image

M - Il figlio del secolo, M06: Il fascismo perde alle urne, la violenza divampa nelle strade

M06: Il fascismo perde alle urne, la violenza divampa nelle strade

Benito Mussolini Milano, 17 novembre 1919

Un cadavere in stato di putrefazione è stato ripescato nelle acque del naviglio. Pare si tratti di Benito Mussolini.

Due righe in cronaca. L'Avanti!, il giornale dei socialisti che lui ha diretto per anni, non ha concesso alla sua catastrofe più di due righe in cronaca. Ma due righe velenose. In prima pagina, sotto alla testata, a caratteri cubitali, si proclama invece il loro trionfo: “È nata l'Italia della rivoluzione!”

Nel minuscolo studio del direttore de Il Popolo d'Italia giunge dalla strada il vociare della folla accorsa ai suoi funerali. La salma di Mussolini viene portata in processione tra le vie sozze del Bottonuto. S'intonano a squarciagola canti funebri su stridenti frequenze di giubilo. Le puttane, provvisoriamente disoccupate a causa della cagnara che scoraggia i clienti, si affacciano disinibite alle soglie dei bordelli.

Nella sua miserabile stanzetta il Mussolini vivente si aggira con riflessi da belva in gabbia. La percorre in lungo e in largo ma non scorge nessuna breccia nel muro dell'ostilità universale. Ogni volta che qualcuno bussa alla porta, incassa la testa nelle spalle per ridurre la superficie corporea e si volta di scatto mosso dall'istinto della preda aggredita. Poi, non appena si accorge di avere un pubblico, fosse anche solo un fattorino, riguadagna la padronanza di sé e ostenta noncuranza. A chiunque si venga ad accertare sulle condizioni di salute del morto vivente concede qualche spacconata. “Voti ne abbiamo ottenuti pochi, sì, in compenso di revolverate ne abbiamo sparate parecchie.” O roba del genere. Sghignazza perfino quando gli riferiscono la battuta che già circola per Milano: “Con un maestro d'orchestra come Toscanini in lista, la sonata non poteva essere che eccezionale.”

La verità è che lo scacco per i fascisti è stato micidiale, lo smacco personale per lui che già s'immaginava come “il deputato di Milano” bruciante. Quelle del 16 novembre sono state elezioni “rosse”. Sui socialisti si sono rovesciati 1.834.792 voti, pari a 156 parlamentari eletti. Un risultato trionfale, un presagio di rivoluzione. L'insuccesso della lista fascista è stato, per proporzione inversa, totale: su circa 270.000 votanti della circoscrizione di Milano, i fascisti hanno raccolto soltanto 4657 voti. Mussolini ha ottenuto soltanto 2427 voti preferenziali. Nessuno dei candidati fascisti è stato eletto. Nessuno. Nemmeno lui. È stato un fiasco completo.

Agli altri mente ma alla moglie lo ha confessato: “Una sconfitta totale. Non abbiamo ottenuto nemmeno un seggio. In Galleria la gente si è scatenata contro di noi.” È stato costretto a chiamare Rachele per cercare di tranquillizzarla quando gli hanno riferito che il beffardo corteo funebre inscenato dai socialisti si era appostato anche sotto la loro casa in Foro Bonaparte. La gente gridava: “Ecco il cadavere di Mussolini” e picchiava sulla porta d'ingresso. Dietro alla sua bara, altri due feretri vuoti accoglievano idealmente le salme di Marinetti e di D'Annunzio. Rachele, a sua volta, gli ha confessato di essersi rifugiata in soffitta con i bambini. Pare che la piccola Edda sia stata colta da una crisi di nervi.

I visitatori, proprio come a un funerale, continuano ad affluire alla sede del giornale. Inutile cercare di tenere la porta chiusa. Quando in strada stanno seppellendo la tua ombra, la gente ti viene a cercare.

Per mostrarsi inalterato, lui si è fatto portare un bicchiere di latte. Siede al suo tavolino da lavoro nella stanza spoglia e manda a chiamare Arturo Rossato, un suo redattore, perché scriva in bella grafi a gli indirizzi del cardinale Ferrari e di Caldara, il sindaco socialista di Milano, da apporre a due pacchi rotondi avvolti in carta di giornale. Attorno alla scrivania, l'ambiente dà l'idea di un trasloco imminente. Sul muro si accampa soltanto una carta d'Italia con una bandierina tricolore appuntata in corrispondenza di Fiume. Sullo scrittorio campeggia, invece, soltanto il grosso bicchiere di latte e una vecchia monumentale pistola da furiere. Le grida dei socialisti dalla strada si alzano minacciose, Mussolini rimescola il latte con studiata lentezza, lo centellina, goccia dopo goccia, lo ripone e torna a mescolarlo. Le onde di bianco viscoso fanno contrasto con il metallo immobile, bruno, dell'arma:

“Urlano, gridano, fanno un finimondo di fracasso ma sopprimi i cravattoni, le bandiere e resta un branco di scemi. Non la faranno mai la rivoluzione. Se questi rivoluzionari a chiacchiere non pagano la loro cambiale, il popolino la protesterà e allora saranno pasticci… come si diceva in trincea. Ci sono vittorie che valgono come una sconfitta.”

Arturo Rossato, il redattore venuto a consegnare le buste con gli indirizzi, non può che acconsentire alle spacconate del capo con un moto impercettibile della testa. Dalla strada le urla dei socialisti salgono ancora di un'ottava.

“E non credere che vengano qui perché, vedi, io sono morto. Sono oramai un uomo senz'ombra.”

Benito Mussolini s'interrompe qualche secondo per lasciare al redattore il tempo di farsi invadere dallo sgomento. Rimescola il latte, poi riprende: “Mi hanno spacciato per morto ma proprio per questo loro sanno che, se vengono su, con questa pistola almeno un paio li atterro. E a Milano, se non lo sai, non ci sono fra gli iscritti al Partito socialista due, dico due eroi che sappiano affrontare il pericolo. Un branco di scemi. Sono un branco di scemi. Perciò… io bevo il latte.”

Dal piano dell'amministrazione sale Arnaldo Mussolini. Contrariamente alle sue abitudini di uomo mite, è infuriato con suo fratello:

“Ma allora sei un delinquente, un autentico criminale!” Arnaldo urla senza preoccuparsi di farsi sentire dall'intera redazione, poi si prende la testa fra le mani. I due involucri destinati al vescovo e al sindaco di Milano contengono due bombe Sipe. Benito Mussolini ha pensato bene di inviarle come ritorsione per la sconfitta subita. Gli indirizzi, scritti dalla mano del redattore, dovrebbero sviare le indagini degli inquirenti.

“Vale più una bomba di cento comizi.”

È lo slogan che il giovane agitatore spiritato sparava nelle piazze incandescenti di Romagna ai tempi in cui predicava la rivoluzione socialista, un suo vecchio cavallo di battaglia. Ora l'uomo maturo, direttore di un giornale a tiratura nazionale, mentre giù in strada i suoi vecchi compagni sputano sul fantoccio del suo cadavere, ha pronunciato quello stesso vecchio slogan con voce piana, senza tradire la minima emozione, a beneficio dell'intera redazione e degli Arditi di guardia richiamati dalle urla di Arnaldo. Poi Benito Mussolini, il bombarolo, è tornato a rimestare lentamente il cucchiaino di alluminio nel suo latte. Non c'è più niente da vedere. Lo spettacolo è finito.

Mentre la piccola folla rifluisce lungo le scale del ballatoio, Albino Volpi prende Arnaldo da parte. Non c'è motivo di preoccuparsi – lo rassicura. Una bomba Sipe spedita in un pacco postale, per caratteristiche d'innesco e detonazione, non rappresenta alcun pericolo.

Il gesto di un esaltato Un corteo socialista si era soffermato in via S. Damiano, sotto le finestre dell'Avanti!, ad acclamare ad un discorso di Serrati inneggiando al socialismo. Il corteo si ricomponeva e si rimetteva in moto quando, secondo il primo racconto, uno sconosciuto, dall'altezza del ponte di ghisa, lanciò verso la testa del corteo un oggetto che, toccando il suolo, esplose; le schegge, dalla distanza di venti o trenta metri, investirono i primi dimostranti. Tra il panico che seguì si levarono dai caduti grida di dolore e i compagni dei feriti provvedevano a soccorrerli mentre qualcuno tentava di inseguire lo sconosciuto perdutosi subito nell'oscurità… Il gesto sconsigliato di un esaltato, il quale pare si sia servito di un petardo Thévenot, sollevò, appena conosciuto, generale indignazione.

Corriere della Sera, 18 novembre 1919

Giacomo Matteotti Fratta Polesine, 12 ottobre 1920

La vacca è morta di carbonchio, la malattia è infettiva, la carcassa dovrà restare inviolata. Per questo motivo, il veterinario del mandamento le ha praticato lungo buona parte del corpo delle larghe incisioni in cui ha versato petrolio, poi ne ha ordinato la sepoltura, come si fa con i cristiani. Tre o quattro contadini eseguono le sue disposizioni alla presenza dell'usciere municipale: scavano una fossa, vi gettano la carcassa dell'animale infetto, la ricoprono. Subito dopo, il messo comunale gira sui tacchi. Se ne va senza mai voltarsi indietro, con l'aria di chi dica: “Io il mio dovere l'ho fatto, adesso fate voi quel diavolo che volete.”

L'uomo ha appena travalicato i confini del campo quando dalle fratte sbucano una trentina di contadini famelici armati di badili, di falci e di accette. Avanzano in linea, a passo svelto, in ranghi serrati, come una falange che carichi il nemico. L'animale viene dissotterrato in pochi minuti, qualcuno scava gli ultimi palmi di terra con le mani, disteso sulla pancia ai bordi della sepoltura. Squartano la vacca a gruppi, con gli occhi luccicanti per la fame, si battono per contendersi un fegato, una mezza coscia. Un giovane maschio decapita ciò che resta dell'animale con un colpo d'accetta. Una vecchia scheletrica erompe nell'urlo dell'ossessa, si getta sul cranio della vacca, la afferra per le corna, se la carica sulla spalla e si dà alla fuga. Due ragazzi la inseguono, la abbattono e le strappano la testa. La vecchia, derubata del suo trofeo, torna indietro barcollando, si lascia cadere in ginocchio sul limitare della buca. Forse prega, forse implora – da quella distanza la scena è senza sonoro – forse si accinge a gettare le proprie ossa nella sepoltura spogliata da quelle del bovino.

Mentre sale sul palco dove terrà il comizio, l'onorevole Giacomo Matteotti rievoca questo ricordo d'infanzia. Per un istante torna a essere il bambino malaticcio cui il padre porge il binocolo dalla balconata della casa padronale perché il figlio impari qualcosa sulla miseria che li ha resi ricchi. Ma quella storia della vacca dissepolta l'ha sentita raccontare talmente tante volte da non esser più sicuro che non si tratti di una falsa memoria. Non è nemmeno più sicuro che la vacca fosse morta di carbonchio. L'unica certezza di quella terra anfibia, pellagrosa e malarica che è la sua terra è la miseria.

I contadini del Polesine sono tra i più disgraziati d'Italia. Hanno vissuto per secoli una vita da bestie, inebetiti dall'aria mefitica, sempre febbricitanti, condannati a morire giovani, cresciuti in casotti stipati di genitori, fi gli, fratelli, nonni, sorelle, in una convivenza raccapricciante di uomini, polli, suini che disputano il cibo e l'ossigeno ai loro padroni. Un mondo degradato, tarato, denutrito, dove gli incesti sono frequenti, gli organismi sempre debilitati, le malattie sempre croniche, dove si piange la morte della vacca rassegnandosi a quella della moglie.

A causa di questa quotidiana apocalisse, di questo infarto sociale, infarto lento, l'onorevole Giacomo Matteotti – nipote di Matteo, commerciante in ferro e rame, figlio di Girolamo, grande proprietario terriero sospettato di prestare denaro a usura – è il traditore della sua gente. I suoi nemici lo accusano di essere il possidente passato con i proletari, l'agrario che ha rinnegato la sua classe, il “socialista impellicciato”, il figlio dello strozzino che si atteggia a moralista. Suo padre lo accusa di aver disertato il campo assegnatogli dal destino.

Ma chi è la sua gente? Lui ha scelto. La sua gente non sono suo padre e suo nonno, sono questi contadini squallidi, questi bambini lividi per il freddo, queste madri di vent'anni che ne dimostrano quaranta. Il suo Polesine non è la terra del rimorso ma quella della riscossa, il pantano solcato da 500 corpi idrici tra fiumi, canali, collettori, fossati, in cui negli ultimi vent'anni si sono eseguite migliaia di bonifiche, si sono istituite le leghe, curate le malattie, affermati i diritti della povera gente, il Polesine che alle elezioni del novembre precedente ha mandato Giacomo Matteotti in Parlamento insieme ad altri cinque deputati socialisti diventando la provincia più rossa d'Italia insieme a quella di Ferrara, la terra che lui ha scelto per sé abdicando a quella paterna. Il Polesine del futuro in cui adesso i socialisti stanno trionfando anche alle elezioni amministrative.

Si vota da inizio ottobre con turni elettorali distribuiti lungo tutto il mese. I primi dati sono entusiasmanti: fi no a questo momento, i figli della pellagra hanno vinto in tutti e 25 i comuni già scrutinati. Ne rimangono 38, compreso Fratta, il paese natale di Giacomo, dove Palladio progettò la sua prima villa con il pronao e il frontone in facciata, dove c'è la più grande necropoli d'Europa dell'Età del bronzo. I compagni socialisti vinceranno anche lì – tutto lo lascia sperare – e il partito avrà il controllo totale della provincia. Sarà l'inizio di un nuovo mondo.

Ci vorranno altre bonifiche, questo è certo. Poche cose corrompono tanto un popolo come l'abitudine all'odio. E i suoi contadini amano tanto lui quanto odiano suo padre e gli altri padroni. C'è molta violenza da bonificare: i parroci sono stati costretti a chiudere le chiese, la gente che va a messa viene aggredita, squadre di comunisti armati di bastoni presidiano i seggi costringendo a deporre nell'urna schede prevotate. Lui stesso ha dovuto soccorrere l'onorevole Merlin, deputato del partito cattolico e suo vecchio compagno di banco al liceo. I suoi bravi contadini lo hanno bastonato all'uscita del seggio di Lendinara e senza il suo intervento lo avrebbero lasciato a terra.

Proprio Merlin, dopo l'ennesima aggressione a un piccolo proprietario da parte dei contadini, aveva accusato i leader socialisti di seminare l'odio, di aver lanciato i lavoratori a capofitto nella speranza rivoluzionaria, di averli invasati di Russia, di aver ingabbiato le masse in una colossale illusione, di aver instaurato un regime di terrore, di aver “trasformato il Polesine in una terra di cannibali” e l'aggressione di Lendinara sembra, purtroppo, avergli dato ragione. Merlin sostiene che se trent'anni fa ci voleva coraggio a essere un socialista da queste parti, oggi ci vuole coraggio a non esserlo. Anche in questo ha ragione.

Eppure questa folla di derelitti che attende di sentire proprio da Giacomo Matteotti, deputato socialista, figlio di Girolamo, commerciante, agrario e usuraio, la parola della riscossa, questa folla mastica odio perché per secoli si è nutrita della carne infetta di una bestia morta. Bisogna capirla questa gente, bisogna averne pena, prepararsi a bonificarla come si è bonificata la terra su cui ha vissuto da schiava.

Matteotti non è un “massimalista” – uno che punta tutto sulla rivoluzione qui e ora –, Matteotti, al contrario, crede nella graduale liberazione degli oppressi attraverso un'opera lenta, immensa, di sacrificio e di sforzo richiesta ancora all'umanità dolorante. Lui lo sa che la rivoluzione proletaria di domani non sarà una lieta corona di trionfo. È andato a ribadirlo anche al convegno della concentrazione dei socialisti riformisti a Reggio Emilia che si è tenuto il giorno prima. Quando è a Roma, in Parlamento, l'onorevole Matteotti parla sempre con moderazione e con senno.

Ma quando Giacomo è qui, in Polesine, tra i suoi contadini malvissuti, sulla sua terra anfibia, ritorna il bambino spettatore dello squartamento della carcassa sepolta. La sua gente si aspetta che Giacomo Matteotti, il figlio redento dello strozzino, lo dica e lui lo dice:

“Compagni, vendete il grano. Vendete il grano e comprate una rivoltella.”



Want to learn a language?


Learn from this text and thousands like it on LingQ.

  • A vast library of audio lessons, all with matching text
  • Revolutionary learning tools
  • A global, interactive learning community.

Imparare le lingue online @ LingQ

M06: Il fascismo perde alle urne, la violenza divampa nelle strade

Benito Mussolini Milano, 17 novembre 1919

Un cadavere in stato di putrefazione è stato ripescato nelle acque del naviglio. A corpse in a state of putrefaction was fished out of the waters of the canal. Pare si tratti di Benito Mussolini. It seems to be Benito Mussolini.

Due righe in cronaca. Zwei Zeilen in den Nachrichten. L'Avanti!, il giornale dei socialisti che lui ha diretto per anni, non ha concesso alla sua catastrofe più di due righe in cronaca. The Avanti !, the newspaper of the socialists that he directed for years, has not given more than two lines in the news to his catastrophe. Ma due righe velenose. In prima pagina, sotto alla testata, a caratteri cubitali, si proclama invece il loro trionfo: “È nata l'Italia della rivoluzione!” Auf der Titelseite unter dem Kopf wird in großen Buchstaben ihr Triumph verkündet: "Das Italien der Revolution wurde geboren!"

Nel minuscolo studio del direttore de Il Popolo d'Italia giunge dalla strada il vociare della folla accorsa ai suoi funerali. In der winzigen Studie des Direktors von Il Popolo d'Italia kommt das Geschrei der Menge, die zu seiner Beerdigung eilt, von der Straße. La salma di Mussolini viene portata in processione tra le vie sozze del Bottonuto. Mussolinis Körper wird in Prozession durch die schmutzigen Straßen des Bottonuto getragen. S'intonano a squarciagola canti funebri su stridenti frequenze di giubilo. Trauerlieder werden mit kreischendem Jubel lauthals gesungen. Funeral songs are played at the top of their voices on strident frequencies of jubilation. Le puttane, provvisoriamente disoccupate a causa della cagnara che scoraggia i clienti, si affacciano disinibite alle soglie dei bordelli. The whores, temporarily unemployed due to the cagnara that discourages customers, look uninhibited on the threshold of the brothels.

Nella sua miserabile stanzetta il Mussolini vivente si aggira con riflessi da belva in gabbia. In his miserable little room the living Mussolini wanders with the reflexes of a caged beast. La percorre in lungo e in largo ma non scorge nessuna breccia nel muro dell'ostilità universale. Es reist weit und breit, sieht aber keinen Bruch in der Mauer der universellen Feindseligkeit. He walks the length and breadth of it but sees no breach in the wall of universal hostility. Ogni volta che qualcuno bussa alla porta, incassa la testa nelle spalle per ridurre la superficie corporea e si volta di scatto mosso dall'istinto della preda aggredita. Jedes Mal, wenn jemand an die Tür klopft, legt er den Kopf in die Schultern, um die Körperoberfläche zu verkleinern, und dreht sich plötzlich, bewegt vom Instinkt der angegriffenen Beute. Every time someone knocks on the door, he pits his head in his shoulders to reduce the body surface and spins around moved by the instinct of the attacked prey. Poi, non appena si accorge di avere un pubblico, fosse anche solo un fattorino, riguadagna la padronanza di sé e ostenta noncuranza. Sobald er merkt, dass er ein Publikum hat, auch wenn er nur ein Bote ist, gewinnt er die Selbstbeherrschung zurück und zeigt sich nachlässig. Then, as soon as he realizes he has an audience, even if it's just a bellboy, he regains self-control and flaunts nonchalance. A chiunque si venga ad accertare sulle condizioni di salute del morto vivente concede qualche spacconata. Jedem, der kommt, um die Gesundheit der lebenden Toten festzustellen, gewährt er Prahlerei. Anyone who comes to ascertain the health conditions of the living dead grants some bluster. “Voti ne abbiamo ottenuti pochi, sì, in compenso di revolverate ne abbiamo sparate parecchie.” O roba del genere. "Wir haben nur wenige Stimmen bekommen, ja, als Gegenleistung für Revolverate haben wir mehrere abgefeuert." Oder etwas ähnliches. "We got few votes, yes, in return for revolver shots we fired several." Or something like that. Sghignazza perfino quando gli riferiscono la battuta che già circola per Milano: “Con un maestro d'orchestra come Toscanini in lista, la sonata non poteva essere che eccezionale.” Er lacht sogar, wenn sie ihm die Zeile erzählen, die bereits für Mailand zirkuliert: "Mit einem Orchesterdirigenten wie Toscanini auf der Liste könnte die Sonate nur außergewöhnlich sein." He even chuckles when they tell him the line already circulating in Milan: "With an orchestra master like Toscanini on the list, the sonata could only be exceptional."

La verità è che lo scacco per i fascisti è stato micidiale, lo smacco personale per lui che già s'immaginava come “il deputato di Milano” bruciante. Die Wahrheit ist, dass der Rückschlag für die Faschisten tödlich war, der persönliche Rückschlag für den, der sich bereits als brennenden "Stellvertreter Mailands" vorstellte. The truth is that the setback for the fascists was deadly, the personal setback for him who already imagined himself as "the Milan deputy" burning. Quelle del 16 novembre sono state elezioni “rosse”. Those of November 16 were "red" elections. Sui socialisti si sono rovesciati 1.834.792 voti, pari a 156 parlamentari eletti. Es wurden 1.834.792 Stimmen gegen die Sozialisten abgegeben, was 156 gewählten Parlamentariern entspricht. On the socialists 1,834,792 votes were overturned, equal to 156 elected parliamentarians. Un risultato trionfale, un presagio di rivoluzione. L'insuccesso della lista fascista è stato, per proporzione inversa, totale: su circa 270.000 votanti della circoscrizione di Milano, i fascisti hanno raccolto soltanto 4657 voti. Das Scheitern der faschistischen Liste war umgekehrt umgekehrt: Von rund 270.000 Wählern aus dem Mailänder Bezirk sammelten die Faschisten nur 4657 Stimmen. The failure of the fascist list was, by inverse proportion, total: out of about 270,000 voters in the Milan constituency, the fascists collected only 4,657 votes. Mussolini ha ottenuto soltanto 2427 voti preferenziali. Mussolini erhielt nur 2427 Vorzugsstimmen. Nessuno dei candidati fascisti è stato eletto. Nessuno. Nemmeno lui. È stato un fiasco completo.

Agli altri mente ma alla moglie lo ha confessato: “Una sconfitta totale. He lies to the others but confessed to his wife: “A total defeat. Non abbiamo ottenuto nemmeno un seggio. In Galleria la gente si è scatenata contro di noi.” È stato costretto a chiamare Rachele per cercare di tranquillizzarla quando gli hanno riferito che il beffardo corteo funebre inscenato dai socialisti si era appostato anche sotto la loro casa in Foro Bonaparte. In der Galerie sind die Leute wild gegen uns geworden. " Er war gezwungen, Rachel anzurufen, um sie zu beruhigen, als sie ihm sagten, dass der spöttische Trauerzug der Sozialisten auch unter ihrem Haus im Foro Bonaparte lauerte. La gente gridava: “Ecco il cadavere di Mussolini” e picchiava sulla porta d'ingresso. Die Leute riefen: "Hier ist Mussolinis Leiche" und klopften an die Haustür. Dietro alla sua bara, altri due feretri vuoti accoglievano idealmente le salme di Marinetti e di D'Annunzio. Behind his coffin, two other empty coffins ideally housed the bodies of Marinetti and D'Annunzio. Rachele, a sua volta, gli ha confessato di essersi rifugiata in soffitta con i bambini. Rachel wiederum gestand ihm, dass sie mit den Kindern auf dem Dachboden Zuflucht gesucht hatte. Pare che la piccola Edda sia stata colta da una crisi di nervi. Es scheint, dass die kleine Edda von einem Nervenzusammenbruch erfasst wurde.

I visitatori, proprio come a un funerale, continuano ad affluire alla sede del giornale. Besucher strömen wie bei einer Beerdigung weiterhin zum Zeitungsbüro. Inutile cercare di tenere la porta chiusa. Quando in strada stanno seppellendo la tua ombra, la gente ti viene a cercare. Wenn sie deinen Schatten auf der Straße vergraben, suchen Leute dich. When they are burying your shadow on the street, people come looking for you.

Per mostrarsi inalterato, lui si è fatto portare un bicchiere di latte. Um sich unverändert zu zeigen, ließ er sich ein Glas Milch bringen. Siede al suo tavolino da lavoro nella stanza spoglia e manda a chiamare Arturo Rossato, un suo redattore, perché scriva in bella grafi a gli indirizzi del cardinale Ferrari e di Caldara, il sindaco socialista di Milano, da apporre a due pacchi rotondi avvolti in carta di giornale. Er sitzt an seinem Arbeitstisch im kahlen Raum und lässt Arturo Rossato, einen seiner Redakteure, die Adressen von Kardinal Ferrari und Caldara, dem sozialistischen Bürgermeister von Mailand, gut drucken, um sie auf zwei in Papier eingewickelten runden Paketen zu befestigen. Zeitung. He sits at his work table in the bare room and sends for Arturo Rossato, one of his editors, to write in beautiful graphs to the addresses of Cardinal Ferrari and of Caldara, the socialist mayor of Milan, to be affixed to two round parcels wrapped in paper of newspaper. Attorno alla scrivania, l'ambiente dà l'idea di un trasloco imminente. Rund um den Schreibtisch vermittelt die Umgebung die Idee eines bevorstehenden Umzugs. Around the desk, the environment gives the idea of an imminent move. Sul muro si accampa soltanto una carta d'Italia con una bandierina tricolore appuntata in corrispondenza di Fiume. An der Wand befindet sich nur eine Karte von Italien mit einer dreifarbigen Flagge, die in Übereinstimmung mit Fiume angebracht ist. On the wall there is only a map of Italy with a tricolor flag pinned in correspondence with Fiume. Sullo scrittorio campeggia, invece, soltanto il grosso bicchiere di latte e una vecchia monumentale pistola da furiere. Auf dem Schreibtisch steht jedoch nur das große Glas Milch und eine alte monumentale Eisenpistole. On the desk, however, only the large glass of milk and an old monumental quartermaster's gun stand out. Le grida dei socialisti dalla strada si alzano minacciose, Mussolini rimescola il latte con studiata lentezza, lo centellina, goccia dopo goccia, lo ripone e torna a mescolarlo. Die Schreie der Sozialisten von der Straße steigen drohend auf, Mussolini mischt die Milch mit studierter Langsamkeit, nippt Tropfen für Tropfen, legt sie zurück und mischt sie erneut. The cries of the socialists from the street rise menacingly, Mussolini stirred the milk with studied slowness, sip it, drop by drop, put it back and mix it again. Le onde di bianco viscoso fanno contrasto con il metallo immobile, bruno, dell'arma: Die viskosen weißen Wellen kontrastieren mit dem bewegungslosen, braunen Metall der Waffe: The viscous white waves contrast with the still, brown metal of the weapon:

“Urlano, gridano, fanno un finimondo di fracasso ma sopprimi i cravattoni, le bandiere e resta un branco di scemi. „Sie schreien, sie schreien, sie machen ein Durcheinander von Lärm, unterdrücken aber die Krawatten, die Flaggen und ein Haufen Dummköpfe bleiben. “They scream, they shout, they make a racket but suppress the ties, the flags and there remains a bunch of idiots. Non la faranno mai la rivoluzione. They will never make the revolution. Se questi rivoluzionari a chiacchiere non pagano la loro cambiale, il popolino la protesterà e allora saranno pasticci… come si diceva in trincea. Wenn diese schwatzenden Revolutionäre ihre Rechnungen nicht bezahlen, wird die Bevölkerung protestieren und dann werden sie chaotisch sein ... wie sie in den Gräben sagten. If these chattering revolutionaries do not pay their bill, the populace will protest it and then they will be messes ... as they said in the trenches. Ci sono vittorie che valgono come una sconfitta.” There are victories that count as a defeat. "

Arturo Rossato, il redattore venuto a consegnare le buste con gli indirizzi, non può che acconsentire alle spacconate del capo con un moto impercettibile della testa. Arturo Rossato, der Herausgeber, der gekommen ist, um die Umschläge mit den Adressen zu liefern, kann der Prahlerei des Chefs nur mit einer unmerklichen Bewegung des Kopfes zustimmen. Dalla strada le urla dei socialisti salgono ancora di un'ottava. From the street the shouts of the Socialists rise again by an octave.

“E non credere che vengano qui perché, vedi, io sono morto. „Und glauben Sie nicht, dass sie hierher kommen, weil ich tot bin. “And don't think they come here because, you see, I'm dead. Sono oramai un uomo senz'ombra.” I am now a man without a shadow. "

Benito Mussolini s'interrompe qualche secondo per lasciare al redattore il tempo di farsi invadere dallo sgomento. Benito Mussolini hält einige Sekunden inne, damit der Editor Zeit für Bestürzung hat. Benito Mussolini pauses for a few seconds to allow the editor time to be overcome by dismay. Rimescola il latte, poi riprende: “Mi hanno spacciato per morto ma proprio per questo loro sanno che, se vengono su, con questa pistola almeno un paio li atterro. Er mischt die Milch und fährt dann fort: „Sie haben mich als tot ausgegeben, aber aus diesem Grund wissen sie, dass mindestens ein Paar sie landen wird, wenn sie mit dieser Waffe auftauchen. He mixes the milk, then resumes: “They passed me off as dead but for this very reason they know that, if they come up, I will knock them down with this gun. E a Milano, se non lo sai, non ci sono fra gli iscritti al Partito socialista due, dico due eroi che sappiano affrontare il pericolo. Und in Mailand, wenn Sie nicht wissen, gibt es keine zwei Mitglieder der Sozialistischen Partei, ich sage zwei Helden, die wissen, wie man der Gefahr begegnet. And in Milan, if you don't know, there aren't two members of the Socialist Party, I mean two heroes who know how to face danger. Un branco di scemi. A bunch of fools. Sono un branco di scemi. They are a bunch of fools. Perciò… io bevo il latte.” Therefore ... I drink the milk. "

Dal piano dell'amministrazione sale Arnaldo Mussolini. Arnaldo Mussolini erhebt sich aus der Verwaltung. Contrariamente alle sue abitudini di uomo mite, è infuriato con suo fratello: Contrary to his habits as a meek man, he is infuriated with his brother:

“Ma allora sei un delinquente, un autentico criminale!” Arnaldo urla senza preoccuparsi di farsi sentire dall'intera redazione, poi si prende la testa fra le mani. "Aber dann bist du ein Verbrecher, ein echter Verbrecher!" Arnaldo schreit, ohne sich die Mühe zu machen, von der gesamten Redaktion gehört zu werden, und nimmt dann den Kopf in die Hände. "But then you are a criminal, a genuine criminal!" Arnaldo screams without bothering to be heard by the entire editorial staff, then takes his head in his hands. I due involucri destinati al vescovo e al sindaco di Milano contengono due bombe Sipe. Die beiden Umschläge für den Bischof und den Bürgermeister von Mailand enthalten zwei Sipe-Bomben. The two envelopes intended for the bishop and the mayor of Milan contain two Sipe bombs. Benito Mussolini ha pensato bene di inviarle come ritorsione per la sconfitta subita. Benito Mussolini fand es gut, sie als Vergeltung für die erlittene Niederlage zu schicken. Benito Mussolini has seen fit to send them as retaliation for the defeat suffered. Gli indirizzi, scritti dalla mano del redattore, dovrebbero sviare le indagini degli inquirenti. Die von der Hand des Herausgebers verfassten Adressen sollten die Ermittlungen der Ermittler umleiten. The addresses, written by the hand of the editor, should divert investigators' investigations.

“Vale più una bomba di cento comizi.” "Es ist eine Bombe von hundert Kundgebungen wert." "A bomb of a hundred rallies is worth more."

È lo slogan che il giovane agitatore spiritato sparava nelle piazze incandescenti di Romagna ai tempi in cui predicava la rivoluzione socialista, un suo vecchio cavallo di battaglia. Es ist der Slogan, den der junge, temperamentvolle Agitator auf den weißglühenden Plätzen der Romagna abfeuerte, als er die sozialistische Revolution predigte, ein altes Arbeitstier von ihm. Ora l'uomo maturo, direttore di un giornale a tiratura nazionale, mentre giù in strada i suoi vecchi compagni sputano sul fantoccio del suo cadavere, ha pronunciato quello stesso vecchio slogan con voce piana, senza tradire la minima emozione, a beneficio dell'intera redazione e degli Arditi di guardia richiamati dalle urla di Arnaldo. Jetzt hat der reife Mann, Herausgeber einer nationalen Zeitung, während seine alten Gefährten auf der Straße auf die Marionette seiner Leiche spuckten, denselben alten Slogan mit flacher Stimme ausgesprochen, ohne die geringste Emotion zu verraten, zum Wohle des Ganzen Redaktion und Arditi auf der Hut, erinnert an Arnaldos Schreie. Now the mature man, editor of a national newspaper, while down in the street his old companions spit on the puppet of his corpse, has uttered that same old slogan in a flat voice, without betraying the slightest emotion, for the benefit of the whole editorial staff and the Arditi on guard recalled by Arnaldo's screams. Poi Benito Mussolini, il bombarolo, è tornato a rimestare lentamente il cucchiaino di alluminio nel suo latte. Dann kehrte Benito Mussolini, der Bomber, zurück, um den Aluminiumlöffel langsam in seiner Milch zu rühren. Then Benito Mussolini, the bomber, went back to slowly stir the aluminum spoon into his milk. Non c'è più niente da vedere. Es gibt nichts mehr zu sehen. Lo spettacolo è finito.

Mentre la piccola folla rifluisce lungo le scale del ballatoio, Albino Volpi prende Arnaldo da parte. While the small crowd ebbs along the stairs of the gallery, Albino Volpi takes Arnaldo aside. Non c'è motivo di preoccuparsi – lo rassicura. Es gibt keinen Grund zur Sorge - er beruhigt ihn. There is no reason to worry - he reassures him. Una bomba Sipe spedita in un pacco postale, per caratteristiche d'innesco e detonazione, non rappresenta alcun pericolo. Eine Sipe-Bombe, die in einem Postpaket verschickt wird, stellt aufgrund ihrer Abzugs- und Detonationseigenschaften keine Gefahr dar. A Sipe bomb sent in a postal package, due to its trigger and detonation characteristics, does not represent any danger.

Il gesto di un esaltato Un corteo socialista si era soffermato in via S. Damiano, sotto le finestre dell'Avanti!, ad acclamare ad un discorso di Serrati inneggiando al socialismo. Die Geste einer erhabenen sozialistischen Prozession hatte in der Via S. Damiano unter den Fenstern der Avanti! Angehalten, um eine Rede von Serrati anzufeuern, in der der Sozialismus gelobt wurde. Il corteo si ricomponeva e si rimetteva in moto quando, secondo il primo racconto, uno sconosciuto, dall'altezza del ponte di ghisa, lanciò verso la testa del corteo un oggetto che, toccando il suolo, esplose; le schegge, dalla distanza di venti o trenta metri, investirono i primi dimostranti. Tra il panico che seguì si levarono dai caduti grida di dolore e i compagni dei feriti provvedevano a soccorrerli mentre qualcuno tentava di inseguire lo sconosciuto perdutosi subito nell'oscurità… Il gesto sconsigliato di un esaltato, il quale pare si sia servito di un petardo Thévenot, sollevò, appena conosciuto, generale indignazione. In der folgenden Panik kamen Schmerzensschreie von den Gefallenen und die Gefährten der Verletzten kümmerten sich um ihre Rettung, während jemand versuchte, den Fremden zu jagen, der sofort in der Dunkelheit verloren war ... er hob, sobald er bekannt war, allgemeine Empörung auf. Amid the panic that followed, cries of pain rose from the fallen and the comrades of the wounded came to their aid while someone tried to chase the stranger who immediately lost himself in the darkness ... The inadvisable gesture of an exalted man, who seems to have used a firecracker Thévenot, aroused general indignation as soon as he met him.

Corriere della Sera, 18 novembre 1919

Giacomo Matteotti Fratta Polesine, 12 ottobre 1920

La vacca è morta di carbonchio, la malattia è infettiva, la carcassa dovrà restare inviolata. Die Kuh starb an Karbunkel, die Krankheit ist ansteckend, der Kadaver muss unantastbar bleiben. The cow died of carbuncle, the disease is infectious, the carcass must remain untouched. Per questo motivo, il veterinario del mandamento le ha praticato lungo buona parte del corpo delle larghe incisioni in cui ha versato petrolio, poi ne ha ordinato la sepoltura, come si fa con i cristiani. Aus diesem Grund übte der Tierarzt des Mandats sie entlang eines großen Teils des Körpers der großen Einschnitte, in die er Öl goss, und befahl dann seine Beerdigung, wie es bei Christen geschieht. Tre o quattro contadini eseguono le sue disposizioni alla presenza dell'usciere municipale: scavano una fossa, vi gettano la carcassa dell'animale infetto, la ricoprono. Three or four peasants carry out his orders in the presence of the municipal usher: they dig a pit, throw the carcass of the infected animal into it, cover it. Subito dopo, il messo comunale gira sui tacchi. Unmittelbar danach dreht sich der städtische Bote auf den Fersen. Se ne va senza mai voltarsi indietro, con l'aria di chi dica: “Io il mio dovere l'ho fatto, adesso fate voi quel diavolo che volete.” Er geht, ohne jemals zurückzuschauen, mit der Miene von jemandem, der sagt: "Ich habe meine Pflicht getan, jetzt tust du, was zum Teufel du willst." He goes away without ever looking back, with the air of someone saying: "I did my duty, now you do whatever devil you want."

L'uomo ha appena travalicato i confini del campo quando dalle fratte sbucano una trentina di contadini famelici armati di badili, di falci e di accette. Der Mann hat gerade die Grenzen des Feldes überschritten, als aus den mit Schaufeln, Sicheln und Äxten bewaffneten Brüdern etwa dreißig gefräßige Bauern hervorgehen. The man has just crossed the borders of the field when thirty hungry peasants emerge from the fracts armed with shovels, scythes and hatchets. Avanzano in linea, a passo svelto, in ranghi serrati, come una falange che carichi il nemico. Sie rücken zügig in engen Reihen in einer Reihe vor, wie eine Phalanx, die den Feind lädt. L'animale viene dissotterrato in pochi minuti, qualcuno scava gli ultimi palmi di terra con le mani, disteso sulla pancia ai bordi della sepoltura. Das Tier ist in wenigen Minuten ausgegraben, jemand gräbt mit den Händen die letzten Palmen der Erde und liegt auf dem Bauch an den Rändern der Beerdigung. The animal is unearthed in a few minutes, someone digs the last palms of earth with their hands, lying on its belly at the edge of the burial. Squartano la vacca a gruppi, con gli occhi luccicanti per la fame, si battono per contendersi un fegato, una mezza coscia. Sie vierteln die Kuh in Gruppen mit vor Hunger funkelnden Augen und kämpfen um eine Leber, einen halben Oberschenkel. They tear apart the cow in groups, with eyes gleaming with hunger, they fight for a liver, a half leg. Un giovane maschio decapita ciò che resta dell'animale con un colpo d'accetta. A young male decapitates what is left of the animal with a blow of a hatchet. Una vecchia scheletrica erompe nell'urlo dell'ossessa, si getta sul cranio della vacca, la afferra per le corna, se la carica sulla spalla e si dà alla fuga. Eine alte Skelettfrau bricht im Schrei der besessenen Frau aus, wirft sich auf den Schädel der Kuh, packt sie an den Hörnern, lädt sie auf die Schulter und rennt weg. Due ragazzi la inseguono, la abbattono e le strappano la testa. La vecchia, derubata del suo trofeo, torna indietro barcollando, si lascia cadere in ginocchio sul limitare della buca. The old woman, robbed of her trophy, staggers back, drops to her knees on the edge of the hole. Forse prega, forse implora – da quella distanza la scena è senza sonoro – forse si accinge a gettare le proprie ossa nella sepoltura spogliata da quelle del bovino.

Mentre sale sul palco dove terrà il comizio, l'onorevole Giacomo Matteotti rievoca questo ricordo d'infanzia. Auf der Bühne, auf der die Rallye stattfinden wird, erinnert sich der ehrenwerte Giacomo Matteotti an diese Kindheitserinnerung. Per un istante torna a essere il bambino malaticcio cui il padre porge il binocolo dalla balconata della casa padronale perché il figlio impari qualcosa sulla miseria che li ha resi ricchi. Für einen Moment wird er das kranke Kind, dem der Vater das Fernglas vom Balkon des Herrenhauses gibt, damit der Sohn etwas über das Elend erfährt, das sie reich gemacht hat. For an instant he becomes the sickly child to whom the father hands the binoculars from the balcony of the manor house so that the son can learn something about the misery that made them rich. Ma quella storia della vacca dissepolta l'ha sentita raccontare talmente tante volte da non esser più sicuro che non si tratti di una falsa memoria. Aber diese Geschichte von der begrabenen Kuh hat sie so oft gehört, dass es nicht mehr sicher ist, dass es keine falsche Erinnerung ist. Non è nemmeno più sicuro che la vacca fosse morta di carbonchio. L'unica certezza di quella terra anfibia, pellagrosa e malarica che è la sua terra è la miseria. Die einzige Gewissheit dieses amphibischen, pellaginösen und Malaria-Landes, das sein Land ist, ist das Elend.

I contadini del Polesine sono tra i più disgraziati d'Italia. The farmers of the Polesine are among the most unfortunate in Italy. Hanno vissuto per secoli una vita da bestie, inebetiti dall'aria mefitica, sempre febbricitanti, condannati a morire giovani, cresciuti in casotti stipati di genitori, fi gli, fratelli, nonni, sorelle, in una convivenza raccapricciante di uomini, polli, suini che disputano il cibo e l'ossigeno ai loro padroni. Jahrhunderte lang lebten sie ein Leben von Tieren, benommen von der mephitischen Luft, immer fiebrig, verdammt jung zu sterben, aufgewachsen in Hütten voller Eltern, Kinder, Brüder, Großeltern, Schwestern, in einem grausamen Zusammenleben von Männern, Hühnern, Schweinen, die Sie geben Nahrung und Sauerstoff an ihre Meister ab. They lived a life of beasts for centuries, dazed by the mephitic air, always feverish, condemned to die young, grew up in huts crammed with parents, children, brothers, grandparents, sisters, in a horrifying coexistence of men, chickens, pigs who they dispute food and oxygen with their masters. Un mondo degradato, tarato, denutrito, dove gli incesti sono frequenti, gli organismi sempre debilitati, le malattie sempre croniche, dove si piange la morte della vacca rassegnandosi a quella della moglie. Eine degradierte, kalibrierte, unterernährte Welt, in der es häufig zu Inzesten kommt, Organismen immer geschwächt sind, immer chronische Krankheiten, in denen der Tod der Kuh getrauert wird, indem man sich dem seiner Frau hingibt. A degraded, calibrated, undernourished world, where incest is frequent, organisms always debilitated, diseases always chronic, where the death of the cow is mourned by resigning oneself to that of his wife.

A causa di questa quotidiana apocalisse, di questo infarto sociale, infarto lento, l'onorevole Giacomo Matteotti – nipote di Matteo, commerciante in ferro e rame, figlio di Girolamo, grande proprietario terriero sospettato di prestare denaro a usura – è il traditore della sua gente. Aufgrund dieser täglichen Apokalypse, dieses sozialen Herzinfarkts, langsamen Herzinfarkts, ist der ehrenwerte Giacomo Matteotti - Matteos Enkel, ein Eisen- und Kupferhändler, Sohn von Girolamo, einem Großgrundbesitzer, der verdächtigt wird, Wuchergeld zu leihen - der Verräter von ihm Menschen. I suoi nemici lo accusano di essere il possidente passato con i proletari, l'agrario che ha rinnegato la sua classe, il “socialista impellicciato”, il figlio dello strozzino che si atteggia a moralista. Seine Feinde beschuldigen ihn, der frühere Besitzer der Proletarier zu sein, der Agrar, der seine Klasse leugnete, der "pelzige Sozialist", der Sohn des Kredithais, der als Moralist auftritt. Suo padre lo accusa di aver disertato il campo assegnatogli dal destino. Sein Vater beschuldigt ihn, das ihm vom Schicksal zugewiesene Feld verlassen zu haben.

Ma chi è la sua gente? Lui ha scelto. La sua gente non sono suo padre e suo nonno, sono questi contadini squallidi, questi bambini lividi per il freddo, queste madri di vent'anni che ne dimostrano quaranta. Sein Volk ist nicht sein Vater und Großvater, es sind diese schäbigen Bauern, diese vor Kälte gequetschten Kinder, diese zwanzigjährigen Mütter, die vierzig zeigen. Il suo Polesine non è la terra del rimorso ma quella della riscossa, il pantano solcato da 500 corpi idrici tra fiumi, canali, collettori, fossati, in cui negli ultimi vent'anni si sono eseguite migliaia di bonifiche, si sono istituite le leghe, curate le malattie, affermati i diritti della povera gente, il Polesine che alle elezioni del novembre precedente ha mandato Giacomo Matteotti in Parlamento insieme ad altri cinque deputati socialisti diventando la provincia più rossa d'Italia insieme a quella di Ferrara, la terra che lui ha scelto per sé abdicando a quella paterna. Sein Polesine ist nicht das Land der Reue, sondern das der Erlösung, der Sumpf, der von 500 Gewässern zwischen Flüssen, Kanälen, Sammlern und Gräben durchzogen ist, in denen in den letzten zwanzig Jahren Tausende von Rekultivierungen durchgeführt wurden. die Krankheiten heilen, die Rechte der Armen bekräftigen, der Poleine, der bei den Wahlen im vergangenen November Giacomo Matteotti zusammen mit fünf anderen sozialistischen Abgeordneten ins Parlament geschickt hat, um zusammen mit dem Land Ferrara, dem Land, das er besitzt, die roteste Provinz Italiens zu werden für sich selbst ausgewählt, indem er die seines Vaters abdankt. His Polesine is not the land of remorse but that of recovery, the quagmire furrowed by 500 water bodies including rivers, canals, collectors, ditches, in which thousands of reclamations have been carried out in the last twenty years, leagues have been established, diseases cured, poor people's rights affirmed, Polesine who sent Giacomo Matteotti to Parliament together with five other socialist deputies in the previous November elections, becoming the redest province in Italy together with that of Ferrara, the land that he has chosen for himself by abdicating his father's one. Il Polesine del futuro in cui adesso i socialisti stanno trionfando anche alle elezioni amministrative. Das Polesin der Zukunft, in dem die Sozialisten jetzt auch bei den Verwaltungswahlen triumphieren. The Polesine of the future in which the socialists are now also triumphing in the local elections.

Si vota da inizio ottobre con turni elettorali distribuiti lungo tutto il mese. Die Abstimmung findet seit Anfang Oktober statt, wobei die Wahlrunden über den ganzen Monat verteilt sind. I primi dati sono entusiasmanti: fi no a questo momento, i figli della pellagra hanno vinto in tutti e 25 i comuni già scrutinati. Die ersten Zahlen sind spannend: Bisher haben die Kinder von Pellagra in allen 25 bereits untersuchten Gemeinden gewonnen. The first data are exciting: up to now, the children of pellagra have won in all 25 municipalities already scrutinized. Ne rimangono 38, compreso Fratta, il paese natale di Giacomo, dove Palladio progettò la sua prima villa con il pronao e il frontone in facciata, dove c'è la più grande necropoli d'Europa dell'Età del bronzo. Es sind noch 38 übrig, darunter Fratta, der Geburtsort von Giacomo, wo Palladio seine erste Villa mit den Pronaos und dem Giebel an der Fassade entwarf, wo sich in der Bronzezeit die größte Nekropole Europas befindet. I compagni socialisti vinceranno anche lì – tutto lo lascia sperare – e il partito avrà il controllo totale della provincia. Dort werden auch die sozialistischen Genossen gewinnen - alles gibt ihm Hoffnung - und die Partei wird die totale Kontrolle über die Provinz haben. Sarà l'inizio di un nuovo mondo.

Ci vorranno altre bonifiche, questo è certo. Es wird mehr Sanierung erfordern, das ist sicher. Poche cose corrompono tanto un popolo come l'abitudine all'odio. Wenige Dinge verderben ein Volk so sehr wie Gewohnheiten. E i suoi contadini amano tanto lui quanto odiano suo padre e gli altri padroni. Und seine Bauern lieben ihn so sehr, wie sie seinen Vater und andere Meister hassen. C'è molta violenza da bonificare: i parroci sono stati costretti a chiudere le chiese, la gente che va a messa viene aggredita, squadre di comunisti armati di bastoni presidiano i seggi costringendo a deporre nell'urna schede prevotate. Es gibt viel Gewalt, die zurückgefordert werden muss: Die Pfarrer wurden gezwungen, die Kirchen zu schließen, die Menschen, die zur Messe gehen, werden angegriffen, mit Stöcken bewaffnete Kommunistenteams präsidieren über den Sitzen und zwingen, vorgefertigte Karten abzulegen. There is a lot of violence to be reclaimed: the parish priests have been forced to close the churches, the people who go to mass are attacked, teams of communists armed with sticks preside over the polling stations forcing them to place pre-filled ballots in the ballot box. Lui stesso ha dovuto soccorrere l'onorevole Merlin, deputato del partito cattolico e suo vecchio compagno di banco al liceo. Er selbst musste Herrn Merlin, einem Mitglied der katholischen Partei und seinem alten Schulkameraden in der High School, helfen. I suoi bravi contadini lo hanno bastonato all'uscita del seggio di Lendinara e senza il suo intervento lo avrebbero lasciato a terra. Seine guten Bauern schlugen ihn am Ausgang des Lendinara-Sitzes und ohne sein Eingreifen hätten sie ihn am Boden gelassen. His good farmers beat him at the exit of the Lendinara seat and without his intervention they would have left him on the ground.

Proprio Merlin, dopo l'ennesima aggressione a un piccolo proprietario da parte dei contadini, aveva accusato i leader socialisti di seminare l'odio, di aver lanciato i lavoratori a capofitto nella speranza rivoluzionaria, di averli invasati di Russia, di aver ingabbiato le masse in una colossale illusione, di aver instaurato un regime di terrore, di aver “trasformato il Polesine in una terra di cannibali” e l'aggressione di Lendinara sembra, purtroppo, avergli dato ragione. Nur Merlin hatte nach einem weiteren Angriff der Bauern auf einen kleinen Besitzer die sozialistischen Führer beschuldigt, Hass gesät zu haben, die Arbeiter kopfüber in revolutionäre Hoffnung geworfen zu haben, in Russland eingedrungen zu sein und die Massen eingesperrt zu haben in einer kolossalen Illusion, ein Terrorregime etabliert zu haben, "Polesine in ein Land der Kannibalen verwandelt zu haben" und Lendinaras Aggression ihm leider Grund gegeben zu haben. Merlin sostiene che se trent'anni fa ci voleva coraggio a essere un socialista da queste parti, oggi ci vuole coraggio a non esserlo. Merlin argues that if thirty years ago it took courage to be a socialist in these parts, today it takes courage not to be. Anche in questo ha ragione.

Eppure questa folla di derelitti che attende di sentire proprio da Giacomo Matteotti, deputato socialista, figlio di Girolamo, commerciante, agrario e usuraio, la parola della riscossa, questa folla mastica odio perché per secoli si è nutrita della carne infetta di una bestia morta. Bisogna capirla questa gente, bisogna averne pena, prepararsi a bonificarla come si è bonificata la terra su cui ha vissuto da schiava. Sie müssen diese Menschen verstehen, Sie müssen Mitleid mit ihnen haben und sich darauf vorbereiten, sie zurückzugewinnen, da das Land, auf dem Sie als Sklave gelebt haben, zurückerobert wurde.

Matteotti non è un “massimalista” – uno che punta tutto sulla rivoluzione qui e ora –, Matteotti, al contrario, crede nella graduale liberazione degli oppressi attraverso un'opera lenta, immensa, di sacrificio e di sforzo richiesta ancora all'umanità dolorante. Matteotti ist kein "Maximalist" - einer, der sich ganz auf die Revolution hier und jetzt konzentriert - im Gegenteil, Matteotti glaubt an die allmähliche Befreiung der Unterdrückten durch ein langsames, immenses Werk der Opferbereitschaft und Anstrengung, das immer noch von der schmerzenden Menschheit verlangt wird. Lui lo sa che la rivoluzione proletaria di domani non sarà una lieta corona di trionfo. Er weiß, dass die proletarische Revolution von morgen keine glückliche Krone des Triumphs sein wird. È andato a ribadirlo anche al convegno della concentrazione dei socialisti riformisti a Reggio Emilia che si è tenuto il giorno prima. Er wiederholte dies auch auf der Konferenz über die Konzentration reformistischer Sozialisten in Reggio Emilia, die am Vortag stattfand. Quando è a Roma, in Parlamento, l'onorevole Matteotti parla sempre con moderazione e con senno.

Ma quando Giacomo è qui, in Polesine, tra i suoi contadini malvissuti, sulla sua terra anfibia, ritorna il bambino spettatore dello squartamento della carcassa sepolta. La sua gente si aspetta che Giacomo Matteotti, il figlio redento dello strozzino, lo dica e lui lo dice: Seine Leute erwarten, dass Giacomo Matteotti, der erlöste Sohn des Kredithais, es sagt und er sagt es:

“Compagni, vendete il grano. „Genossen, verkaufen Sie das Getreide. Vendete il grano e comprate una rivoltella.”

×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.