or they are

seri”. E, ancora, insieme a verbi che esprimono stati d'animo, quindi: “essere felice”, serious". We also use it together with verbs that express moods, for example: "essere felice",

“essere contento”, “far piacere” o “dispiacere”, “rallegrasi” CHE... "essere contento", "far piacere" or "dispiacere", "rallegrasi" CHE...

quindi tutti stati d'animo, quando siamo felici tristi e così via. “Sono felice so all moods, when we are happy, sad, and so on. "I'm happy

che tu sia qui”, “Mi fa piacere che tu sia qui”, “Mi dispiace che lui non abbia that you're here" ," I'm glad you're here ", "I'm sorry he didn't have

avuto il coraggio di parlare”. Ma, fate molta attenzione! Quando il congiuntivo si the courage to speak". But, be very careful! When the subjunctive is

trova in frasi subordinate, e dunque dipendenti da altre frasi, valutate sempre il soggetto, found in subordinate clauses, and therefore dependent on other clauses, you must always consider the subject,

cioè il soggetto della frase principale e quello della frase subordinata: se essi sono that is the subject of the main clause and the one of the subordinate clause: if they are

uguali, allora, non utilizziamo il congiuntivo, anche se il verbo della principale in genere the same, then, we don't use the subjunctive, even if the verb of the main clause usually

lo regge, ma andremo ad utilizzare l'infinito preceduto da “di”. Vediamo subito degli takes it, instead, we are going to use the infinitive preceded by "di". Let's see immediately some

esempi: “spero che tu raggiunga i tuoi obiettivi”, perfetto, utilizziamo il congiuntivo perché examples: "I hope you reach your goals", perfect, we use the subjunctive because

“spero” regge il congiuntivo. Vediamo i soggetti: IO spero, soggetto della frase "spero" takes the subjunctive. Let's see the subjects: IO spero, subject of the main sentence,

principale, che TU raggiunga i tuoi obiettivi, soggetto della frase dipendente, dunque, come che TU raggiunga i tuoi obiettivi, subject of the dependent phrase, therefore, as

vedete, i soggetti sono diversi. Ma se io voglio dire: “io spero che IO raggiunga you can see, the subjects are different. But if I want to say: "I hope that I reach

i miei obiettivi, quindi in questo caso, io spero che io, i soggetti sono uguali, pertanto my goals”, so in this case, “io spero che io”, the subjects are the same, therefore

non possiamo utilizzare il congiuntivo, sarebbe quasi ridondante, superfluo, ma utilizziamo we can't use the subjunctive, it would be redundant, superfluous, so we use

l'infinito preceduto da “di”: “io spero di raggiungere i miei obiettivi”. Stessa the infinitive preceded by "di": “io spero di raggiungere i miei obiettivi”. Same

cosa qui: “credete che lui sia il migliore”, quindi VOI credete (soggetto uno) che LUI thing here: "You believe that he is the best", so VOI credete (first subject) che LUI

sia il migliore (soggetto due), sono diversi → congiuntivo, ma “voi credete di essere sia il migliore (second subject), they are different → subjunctive, but “voi credete di essere

di essere i migliori”, cioè significa che VOI credete credete che VOI siate i migliori, i migliori”, this means that VOI credete credete che VOI siate i migliori,

ma non ci serve il congiuntivo e quindi → infinito. Lei è contenta che voi siate venuti: lei we don't need the subjunctive and therefore → infinitive. She is glad you came: lei

(soggetto uno) è contenta che VOI siate venuti (soggetto due) ma, se LEI è contenta che (first subject) è contenta che VOI siate venuti (second subject) but, if LEI è contenta che

LEI stessa sia venuta, allora, ancora una vota, infinito: “lei è contenta di essere LEI stessa sia venuta, then, once again, infinitive: “lei è contenta di essere

venuta”. Adesso, un'altra cosa molto importante che riguarda il verbo “sapere”. Allora, venuta”. Now, another thing very important concerning the verb "sapere". Well,

dovete sapere, appunto, che questo verbo alla forma negativa esprime un'incertezza, you must really know that this verb in the negative form expresses an uncertainty,

qualcosa su cui non si è sicuri e quindi regge il congiuntivo, ma alla forma affermativa something you aren't sure about and therefore takes the subjunctive, but in the affirmative form

non esprime incertezza, tutto il contrario! Esprime certezza! Qualcosa su cui si è sicuri, it doesn't express uncertainty, quite the opposite! It expresses certainty! Something you're sure about,

quindi non richiede il congiuntivo, ma l'indicativo, cioè il modo della certezza, della realtà therefore it doesn't require the subjunctive, but the indicative, which is the mood of certainty, of reality

e della oggettività. Vediamo un po' degli esempi, io dirò: “non so se lei sia la and of objectivity. Let's see some examples: “I don't know whether she is the

persona giusta per quel ruolo” (non lo so, non sono sicura), ma dirò: SO che lei è la right person for that role" (I don't know, I'm not sure), but I'll say: “I know she's the

persona giusta per quel ruolo (ne sono sicura) → indicativo, “non sanno se lui abbia right person for that role” (I'm sure) → indicative, "they don't know whether he is

ragione” (quindi hanno dei dubbi, non sono sicuri) ma diremo: SANNO che lui ha ragione right" (so they have doubts, they aren't sure) but we will say: They know that he is right

→ indicativo, perché ne sono sicuri, certi. Adesso vediamo, invece, il congiuntivo nelle → indicative, because they are sure, certain about it. Now let's see, instead, the subjunctive in the

forme impersonali, quindi quando appunto il congiuntivo è introdotto da verbi impersonali impersonal forms, so when the subjunctive is introduced by impersonal verbs

come, per esempio: “bisogna”, “occorre”, “vale la pena”, “può darsi”, “si like, for example: "bisogna", "occorre", "vale la pena", "può darsi", "si

dice”, “pare”, “sembra” CHE... e così via, dunque tutti i verbi che non hanno dice", "pare", "sembra" CHE... and so on, so all the verbs that don't have

un soggetto, per intenderci: “occorre che tu ti faccia vedere da un medico per quella a subject: "It's important that you see a doctor for that

ferita”, quindi verbo impersonale che regge appunto il congiuntivo, oppure: "si dice wound", so impersonal verb that takes the subjunctive, or: "They say

che siate diventati ricchi”. Ancora, utilizziamo il congiuntivo con espressioni formate dal that you have become rich". Moreover, we use the subjunctive with expressions formed by the

verbo “essere” più un aggettivo o un avverbio, per esempio: “è importante” verb "essere" plus an adjective or an adverb, for example: "è importante"

oppure “giusto”, “strano”, “incredibile”, “male”, “bene”, un qualsiasi aggettivo or "giusto", "strano", "incredibile", "male", "bene", any adjective

o avverbio CHE... “È bene che tu venga qui subito”, “È giusto che tutti paghino or adverb CHE... "you should come here immediately", "It's right that everyone pays

per il loro errori”. Ancora, utilizziamo il congiuntivo con espressioni formate dal for their mistakes". Also, we use the subjunctive with expressions formed by the

verbo essere seguito da articolo e nome per esempio: “è un peccato”, “un'assurdità”, verb “essere” followed by article and noun, for example: "It's a shame", "an absurdity",

“uno scandalo” CHE.. e così via : “È un peccato che Paolo debba partite proprio "a scandal" CHE.. and so on: "It's a shame that Paul must leave right

ora”. Ancora, scopriamo che il congiuntivo si usa con congiunzioni come: “benché”, now". Furthermore, we use the subjunctive with conjunctions like: "benché",

“sebbene”, “nonostante”, “malgrado”, “purché”, “affinché”, “senza che”, "sebbene", "nonostante", "malgrado", "purché", "affinché", "senza che",

“come se”, “prima che”, “per quanto”, “a condizione che”, quindi tutte queste "come se", "prima che", "per quanto", "a condizione che": all these conjunctions

reggono il congiuntivo: “nonostante sia giovane, lei non ama andare in discoteca”, take the subjunctive: "Despite being young, she doesn't like to go to disco",

“puoi uscire a condizione che tu finisca prima i compiti”, “parla come se stesse ridendo”. "You can go out on condition that you finish your homework first", "he speaks as if he was laughing".

Oppure, utilizziamo il congiuntivo preceduto da pronomi come: “chiunque”, “comunque”, Or, we use the subjunctive preceded by pronouns such as: "chiunque", "comunque",

“ovunque”, “qualsiasi”, “qualunque”, che esprimono, comunque, sempre una generalità "ovunque", "qualsiasi", "qualunque", which express always a generality

quindi, non siamo proprio precisi, ecco perché utilizziamo il congiuntivo: “chiunque dica therefore we aren't really precise, that's why we use the subjunctive: "any person that says that

che non è vero, mente!”, “qualsiasi cosa tu faccia, sarà un successo!”. Ancora, utilizziamo it's not right, lies!", "Whatever you do, it will be a success!". In addition, we use

il congiuntivo con espressione come: “il più” o “il meno” qualcosa CHE..., “oppure the subjunctive with expressions such as: "il più" or "il meno" something CHE..., oppure

più/ meno di quanto” e così via; per esempio: “è la cosa più bella che mi potesse capitare”. “più/meno di quanto" and so on; for example: "it's the best thing that could happen to me".

Ancora, utilizziamo il congiuntivo per esprimere domande indirette: “mi hanno chiesto se We use the subjunctive to ask indirect questions: "they asked me if

tu fossi mia sorella”. Oppure dopo un pronome relativo, quando la cosa o la persona di cui you were my sister". Or after a relative pronoun, when the thing or the person

si parla non sono specificate, per esempio: “cerca un uomo che la faccia sentire una we are talking about isn't specified, for example: "She looks for a man who would make her feel like a

principessa” oppure “quell'azienda assume solo gente che sia esperta”, come vedete princess" or "that company only employs people who are experts", as you can see

abbiamo CHE, quindi pronome relativo, ma stiamo parlando di persone, in questo caso, non specificate, we have CHE, so relative pronoun, but we are talking about people, in this case, unspecified,

cioè lei sta cercando un uomo che la faccia sentire una principessa, ma sta parlando in that is she is looking for a man who would make her feel like a princess, but she is talking in

generale, non di una persona in particolare, proprio perché non l'ha ancora trovata. Stessa general, not about a particular person, because she hasn't found him yet. Same

cosa qui: "quell'azienda assume solo gente che sia esperta", ma si parla sempre in generale. thing here: "that company only employs people who are experts", we are talking in general.

Utilizziamo ancora il congiuntivo nel periodo ipotetico di secondo e terzo tipo, quindi We also use the subjunctive in the second and third IF CLAUSES, so

introdotto da SE: “se fossi ricca, comprerei una villa a Cannes”, periodo ipotetico di introduced by SE: "if I were rich, I would buy a house in Cannes", second IF CLAUSE.

secondo tipo. “Se fossi stato sveglio, avresti sentito il campanello”, periodo ipotetico "If you has been awake, you would have heard the bell", third IF CLAUSE

di terzo tipo. Adesso, vediamo invece quando utilizziamo il congiuntivo in frasi principali, Now, let's see instead when we use the subjunctive in main sentences,

quindi in maniera autonoma, in realtà è un uso un po' meno frequente del congiuntivo so independently, this is slightly less frequent in Italian

in italiano ma, comunque, fa parte della nostra lingua, quindi dovete saperlo e, dovete sapere, but, anyway, it's part of our language, so you have to know it and, you have to know

che utilizziamo in maniera autonoma il congiuntivo, per esempio, per esprimere una possibilità that we use the subjunctive independently, for example, to express a possibility

o un dubbio: “che sia questa la fidanzata di Luca?” Non sono sicura, è possibile. or a doubt: "Might she be Luca's girlfriend?" I'm not sure, it's possible.

Oppure: “che stia mentendo a tutti noi?” Ho un dubbio. Ancora, utilizziamo il congiuntivo Or: "could he be lying to all of us?" I have doubt. Also, we use the subjunctive

in frasi autonome per esprimere un augurio: “possiate essere sempre felici come oggi" in independent sentences to express a wish: "I wish that you guys can always be happy like today"

(per esempio ad un matrimonio). Oppure per esprimere un desiderio, qualcosa che desidero: (for example at a wedding). Or to express a desire, something I want:

“mi andasse tutto bene per una volta!”. Ma molto spesso, in questa forma, cioè per "I hope that everything will turn out well!". But very often, in this form, that is to

esprimere un desiderio, il congiuntivo è introdotto da “magari”: “magari smettesse express a desire, the subjunctive is introduced by "magari": "I wish it stopped

di nevicare!”. Questo proprio per sottolineare il desiderio. Ma andiamo avanti. Possiamo snowing!". This is to underline the desire. But let's move on. We can

utilizzare il congiuntivo per esprimere: delle esortazioni, degli inviti, degli ordini, use the subjunctive to express: exhortations, invitations, orders,

delle concessioni e lo utilizziamo al posto dell'imperativo per la terza persona, singolare concessions and we use it instead of the imperative for the third person, singular

plurale e di cortesia; per esempio: “non si preoccupi, risolviamo subito il suo problema”, plural and courtesy; for example: "Don't worry, we'll solve your problem immediately",

è un'esortazione a stare tranquilli e, come vedete, è utilizzato il congiuntivo per la it's an exhortation to rest assured and, as you can see, the subjunctive is used for the

forma di cortesia. Oppure: “vengano qui e lo dicano a me di persona, che mi odiano”, courtesy form. Or: "they have to have the courage to come here and say in person that they hate me”

è un invito, li sto invitando a venire qui e a dirmi quello che devono dirmi, terza persona it's an invitation, I'm inviting them to come here and tell me what they have to tell me, third person

plurale congiuntivo. “Vada via di qui!”. E' un ordine nella forma di cortesia. “Si plural subjunctive. "Get out of here!" It's an order in the form of courtesy.

arrabbi pure, continuo ad avere ragione io”, una concessione, terza persona singolare. ''You can even get angry, I will continue to be right", a concession, third person singular.

Infine, utilizziamo il congiuntivo in maniera autonoma, anche per esprimere una sorpresa, Finally, we use the subjunctive independently also to express a surprise,

di solito, seguita da esclamazione: “sapessi quanta strada ho fatto per trovarti!”. Ma usually followed by an exclamation: "You have no idea how many kilometers I have walked to find you!". But

a proposito di congiuntivo, non vi sarete mica persi tutti gli altri nostri video? Perché speaking of the subjunctive, have you watched all our other videos? Because

abbiamo preparato per voi molti video interessanti sul congiuntivo e, quindi, su come formare we have prepared for you many interesting videos on the subjunctive and, so, on how to form

tutti e quattro i tempi del congiuntivo (presente, passato, imperfetto e trapassato). Oggi avete all four tenses of the subjunctive (present, past, imperfect and past perfect). Today you have

imparato quando usare il congiuntivo, ma ci sono molti casi in cui non dovete usarlo! learned when to use the subjunctive, but there are many cases where you mustn't use it!

Date un'occhiata a questi video. E, ancora, un'altra cosa molto interessante che è la Take a look at these videos. And, in addition, another very interesting thing that is the

cosiddetta “consecutio temporum” dove impareremo insieme ad utilizzare i giusti so-called "consecutio temporum" where we will learn together how to use the right

tempi verbali, sia dell'indicativo che del congiuntivo, in base a quello che volete comunicare. verb tenses, both of the indicative and the subjunctive, based on what you want to communicate.

Per tutti questi video troverete il link nella descrizione di questo video! Allora, For all these videos you will find the link in the description of this video! Well,

per oggi la nostra lezione finisce qui però, se volete la spiegazione scritta e tutti gli our lesson ends here for today, however, if you want the written explanation and all the

esercizi su questo argomento, andate sul nostro sito www.learnamo.com, troverete il link diretto exercises on this topic, go to our website www.learnamo.com, you will find the direct link

nella descrizione, inoltre per qualsiasi dubbio o richieste per nuovi video mandateci una in the description, also for any doubt or requests for new videos send us an

mail a info@learnamo.com. Se il video vi è piaciuto lasciate un "mi piace" e iscrivetevi email to info@learnamo.com. If you liked the video, leave a "like" and subscribe

al nostro canale youtube. Inoltre, continuate a seguirci anche su facebook, instagram e to our YouTube channel. Also, keep following us on Facebook, Instagram and

twitter per tante novità! And guys if you think your italian isn't so good, you can even Twitter for many new contents! And guys if you think your Italian isn't so good, you can even

send us an email or a message in English and Spanish or German or French, we will answer send us an email or a message in English and Spanish or German or French, we will answer

in no time. Cosa aspettate? Ciao! in no time. What are you waiting for? Bye!