×

Utilizziamo i cookies per contribuire a migliorare LingQ. Visitando il sito, acconsenti alla nostra politica dei cookie.


image

Il Tempo - Curiuss, Il Tempo prima del Big Bang - Il Tempo esiste?#07 - CURIUSS (1)

Il Tempo prima del Big Bang - Il Tempo esiste?#07 - CURIUSS (1)

una domanda

perché c'è qualcosa invece di niente

ecco non sappiamo ancora rispondere ma

c'è qualcosa che potrebbe esserci anche

quando non c'è niente e quel qualcosa è

il tempo il tempo è nato con il nostro

universo

oppure è l'universo che nato all'interno

del tempo

in sostanza

c'era un tempo prima dell'universo cosa

vuol dire esattamente prima

dell'universo è una questione complessa

possiamo tanto per cominciare col

mettere un punto fisso un momento da cui

far iniziare la nostra storia lo abbiamo

chiamato big bang capire che aria

tirasse prima del big bang è complicato

sarebbe già perobello in qualche modo

riuscire ad avvicinarsi al momento del

big bang sappiamo che più osserviamo

lontano nello spazio più osserviamo

indietro nel tempo

ne avevamo parlato in questo video

in teoria quindi dovremmo riuscire ad

osservare oggetti che hanno oltre 13

miliardi di anni ricordo che il big bang

dovrebbe essere avvenuto circa 13,8

miliardi di anni fa gli scienziati

utilizzano modelli matematici

osservazioni e provano a risalire il

corso del tempo il momento del big bang

rimane però oscuro lì le equazioni della

relatività generale di einstein che

utilizziamo per descrivere l'universo

non funzionano più e non possono neppure

essere estese a periodi antecedenti come

era lì il tempo cosa c'era prima ha

senso parlare di un prima del big bang a

livello temporale per provare a dire due

parole sensate su questo tema la cosa

importante cercare di capire grosso modo

che cosa dice la teoria del big bang il

tema è ricchissimo e si dovrebbe parlare

per giorni

ma proviamo a farci un'idea in pochi

minuti che in fondo che differenza c'è

tra giorni e pochi minuti è solo una

questione di tempo

[Musica]

cercare di risalire all'istante iniziale

attraverso l'osservazione della luce

emessa crea un problema non da poco

al momento del big bang c'era buio è

successo di notte mentre dormiva con do

la teoria del big bang all'inizio gli

atomi non esistevano così come li

conosciamo e sappiamo che oltre una

certa temperatura circa 3.000 kelvin

protoni ed elettroni tendono ad essere

dissociate negli istanti primordiali la

temperatura era così alta che c'era

quello che abbiamo chiamato plasma ossia

un qualcosa dove protoni ed elettroni

pagano completamente liberi problema era

che la luce non riusciva ad attraversare

il plasma poiché ha una forte

interazione con protoni ed elettroni di

belo che sono particelle cariche e non

riusciva a scappare

in pratica la luce era come in cambiata

continuamente assorbita e ri diffusa

all'interno del plasma ma con

l'espandersi dell'universo la densità e

la temperatura sono diminuite e una

volta passata si quest'ultima sotto la

soglia di circa 3.000 kelvin protoni ed

elettroni si sono associati a formare

dei veri e propri attori la luce a

questo punto ha potuto essere finalmente

emessa in quanto i fotoni della luce non

interagiscono quasi per nulla con gli

ato è come se la luce fosse un gatto

chiuso in una gabbia che inizialmente

alle spalle fittissime e quindi lui non

riesce ad uscire e poi piano piano le

sbarre si allargano fino a un certo

punto in cui le vibrisse del gatto

passano

intanto sa che se passano le di psp

pasta anche tutto il gatto

dicevamo che gli atomi non interagiscono

quasi per nulla con i fotoni che

compongono la luce in sostanza quando il

plasma si è finalmente composto di atomi

la materia è diventata trasparente dal

modello possiamo dare una stima di

quando questo istante si è verificato

ossia dopo 380.000 anni dal momento in

cui si è ipoteticamente formato il

nostro universo quindi l'osservazione

della luce al massimo ci può portare lì

al

380 mila di beep beep beep beep beep

dopo big bang abb avanti big ben

non sappiamo che cosa ci fosse ma è una

convenzione internazionale o no è

inventata io adesso

i risultati ottenuti dall osservazione

della radiazione cosmica di fondo ne

avevamo accennato qui confermarono il

modello del big bang e diedero credito

anche alla teoria dell'inflazione

cosmica elaborata dunham boot nel 1979 e

poi aggiornata e completata

successivamente l'inflazione cosmica

ipotizza che negli istanti iniziali

l'universo abbia subito una

violentissima espansione in un tempo

molto limitato si parla di cose

impressionanti in termini di spazio di

tempo per capirci è come se un oliva si

espandesse al punto di diventare 20

milioni di volte più grande della via

lattea e tutto questo come dicevo in un

tempo limitato quanto un valore talmente

piccolo da non poter essere neppure

immaginato pensate a quanto può durare

un miliardesimo di secondo

circa il tempo che impiega gualtiero ad

alzare la testa dopo aver sentito la

parola con il tempo impiegato e stato

molto inferiore ma mentre abbiamo

un'idea su tutta questa storia del big

bang dell'espansione del percorso che ha

fatto il nostro universo per essere così

come lo vediamo noi nulla ci è dato

sapere su cosa potesse esistere prima

anche parlandone si rischia di

inciampare

parole e nei concetti che si portano

appresso prima che cosa significa

se il tempo non c'era non c'erano pure

prima il nostro pensiero è

inevitabilmente forgiato e un po vittima

del proprio di dio ma l'universo

potrebbe non avere un'origine temporale

provvedete che già la parola origine a

noi rimanda al concetto di tempo

proviamo ad infilarci per qualche minuto

in alcune speculazioni filosofiche

così per il gusto di vedere che si dice

su questo tema

[Musica]

lo scienziato e filosofo della scienza

francese etienne clan una volta scrisse

la questione dell'inizio e senza fine e

purtroppo pare essere vero anche il solo

pensare all'origine mette i brividi e

forse per questo alcuni sono più

propensi a vedere il big bang come un

evento che non rappresenta un origine ma

piuttosto una fase di transizione è

interessante vedere alcune posizioni su

questi temi a cavallo tra scienza e

filosofia per alcuni ad esempio il corso

del tempo non dipende dalla fisica ma da

questioni cognitive e dunque andrebbe

analizzato all'interno dei campi che si

occupano di questo secondo hermann file

il tempo è mentre siamo noi che abbiamo

la sensazione che accada in qualche modo

secondo lui il tempo prende vita nella

nostra coscienza su questo tema c'è un

interessante paragone fatto

dall'astrofisico thibaut d'amour dice la

nozione di temperatura per un po di info

sulla temperatura vi rimando questi due

video rimette linking descrizione se

volete andare a consultare il tema

dicevo d'amour osserva come in un

sistema in cui vi siano poche particelle

la mozione di temperatura non ha molto

senso e si chiede se non sia lo stesso

con lo scorrere del tempo come sapete

sembra esserci un forte legame frattempo

e temperatura ne avevamo parlato già in

questa serie ma anche nel terzo capitolo

dedicato alle entropia ebbene per da

musa la mozione dello sco

tempo ha senso solo in particolare

sistemi complessi risultando di fatto il

tempo solo una sorta di agente che

compare in ambito psicologico e

inserisce anche un discorso interessante

a riprova di questo il fatto che lo

spazio tempo non abbia acri ory un

orientamento mentre a noi appare

scorrere come se lo avesse vi sono

tuttavia anche posizioni opposte sono

abbastanza celebri le parole usate

all'inizio di un suo trattato di

filosofia da vittek stein quando dice

che il mondo e tutto ciò che accade il

mondo è la totalità dei fatti e non

delle cose

come vedete si tratta dell'eterno

scontro tra presentismo ed eternal ismo

di cui avevamo già parlato nella prima

puntata ciò che voglio aggiungere qui è

una sintesi del tentativo che hanno

fatto alcuni studiosi di andare al di là

di queste due concezioni opposte

trovando di fatto una terza strada in

questa visione del corso del tempo si

costruisce in modo progressivo

dunque il futuro non è già lì e lo

spazio tempo e volte un'immagine che ci

può essere utile è quella della pianta

che continua a germogliare e ogni

germoglio e adesso quindi un adesso

locale che ogni volta si trova al

margine del tempo in sostanza al suo

estremo in questa visione di euro spazio

tempo dinamico già un problema per

riuscire a chiudere il cerchio

bisogna capire cos'è che cada motore a

questa evoluzione un'idea avanzata

sempre incanto speculativo è che il

motore possa essere in qualche modo

l'espansione dell'universo quella di cui

avevamo parlato inizia in video e così

il cerchio

ma giusto per tornare alla frase

iniziale di live nate capite bene che

questa speculazione e tante altre che ne

trovate sugli innumerevoli libri che si

sono occupati del tema in descrizione

per chi fosse interessato

quando mi ricordo metto sempre i testi

che ho consultato per realizzare i video

sono ovviamente solo una piccola parte

di quelli che ci sono ma sono quelli che

mi hanno aiutato a capire meglio il tema

per cui se qualcuno volesse approfondire

ecco quali potrebbero essere dei punti

di partenza non escludo che vi sia in

commercio anche di molto meglio

ovviamente anzi se qualcuno ha fatto

qualche lettura interessante sul tema

vuole iscriversi nei commenti il titolo

del libro che ha consultato non può

farci che piacere non poche arricchirci

rientriamo mura sul discorso nessuno

riesce a dar conto di una sorte di

genesi quando parliamo di età è

inevitabilmente qualcosa di relativo non

abbiamo mai davvero risposto alla

questione cosa è successo quando per

dirla alla leibniz ad un certo punto dal

niente è comparso qualcosa è un problema

quasi di tipo ontologico per usare una

parola grossa la scienza è abituata a

indagare il già esistente come può

esprimersi con i mezzi che utilizza su

una sorta di origine assoluta su una

sorta di creazione non è strutturata per

rispondere a questa domanda ma qualcosa

si può comunque provare a fare potremmo

provare ad esplorare quei fenomeni dai

quali sembra scaturire il tempo i semi

che hanno generato la pianta del tempo

non è facile ma qualche traccia

l'abbiamo trovato

[Musica]

qualcuno un giorno ha pensato che il

segreto del tempo potesse essere

nascosto in un dettaglio legato al

comportamento delle particelle come dire

che se non avessimo particelle fatte di

un certo modo che fanno determinate cose

potrebbe essere che il tempo non esiste

proprio supponiamo di avere due gatti

che adorano l'erba gatta li mettiamo in

mezzo un vasetto e lotteranno per

riuscire a mangiarla oppure una scatola

di cartone due gatti si potrebbero

scannare per una scatola di cartone e

anche qui si genera dove una cosa che

chiameremo lotta ipotizziamo ora deve

relegati geneticamente modificati che

non amano le scatole di cartone devono

essere geneticamente modificati perché

come sapete di gatti che non amano le

scatole di cartone non esistono in quel

caso se mettiamo una scatola di cartone

non si genera la lotta se noi

osservassimo solo quest'ultima

situazione non sapremo mai che cos'è la

lotto il matematico alain connes con

si chiama così scritto connesso

non è un cognome facile da portarlo

si chiama a led con allen con dicevo fa

una dissertazione su un tema decisamente

complesso a cosa interessante questo

approccio che di tipo matematico pur

essendo molto complesso può essere

sintetizzato in un concetto semplice se

a più di uguale a c allora b più uguale

a c

questa cosa è vera quando l'operazione

che abbiamo indicato con il segno più è

commutativa si dice abbiamo molti esempi

quotidiani di cose commutativa se ad

esempio siamo in un grande piazzale e

procediamo 30 metri nella direzione del

nord e poi 10 a est raggiungiamo un

certo punto sarebbe lo stesso punto

anche se facessimo prima 10 metri a est

e poi 30 verso nord

ma se fate la stessa cosa invece che su

un piano su una sfera vi accorgereste

che non vi ritrovate nello stesso punto

ma anche restando nel piazzale se io

faccio 30 metri verso nord e magari

becco una rampa quindi salgo e poi

faccio 10 metri verso est stando sulla

rampa mi ritrovo in un certo punto che

non è lo stesso che se faccio prima 10

metri verso est dove non becco nessuna


Il Tempo prima del Big Bang - Il Tempo esiste?#07 - CURIUSS (1)

**una domanda**

perché c'è qualcosa invece di niente

**ecco non sappiamo ancora rispondere ma**

c'è qualcosa che potrebbe esserci anche

quando non c'è niente e quel qualcosa è

il tempo il tempo è nato con il nostro

universo

oppure è l'universo che nato all'interno

del tempo

in sostanza in essence

c'era un tempo prima dell'universo cosa

vuol dire esattamente prima

dell'universo è una questione complessa

possiamo tanto per cominciare col

mettere un punto fisso un momento da cui

far iniziare la nostra storia lo abbiamo

chiamato big bang capire che aria

tirasse prima del big bang è complicato

sarebbe già perobello in qualche modo

riuscire ad avvicinarsi al momento del

big bang sappiamo che più osserviamo

lontano nello spazio più osserviamo

indietro nel tempo

ne avevamo parlato in questo video

in teoria quindi dovremmo riuscire ad

osservare oggetti che hanno oltre 13

miliardi di anni ricordo che il big bang

dovrebbe essere avvenuto circa 13,8

miliardi di anni fa gli scienziati

utilizzano modelli matematici

osservazioni e provano a risalire il

corso del tempo il momento del big bang

rimane però oscuro lì le equazioni della

relatività generale di einstein che

utilizziamo per descrivere l'universo

non funzionano più e non possono neppure

essere estese a periodi antecedenti come

era lì il tempo cosa c'era prima ha

senso parlare di un prima del big bang a

livello temporale per provare a dire due

parole sensate su questo tema la cosa

importante cercare di capire grosso modo

che cosa dice la teoria del big bang il

tema è ricchissimo e si dovrebbe parlare

per giorni

ma proviamo a farci un'idea in pochi

minuti che in fondo che differenza c'è

tra giorni e pochi minuti è solo una

questione di tempo

[Musica]

cercare di risalire all'istante iniziale

attraverso l'osservazione della luce

emessa crea un problema non da poco

al momento del big bang c'era buio è

successo di notte mentre dormiva con do

la teoria del big bang all'inizio gli

atomi non esistevano così come li

conosciamo e sappiamo che oltre una

certa temperatura circa 3.000 kelvin

protoni ed elettroni tendono ad essere

dissociate negli istanti primordiali la

temperatura era così alta che c'era

quello che abbiamo chiamato plasma ossia

un qualcosa dove protoni ed elettroni

pagano completamente liberi problema era

che la luce non riusciva ad attraversare

il plasma poiché ha una forte

interazione con protoni ed elettroni di

belo che sono particelle cariche e non

riusciva a scappare

in pratica la luce era come in cambiata

continuamente assorbita e ri diffusa

all'interno del plasma ma con

l'espandersi dell'universo la densità e

la temperatura sono diminuite e una

volta passata si quest'ultima sotto la

soglia di circa 3.000 kelvin protoni ed

elettroni si sono associati a formare

dei veri e propri attori la luce a

questo punto ha potuto essere finalmente

emessa in quanto i fotoni della luce non

interagiscono quasi per nulla con gli

ato è come se la luce fosse un gatto

chiuso in una gabbia che inizialmente

alle spalle fittissime e quindi lui non

riesce ad uscire e poi piano piano le

sbarre si allargano fino a un certo

punto in cui le vibrisse del gatto

passano

intanto sa che se passano le di psp

pasta anche tutto il gatto

dicevamo che gli atomi non interagiscono

quasi per nulla con i fotoni che

compongono la luce in sostanza quando il

plasma si è finalmente composto di atomi

la materia è diventata trasparente dal

modello possiamo dare una stima di

quando questo istante si è verificato

ossia dopo 380.000 anni dal momento in

cui si è ipoteticamente formato il

nostro universo quindi l'osservazione

della luce al massimo ci può portare lì

al

380 mila di beep beep beep beep beep

dopo big bang abb avanti big ben

non sappiamo che cosa ci fosse ma è una

convenzione internazionale o no è

inventata io adesso

i risultati ottenuti dall osservazione

della radiazione cosmica di fondo ne

avevamo accennato qui confermarono il

modello del big bang e diedero credito

anche alla teoria dell'inflazione

cosmica elaborata dunham boot nel 1979 e

poi aggiornata e completata

successivamente l'inflazione cosmica

ipotizza che negli istanti iniziali

l'universo abbia subito una

violentissima espansione in un tempo

molto limitato si parla di cose

impressionanti in termini di spazio di

tempo per capirci è come se un oliva si

espandesse al punto di diventare 20

milioni di volte più grande della via

lattea e tutto questo come dicevo in un

tempo limitato quanto un valore talmente

piccolo da non poter essere neppure

immaginato pensate a quanto può durare

un miliardesimo di secondo

circa il tempo che impiega gualtiero ad

alzare la testa dopo aver sentito la

parola con il tempo impiegato e stato

molto inferiore ma mentre abbiamo

un'idea su tutta questa storia del big

bang dell'espansione del percorso che ha

fatto il nostro universo per essere così

come lo vediamo noi nulla ci è dato

sapere su cosa potesse esistere prima

anche parlandone si rischia di

inciampare

parole e nei concetti che si portano

appresso prima che cosa significa

se il tempo non c'era non c'erano pure

prima il nostro pensiero è

inevitabilmente forgiato e un po vittima

del proprio di dio ma l'universo

potrebbe non avere un'origine temporale

provvedete che già la parola origine a

noi rimanda al concetto di tempo

proviamo ad infilarci per qualche minuto

in alcune speculazioni filosofiche

così per il gusto di vedere che si dice

su questo tema

[Musica]

lo scienziato e filosofo della scienza

francese etienne clan una volta scrisse

la questione dell'inizio e senza fine e

purtroppo pare essere vero anche il solo

pensare all'origine mette i brividi e

forse per questo alcuni sono più

propensi a vedere il big bang come un

evento che non rappresenta un origine ma

piuttosto una fase di transizione è

interessante vedere alcune posizioni su

questi temi a cavallo tra scienza e

filosofia per alcuni ad esempio il corso

del tempo non dipende dalla fisica ma da

questioni cognitive e dunque andrebbe

analizzato all'interno dei campi che si

occupano di questo secondo hermann file

il tempo è mentre siamo noi che abbiamo

la sensazione che accada in qualche modo

secondo lui il tempo prende vita nella

nostra coscienza su questo tema c'è un

interessante paragone fatto

dall'astrofisico thibaut d'amour dice la

nozione di temperatura per un po di info

sulla temperatura vi rimando questi due

video rimette linking descrizione se

volete andare a consultare il tema

dicevo d'amour osserva come in un

sistema in cui vi siano poche particelle

la mozione di temperatura non ha molto

senso e si chiede se non sia lo stesso

con lo scorrere del tempo come sapete

sembra esserci un forte legame frattempo

e temperatura ne avevamo parlato già in

questa serie ma anche nel terzo capitolo

dedicato alle entropia ebbene per da

musa la mozione dello sco

tempo ha senso solo in particolare

sistemi complessi risultando di fatto il

tempo solo una sorta di agente che

compare in ambito psicologico e

inserisce anche un discorso interessante

a riprova di questo il fatto che lo

spazio tempo non abbia acri ory un

orientamento mentre a noi appare

scorrere come se lo avesse vi sono

tuttavia anche posizioni opposte sono

abbastanza celebri le parole usate

all'inizio di un suo trattato di

filosofia da vittek stein quando dice

che il mondo e tutto ciò che accade il

mondo è la totalità dei fatti e non

delle cose

come vedete si tratta dell'eterno

scontro tra presentismo ed eternal ismo

di cui avevamo già parlato nella prima

puntata ciò che voglio aggiungere qui è

una sintesi del tentativo che hanno

fatto alcuni studiosi di andare al di là

di queste due concezioni opposte

trovando di fatto una terza strada in

questa visione del corso del tempo si

costruisce in modo progressivo

dunque il futuro non è già lì e lo

spazio tempo e volte un'immagine che ci

può essere utile è quella della pianta

che continua a germogliare e ogni

germoglio e adesso quindi un adesso

locale che ogni volta si trova al

margine del tempo in sostanza al suo

estremo in questa visione di euro spazio

tempo dinamico già un problema per

riuscire a chiudere il cerchio

bisogna capire cos'è che cada motore a

questa evoluzione un'idea avanzata

sempre incanto speculativo è che il

motore possa essere in qualche modo

l'espansione dell'universo quella di cui

avevamo parlato inizia in video e così

il cerchio

ma giusto per tornare alla frase

iniziale di live nate capite bene che

questa speculazione e tante altre che ne

trovate sugli innumerevoli libri che si

sono occupati del tema in descrizione

per chi fosse interessato

quando mi ricordo metto sempre i testi

che ho consultato per realizzare i video

sono ovviamente solo una piccola parte

di quelli che ci sono ma sono quelli che

mi hanno aiutato a capire meglio il tema

per cui se qualcuno volesse approfondire

ecco quali potrebbero essere dei punti

di partenza non escludo che vi sia in

commercio anche di molto meglio

ovviamente anzi se qualcuno ha fatto

qualche lettura interessante sul tema

vuole iscriversi nei commenti il titolo

del libro che ha consultato non può

farci che piacere non poche arricchirci

rientriamo mura sul discorso nessuno

riesce a dar conto di una sorte di

genesi quando parliamo di età è

inevitabilmente qualcosa di relativo non

abbiamo mai davvero risposto alla

questione cosa è successo quando per

dirla alla leibniz ad un certo punto dal

niente è comparso qualcosa è un problema

quasi di tipo ontologico per usare una

parola grossa la scienza è abituata a

indagare il già esistente come può

esprimersi con i mezzi che utilizza su

una sorta di origine assoluta su una

sorta di creazione non è strutturata per

rispondere a questa domanda ma qualcosa

si può comunque provare a fare potremmo

provare ad esplorare quei fenomeni dai

quali sembra scaturire il tempo i semi

che hanno generato la pianta del tempo

non è facile ma qualche traccia

l'abbiamo trovato

[Musica]

qualcuno un giorno ha pensato che il

segreto del tempo potesse essere

nascosto in un dettaglio legato al

comportamento delle particelle come dire

che se non avessimo particelle fatte di

un certo modo che fanno determinate cose

potrebbe essere che il tempo non esiste

proprio supponiamo di avere due gatti

che adorano l'erba gatta li mettiamo in

mezzo un vasetto e lotteranno per

riuscire a mangiarla oppure una scatola

di cartone due gatti si potrebbero

scannare per una scatola di cartone e

anche qui si genera dove una cosa che

chiameremo lotta ipotizziamo ora deve

relegati geneticamente modificati che

non amano le scatole di cartone devono

essere geneticamente modificati perché

come sapete di gatti che non amano le

scatole di cartone non esistono in quel

caso se mettiamo una scatola di cartone

non si genera la lotta se noi

osservassimo solo quest'ultima

situazione non sapremo mai che cos'è la

lotto il matematico alain connes con

si chiama così scritto connesso

non è un cognome facile da portarlo

si chiama a led con allen con dicevo fa

una dissertazione su un tema decisamente

complesso a cosa interessante questo

approccio che di tipo matematico pur

essendo molto complesso può essere

sintetizzato in un concetto semplice se

a più di uguale a c allora b più uguale

a c

questa cosa è vera quando l'operazione

che abbiamo indicato con il segno più è

commutativa si dice abbiamo molti esempi

quotidiani di cose commutativa se ad

esempio siamo in un grande piazzale e

procediamo 30 metri nella direzione del

nord e poi 10 a est raggiungiamo un

certo punto sarebbe lo stesso punto

anche se facessimo prima 10 metri a est

e poi 30 verso nord

ma se fate la stessa cosa invece che su

un piano su una sfera vi accorgereste

che non vi ritrovate nello stesso punto

ma anche restando nel piazzale se io

faccio 30 metri verso nord e magari

becco una rampa quindi salgo e poi

faccio 10 metri verso est stando sulla

rampa mi ritrovo in un certo punto che

non è lo stesso che se faccio prima 10

metri verso est dove non becco nessuna